L'élite di potere anglosassone gioca la carta del conflitto nucleare

Le oligarchie anglosassoni non si rassegnano alla sconfitta dei loro prodi in Ucraina e dell'apparato della Nato che li sostiene. Troppo importante la posta in gioco: il nuovo assetto mondiale dominato da loro o dagli antagonisti del potere anglosassone (Russia e Cina).

Per evitare il collasso delle forze ucraine/Nato, gli esponenti dei governi di Londra e Washington prospettano non solo l'invio di ancora più armi offensive ma anche l'utilizzo di armi nucleari. Vedasi le ultime dichiarazioni del premier britannico Johnson nel corso della sua visita a Kiev e di vari esponenti del Congresso USA e del Pentagono.

Con il crollo del fronte ucraino, il piano del "deep state" rischia di franare e con esso l'ordine mondiale attentamente pianificato dagli strateghi USA che vedevano una restaurazione del dominio unipolare USA sul mondo. La situazione gli sta sfuggendo di mano, la Russia doveva essere sconfitta ma ha reagito ed ha preso in contropiede le strategie degli anglo USA in Europa.

La manovra di accerchiamento di Washington è stata interrotta dalla "operazione speciale" russa e la stessa Russia non è rimasta isolata, come gli anglo USA speravano, al contrario si è portata dalla sua parte la Cina di Xi Jinping, l'India di Modi e i grandi paesi emergenti come Indonesia, Brasile, Sud Africa, oltre ai paesi islamici e persino Messico e Argentina. Tutte nazioni che ripudiano l'ordine mondiale dettato da Washington e le sue regole.

Una gran parte del mondo rifiuta l'ordine occidentale di marca USA dei dominanti, quello della grande finanza, del liberismo, del colonialismo culturale, e questo terzo mondo, dall'Africa all'America Latina, si dimostra solidale con la Russia e collaborativo con la Cina.

Di fatto siamo arrivati a quello che Samuel Huntington denominava lo "scontro di civiltà" con un’alleanza anti occidentale costituita da vari capi di stato di diversa estrazione e cultura ma accomunati da una visione del mondo diversa da quella occidentale.

Le conseguenze delle sanzioni si stanno rivelando fatali per l'Europa e per molti altri paesi con lo spettro della recessione economica, carestia, sommosse sociali e migrazioni incontrollate. Un effetto voluto dagli egemoni, le élite massoniche anglo sioniste, a cui non è bastata l'operazione Covid/Pandemia, oggi puntano alla guerra nella speranza di riprendere il controllo del mondo.

Nonostante l’ossessiva propaganda diffusa dalle centrali di potere, iniziano a comparire le prime fratture anche negli stati europei, vedi il risultato delle elezioni in Francia e l'emergere di movimenti populisti in Italia. Una rabbia di rivolta cova sotto la cenere e la crisi economica farà prima o poi esplodere questa rabbia, esasperata dalle disuguaglianze sociali e dall'arroganza del potere. In questo momento le élite di potere sono pericolose in quanto la disperazione può spingerle a gesti inconsulti.

Infatti vari osservatori prevedono un prossimo collasso della stessa Unione Europea dilaniata dalle sue contraddizioni. Un organismo verticista e burocratico, dominato dalle lobby affaristiche e gestito da personaggi non eletti ma imposti dalle élite che si è rivelato totalmente al servizio delle centrali di potere d'oltre Atlantico.

La dominazione del sistema finanziario si sta disgregando e il segnale viene dato dalla fine del dominio del dollaro.

Il Deep State è in guerra con tutti coloro che si oppongono al dominio anglo USA ma non è in grado di invertire la tendenza al ripudio di questo ordine dettato dai banchieri e dai transumanisti.

I grandi paesi attingono alla loro cultura, alle loro tradizioni nazionali e religiose, al Cristianesimo ortodosso (nel caso della Russia), al Taoismo e al Confucianesimo (Cina), alla tradizione induista (India), ai dettati dell'Islamismo sciita o sunnita, nel caso dei paesi islamici.

Questo è il vero cambio di paradigma che spaventa le élite di Washington e di Londra e che le spinge a provocare la guerra e il caos.

 

Immagine: https://www.difesaonline.it/


Editoriale

 

Vincitori e vinti alle elezioni

di Adriano Tilgher

I dati ormai sono sul tavolo, i giornali di regime ci hanno raccontato chi ha vinto e chi ha perso, i principali interpreti si sono tutti manifestati, pure il nostro Pensiero Forte ha dato le pagelle ai contendenti, sembra una pratica da archiviare. Anche se… tutto può ancora succedere. L’aumento delle astensioni dal voto manifesta, come in tanti hanno commentato, disaffezione e malessere, ovvero l’aumento della distanza sempre più significativo tra la gente e le istituzioni. D’altra parte non poteva essere diversamente visto tutto quello che è accaduto in questi ultimi anni.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Abbiamo vinto il Festival

Lo scorso fine settimana si sono svolte elezioni politiche importantissime per il futuro del nostro paese, e perciò vi parlerò... di musica. 1992 nella kermesse della quarantaduesima edizione del Festival di Sanremo, partecipa il gruppo musicale "Statuto", fra i maggiori rappresentanti di un genere da sempre sottovalutato nel nostro paese, lo Ska. Stile musicale partito dalla Giamaica tra la fine degli anni 50 ed i primi anni 60, approdato dopo l'indipendenza della Giamaica nel 1962 nel regno unito. In quel paese lo Ska venne conosciuto anche con il termine bluebeat, perché molti dei primi singoli ska erano realizzati per l'etichetta discografica Blue Beat Records.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.