Il cambio di paradigma mondiale sospinge l’Europa a recuperare un ruolo internazionale

Il declino dell’egemonia unipolare USA spinge l’Europa a riposizionarsi nel nuovo contesto globale.

Attualmente sullo scenario internazionale stiamo assistendo ad un processo di transizione che porta ad una trasformazione sostanziale degli equilibri mondiali. Il cambiamento riguarda il fallimento del vecchio progetto di Nuovo Ordine Mondiale basato su un dominio unipolare degli Stati Uniti sostituito oggi con l’assetto di un mondo multipolare policentrico dove la Russia e la Cina competono apertamente con gli Stati Uniti per l’egemonia globale.

In pratica tutti gli avvenimenti di ordine internazionale, sia sul piano geopolitico che su quello geofinanziario, hanno a che fare, in un modo o nell’altro, con questa competizione di potere.

Sia Mosca che Pechino hanno condannato la decisione degli Stati Uniti di abbandonare l’accordo nucleare con l’Iran.

La politica aggressiva e brutale dell’Amministrazione Trump non si è fatta scrupoli di prendere decisioni unilaterali danneggiando gli interessi degli alleati europei e privilegiando i propri obiettivi prioritari: isolare e annientare l’Iran.

Il modo in cui i paesi europei, dalla Germania alla Francia ed allo stesso Regno Unito sono stati trattati è, a dire poco, umiliante: Washington ha fatto capire che bisogna allinearsi con la propria politica o subire tutte le conseguenze delle sanzioni prese a livello unilaterale che hanno effetto anche sulle imprese europee che stanno investendo in Iran. Un modo di fare tipico del padrone verso i propri subordinati.

Altrettanto è accaduto con la decisione di Trump di alzare i dazi doganali sulle importazioni di acciaio, alluminio, auto e presto allargate ad altri prodotti dell’industria europea, una decisione che rappresenta un ritorno di fatto al protezionismo e la fine della logica dei mercati globali.

Queste misure, insieme alle sanzioni contro la Russia, rappresentano di fatto un attacco all’economia europea.

Le misure prese da Washington  hanno provocato una reazione piccata e decisa soprattutto da parte della Germania. Sono in gioco grossi interessi economici e diversi ambienti tedeschi iniziano apertamente a sostenere la tesi che l’Europa non può più contare su una difesa da parte di Washington.

L’Unione Europea costituisce oggi il terzo blocco economico mondiale che, pur essendo privo di una propria statura politica, rappresenta comunque uno dei pilastri dell’assetto mondiale.

Quella di staccarsi dalla tutela di Washington e giocare un proprio ruolo è la tentazione che la Germania oggi inizia ad accarezzare ma che potrebbe essere comune anche ad altri paesi europei che hanno ormai compreso che i propri interessi nazionali divergono da quelli degli USA. Questo significherebbe entrare in un nuovo paradigma geopolitico a livello mondiale. In pratica si tratterebbe si sfruttare a proprio vantaggio l’impetuoso sviluppo dell’area asiatica con il traino della Cina e dei grandi paesi come India e Russia.

Gli USA ed i grandi centri finanziari temono questo possibile sviluppo e stanno adottando una strategia di contenimento che prevede di disarticolare l’Unione Europea mettendo gli uni contro gli altri i paesi del vecchio continente. Una strategia che nel contempo tende a demonizzare la Russia adottando ogni mezzo di provocazione e creare un grande fossato di separazione fra questo e l’Europa.

Il timore di Washington è essenzialmente quello di una possibile saldatura tra Europa e Russia ed in particolare tra tecnologia tedesca e risorse energetiche e minerarie russe.

La leva di cui attualmente dispone Washington è il forte malcontento generato in Europa per le politiche di egemonia economica realizzate dalla Germania a discapito degli altri paesi più deboli, una situazione che sta determinando dei cambiamenti negli assetti di governo che vedono la possibilità di un Eurobrexit, che sarebbe incentivato e segretamente favorito dall’Amministrazione di Washington.

Tutto questo dimostra come possano cambiare rapidamente le situazioni quando si collegano i fattori della geopolitica con il mondo finanziario, con gli sviluppi economici e gli assetti energetici dello scenario internazionale. La prospettiva adesso sarà quella di una scelta che le grandi imprese europee ed i governi dovranno fare tra il cedere alle pressioni di Washington, adeguandosi alle sanzioni verso l’Iran e la Russia, oppure se i governi europei vorranno cercare un percorso autonomo. Una scelta difficile ma ineludibile.


Editoriale

 

Vincitori e vinti alle elezioni

di Adriano Tilgher

I dati ormai sono sul tavolo, i giornali di regime ci hanno raccontato chi ha vinto e chi ha perso, i principali interpreti si sono tutti manifestati, pure il nostro Pensiero Forte ha dato le pagelle ai contendenti, sembra una pratica da archiviare. Anche se… tutto può ancora succedere. L’aumento delle astensioni dal voto manifesta, come in tanti hanno commentato, disaffezione e malessere, ovvero l’aumento della distanza sempre più significativo tra la gente e le istituzioni. D’altra parte non poteva essere diversamente visto tutto quello che è accaduto in questi ultimi anni.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Abbiamo vinto il Festival

Lo scorso fine settimana si sono svolte elezioni politiche importantissime per il futuro del nostro paese, e perciò vi parlerò... di musica. 1992 nella kermesse della quarantaduesima edizione del Festival di Sanremo, partecipa il gruppo musicale "Statuto", fra i maggiori rappresentanti di un genere da sempre sottovalutato nel nostro paese, lo Ska. Stile musicale partito dalla Giamaica tra la fine degli anni 50 ed i primi anni 60, approdato dopo l'indipendenza della Giamaica nel 1962 nel regno unito. In quel paese lo Ska venne conosciuto anche con il termine bluebeat, perché molti dei primi singoli ska erano realizzati per l'etichetta discografica Blue Beat Records.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.