La potenziale espansione dei BRICS determina la formazione di una nuova realtà internazionale

La partecipazione di Putin al vertice dei BRICS è suonata come un campanello d'allarme per gli USA - Lo ha riportato anche la stessa stampa americana.

La l'apparizione come protagonista del presidente russo Vladimir Putin al 14° vertice BRICS ha inviato un messaggio inquietante agli Stati Uniti. Gli analisti internazionali hanno sottolineato che il presidente cinese Xi Jinping ha fornito al capo della Federazione Russa "il palcoscenico internazionale più fragoroso" dall'inizio dell'operazione speciale in Ucraina". Il gesto dovrebbe essere visto come un "severo promemoria" per gli Stati Uniti della loro fallita campagna anti-russa.

La presenza diretta del presidente Putin ha dimostrato l'importanza strategica della Russia in diverse parti del mondo e il desiderio di alcuni paesi chiave di non aderire al boicottaggio commerciale occidentale, questo in sostanza hanno affermato altri osservatori.

Il rafforzamento dei BRICS è stato messo in risalto dall'ammissione di nuovi soci, fra cui Argentina e Iran e si parla del ruolo crescente dell'associazione su scala globale e tale sviluppo indica che è in atto una significativa riformattazione del sistema delle relazioni internazionali, basato in precedenza sull'idea di dominio totale degli USA. Questa non è soltanto un’opinione ma è anche una constatazione che si deve al fatto che il gruppo dei BRICS rappresenta oggi il 25 % circa del PIL mondiale e, in termini demografici, il 43% circa della popolazione mondiale. Rispetto all'Occidente che, nel suo complesso, rappresenta l'11% della popolazione (incluse Canada e Australia) questa realtà dimostra la crescente influenza economica e politica di questo gruppo di paesi.

Il 27 giugno, il Ministero degli Esteri russo ha riferito che Teheran e Buenos Aires avevano presentato domanda di inclusione nei BRICS. Il giorno successivo, il ministro degli Esteri Sergei Lavrov ha affermato che la decisione di accettare nuovi membri sarà presa sulla base del consenso. Un consenso che appare scontato nell'ambito del gruppo.

Tale ampliamento del  gruppo dei BRICS è una risposta molto effettiva  al G7 occidentale dovuta al fatto che l'organizzazione ha un grande futuro. Questi sono paesi con un'economia reale, e non gonfiati con tutti i tipi di derivati in uso nelle economie occidentali ​.

Facile prevedere che i BRICS diventeranno un centro di attrazione per quei paesi che vorranno mantenere la propria sovranità statale. L'ingresso di queste nuove economie sarà una tappa nello sviluppo del blocco. Inoltre, si conferma la tendenza in aumento nel mondo multipolare. Questo comporta un cambiamento nella sfera della struttura economica internazionale che, fino ad ora, era sbilanciata a favore del dominio economico e finanziario anglo USA in particolare. Proprio in questo periodo si sta formando una nuova realtà politica ed economica mondiale, come vari esperti economici iniziano a notare.

Tramonta il vecchio sistema delle regole dettate dai globalisti anglo USA che, fino a ieri, predicavano la divisione produttiva del lavoro sulla base dei parametri di costo e applicavano lo sfruttamento delle risorse dei paesi in via di sviluppo. I paesi emergenti del gruppo lavorano per migliorare la loro base produttiva, per investire sulle infrastrutture e valorizzare le proprie risorse.

In prospettiva sarà modificato il nuovo scenario internazionale che andrà a capovolgere tutti i dogmi del sistema economico dominato dalla finanza occidentale di impronta neoliberale. Una prospettiva che sconvolgerà i vecchi equilibri nel giro di pochi anni grazie anche al crescente peso politico delle potenze emergenti come Cina, India e Brasile, oltre alla Russia impegnata in una lotta esistenziale con l'Occidente.

Il messaggio è molto chiaro e rappresenta un’opportunità per quei paesi che vorranno affrancarsi dalla vecchia dominazione USA occidentale e trovare nuovi poli di sviluppo. Rimangono le vecchie province dell'impero USA che poco a poco, come sta accadendo all'Europa, sospinte dalle crisi energetiche e sociali, già da oggi iniziano a perdere peso ed influenza a scapito degli emergenti.

L’infallibile legge della Storia dei cicli e della caducità del potere andrà ancora a prevalere a scapito di coloro che ritenevano impossibile il crollo del vecchio Impero.

 

Immagine: https://www.globalist.it/


Editoriale

 

Il ruolo dell'Italia - 4

di Adriano Tilgher

Patrimonio culturale immateriale, patrimonio culturale materiale, faro di cultura e di civiltà, posizione geopolitica e strategica fondamentale per l’equilibrio nel Mediterraneo in una nuova identità che nasca dal superamento di tutte le contraddizioni interne sono il presupposto per definire il ruolo finale dell’Italia. Non si tratta di egemonia mondiale di cui stiamo parlando perché questa sul piano culturale ci appartiene di diritto e ci è riconosciuta da tutti ed è la ragione principale per cui l’Italia è sotto attacco soprattutto nel campo della formazione. Non si tratta nemmeno di becero imperialismo imperniato sulla forza delle armi sotto l’egida e il ricatto della grande industria militare, stiamo parlando di qualcosa di molto più concreto, legato ai valori profondi dell’essere umano e delle comunità che riesce a costruire.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Più buio che a mezzanotte non viene

22 giugno 1946 entra in vigore il: “Decreto presidenziale di amnistia e indulto per reati (..), politici e militari”, avvenuti durante il periodo dell'"occupazione nazifascista". Legge proposta e varata da Palmiro Togliatti, segretario del PCI, e allora ministro di Grazia e Giustizia del primo governo De Gasperi. L'amnistia, che prenderà il nome dal suo promulgatore, aveva come scopo primario, quello di giungere quanto prima a una pacificazione nazionale, per evitare che l'"epurazione", degli ex fascisti rallentasse la ricostruzione materiale del paese. Con l'amnistia vennero scarcerati migliaia di detenuti che furono reinseriti senza troppo clamore nella cosiddetta "Società Civile". Stranamente (o forse no) alcuni degli ex prigionieri, arriveranno perfino a iscriversi al Partito Comunista, chi per convenienza, chi per continuare l’ideale battaglia de: "Il sangue contro l'oro",  in quanto (almeno a parole) vedevano nel PCI un argine ad una visione liberista del mondo, identificando più che nell'unione Sovietica il nemico in quegli Stati Uniti artefici di massacri e distruzione delle nostre città.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.