La guerra alle porte dell'Europa secondo il piano USA

L'élite di potere USA insegue da molto tempo l'obiettivo di riprendere il dominio unipolare sul mondo che aveva ottenuto negli anni '90 dopo lo sfaldamento dell'URSS e che oggi viene messo in questione.

Dei due principali antagonisti del potere USA, la Russia e la Cina, il primo veniva considerato dagli strateghi di Washington come l'obiettivo più immediato per un’azione di destabilizzazione mirata.

Contrariamente a quanto viene narrato dall'apparato dei media occidentali, la guerra contro la Russia non è nata nel febbraio di quest'anno ma ha origine da una precisa pianificazione fatta a Washington.

Per un caso fortuito, è trapelato ed è poi stato pubblicato uno studio della Rand Corporation, un Istituto collegato al Pentagono, che risale a più di tre anni fa, dimostra incontestabilmente che la guerra in Ucraina è in realtà la manifestazione di un più ampio attacco deliberato contro la Russia per mezzo del quale gli Stati Uniti stanno tentando di logorare e disarticolare la Federazione Russa.

Gli avvenimenti di questi mesi dimostrano come sia andato avanti il piano, in un primo tempo con l'istigazione fatta alla giunta di Kiev per attaccare le zone russofone del Donbass e quindi provocare la reazione russa che è arrivata con l'offensiva di febbraio. Successivamente per sospingere l'Ucraina nella rete della NATO e creare basi dell'Alleanza sul territorio ucraino. Era chiaro che la Russia sarebbe intervenuta in quanto non poteva permettere tutto questo, tanto meno il massacro della popolazione russofona del Donbass.

Le linee rosse tracciate da Putin e i moniti di avvertimento lanciati da Mosca, nei mesi precedenti, non sono serviti a dissuadere gli ucraini dal continuare le loro azioni aggressive, spalleggiati da Washington e da Bruxelles.

La guerra in Ucraina serviva e serve al piano degli USA per mettere in difficoltà la Russia, costringendola ad impantanarsi in un conflitto vicino ai suoi confini. Dall'inizio di questo siamo arrivati all'ottavo mese di guerra e il coinvolgimento della NATO e degli anglo USA nel conflitto è sempre più evidente. Armi, consiglieri militari dei paesi NATO, intelligence e logistica sono forniti massicciamente da questi paesi e, da ultimo, la campagna terroristica lanciata da Kiev con assassinio di persone russe (Daria Dugina) e sabotaggi ed attentati sul territorio russo, sembra di certo ispirata dalle centrali della NATO .

La reazione russa e' stata immediata e decisa con gli attacchi contro le infrastrutture elettriche, centri di comando e di controllo, depositi di armi e munizioni.

L'obiettivo principale del piano era quello di attirare la Russia nella trappola Ucraina e favorire la distruzione progressiva dello stato russo, un cambio di potere al Cremlino e il varo di sanzioni paralizzanti per isolare la Russia e renderla uno "Stato paria".

Per quanto Washington neghi il suo coinvolgimento, le prove sono schiaccianti ed in più lo stesso Stoltenberg, il segretario NATO, si è lasciato sfuggire una importante ammissione: in un articolo per il Financial Times il mese scorso ha ammesso che il blocco militare guidato dagli Stati Uniti ha armato l'Ucraina dal 2014 allo scopo di agitare le tensioni con la Russia.

Tuttavia le cose non stanno andando nella direzione prevista dagli statunitensi. Il presidente Putin ha compreso gli obiettivi di lungo termine dei suoi nemici ed ha fatto le sue mosse: ha stretto nuove alleanze con paesi emergenti ed ha iniziato a vendere le sue risorse in rubli. Altri paesi hanno seguito l'esempio e le organizzazioni alternative come la SCO (Accordo di Shangai) hanno ampliato il numero dei paesi associati, arrivando al 43% della popolazione mondiale. Le sanzioni dell'Occidente si sono rivelate inefficaci ed hanno avuto un effetto boomerang sui paesi europei, trascinati in profonda crisi e recessione economica.

Sul piano militare, dopo una strategia "morbida" utilizzata dai russi in Ucraina, vista la campagna terroristica lanciata dalla giunta di Kiev, Putin ha iniziato un’offensiva da "terra bruciata" in Ucraina per distruggere le infrastrutture del paese e lanciare un messaggio: se continuate gli attacchi terroristici in territorio russo, vi faremo ritornare nel sedicesimo secolo, senza elettricità e riscaldamento.

La soluzione del conflitto è in questo momento in mano ai centri decisionali di Washington e di Bruxelles: fermare il conflitto, scendere ad un negoziato e riconoscere un sistema di sicurezza europeo, altrimenti la parola sarà ceduta ai missili e ai sottomarini nucleari.

 

Immagine: https://www.ilfattoquotidiano.it/


Editoriale

 

Il ruolo dell'Italia - 4

di Adriano Tilgher

Patrimonio culturale immateriale, patrimonio culturale materiale, faro di cultura e di civiltà, posizione geopolitica e strategica fondamentale per l’equilibrio nel Mediterraneo in una nuova identità che nasca dal superamento di tutte le contraddizioni interne sono il presupposto per definire il ruolo finale dell’Italia. Non si tratta di egemonia mondiale di cui stiamo parlando perché questa sul piano culturale ci appartiene di diritto e ci è riconosciuta da tutti ed è la ragione principale per cui l’Italia è sotto attacco soprattutto nel campo della formazione. Non si tratta nemmeno di becero imperialismo imperniato sulla forza delle armi sotto l’egida e il ricatto della grande industria militare, stiamo parlando di qualcosa di molto più concreto, legato ai valori profondi dell’essere umano e delle comunità che riesce a costruire.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Più buio che a mezzanotte non viene

22 giugno 1946 entra in vigore il: “Decreto presidenziale di amnistia e indulto per reati (..), politici e militari”, avvenuti durante il periodo dell'"occupazione nazifascista". Legge proposta e varata da Palmiro Togliatti, segretario del PCI, e allora ministro di Grazia e Giustizia del primo governo De Gasperi. L'amnistia, che prenderà il nome dal suo promulgatore, aveva come scopo primario, quello di giungere quanto prima a una pacificazione nazionale, per evitare che l'"epurazione", degli ex fascisti rallentasse la ricostruzione materiale del paese. Con l'amnistia vennero scarcerati migliaia di detenuti che furono reinseriti senza troppo clamore nella cosiddetta "Società Civile". Stranamente (o forse no) alcuni degli ex prigionieri, arriveranno perfino a iscriversi al Partito Comunista, chi per convenienza, chi per continuare l’ideale battaglia de: "Il sangue contro l'oro",  in quanto (almeno a parole) vedevano nel PCI un argine ad una visione liberista del mondo, identificando più che nell'unione Sovietica il nemico in quegli Stati Uniti artefici di massacri e distruzione delle nostre città.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.