La UE sui migranti: il festival dell'ipocrisia

Se esiste un responsabile della crisi dei migranti localizzata alle frontiere della Bielorussia e Polonia non ci sono dubbi che questa è la stessa Unione Europea che oggi accusa gli altri (Bielorussia e Russia) ma è la stessa UE che, con il suo lassismo e servilismo verso il padrone americano è stata diretta causa dei disastri.

Oggi vediamo agitarsi gli euroburocrati in vane accuse prima contro Lukashenko, il “cattivo dittatore” di Minsk che ricatta l’Europa con i migranti e poi contro Putin, considerato il mandante della crisi e il sostenitore di Lukashenko. Entrambi secondo Bruxelles vorrebbero sopraffare l’Europa con i migranti e gli euroburocrati preparano un ulteriore pacchetto di sanzioni contro la Bielorussia.

In realtà i fatti sono chiari e lampanti. Enumeriamoli con ordine:

Punto primo. Da dove fuggono i migranti. Questo si vede subito anche dai volti di queste persone disperate, volti di iracheni, curdi, afgani, siriani che fuggono dai loro paesi bombardati e destabilizzati dalle guerre che l’occidente, USA, NATO e paesi europei hanno esportato sulle loro terre per interessi geopolitici dell’Impero USA. Lo avevano dichiarato i vari Bush, Obama, la Clinton e i loro sodali: se non vi piegate vi porteremo all’età della pietra.

Gli europei ed in particolare i francesi,i polacchi, britannici, danesi, lituani, romeni, lettoni, spagnoli, ungheresi hanno fatto la loro parte nella coalizione internazionale che ha bombardato e disastrato i loro paesi.

L’Unione Europea ha condiviso pienamente con gli Stati Uniti la responsabilità del caos che è stato portato nel Medio Oriente e in Afghanistan. Se non ci fossero state quelle guerre volute dagli strateghi di Washington, la gente non sarebbe fuggita. Basti pensare a paesi come la Libia, la Siria o l’Iraq che, prima degli interventi occidentali, avevano realizato grandi progressi e un migliore tenore di vita alle popolazioni.

L’Unione Europea è complice di quelle distruzioni e della conseguente crisi umanitaria creata nei territori che vanno da Tripoli a Kabul.

Punto 2. La stessa Unione Europea che ha sempre ( a parole) parlato di diritti umani e che aveva esortato i paesi del Mediterraneo come Italia e Grecia ad accogliere da soli l’ondata di migranti, adesso giustifica il rifiuto della Polonia e accusa la Bielorussia di ricatto cinico e lascia a gelare i disgraziati con donne incinte e bambini piccoli alla frontiera polacca. Nessuna comprensione umanitaria ma gli euroburocrati si dimostrano sordi e impassibili di fronte alle sofferenze di questa gente, gridano che se la sbrighi Lukashenko e minacciano sanzioni su sanzioni.

Punto 3. Ancora più grave la Germania della Merkel che ha fatto riempire di miliardi il turco Erdogan per lo stesso motivo, fermare i migranti dalla Siria, adesso non accetta di fornire aiuti alla Bielorussia investita suo malgrado dall’ondata migratoria. Due dittatori ma trattamento diverso.

Questa poi l’altra colpa dell’Unione Europea: nel tentativo di strangolare la Bielorussia, risulta pronta a sacrificare la vita di persone sfortunate e farli morire tutti se necessario. Un vero trionfo dell’ipocrisia.

Si capisce perchè il trattamento della UE, da un lato favorisce le organizzazioni mafiose e le ONG (finanziate da Soros) che gestiscono i traffici nel Mediterraneo, mentre dall’altro diventa rigida e cinica con i disgraziati arrivati ai confini della Polonia. Questi ultimi sono forse figli di un Dio minore. Bisogna compiacere anche stavolta il padrone americano e fare la faccia feroce contro Lukashenko e contro Putin, il vero motivo del differente trattamento.

Tuttavia coloro che non hanno la memoria corta questi fatti non li dimenticano e non li dimenticheranno neanche quelli che oggi sono al gelo a rosicchiare qualche crosta di pane, in attesa di un aiuto dalla tanto “umanitaria” Europa di Bruxelles, di Berlino e di Varsavia.

 

Immagine:https://www.radioluiss.it/

Fonte: https://www.controinformazione.info/


Editoriale

 

Vincitori e vinti alle elezioni

di Adriano Tilgher

I dati ormai sono sul tavolo, i giornali di regime ci hanno raccontato chi ha vinto e chi ha perso, i principali interpreti si sono tutti manifestati, pure il nostro Pensiero Forte ha dato le pagelle ai contendenti, sembra una pratica da archiviare. Anche se… tutto può ancora succedere. L’aumento delle astensioni dal voto manifesta, come in tanti hanno commentato, disaffezione e malessere, ovvero l’aumento della distanza sempre più significativo tra la gente e le istituzioni. D’altra parte non poteva essere diversamente visto tutto quello che è accaduto in questi ultimi anni.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Abbiamo vinto il Festival

Lo scorso fine settimana si sono svolte elezioni politiche importantissime per il futuro del nostro paese, e perciò vi parlerò... di musica. 1992 nella kermesse della quarantaduesima edizione del Festival di Sanremo, partecipa il gruppo musicale "Statuto", fra i maggiori rappresentanti di un genere da sempre sottovalutato nel nostro paese, lo Ska. Stile musicale partito dalla Giamaica tra la fine degli anni 50 ed i primi anni 60, approdato dopo l'indipendenza della Giamaica nel 1962 nel regno unito. In quel paese lo Ska venne conosciuto anche con il termine bluebeat, perché molti dei primi singoli ska erano realizzati per l'etichetta discografica Blue Beat Records.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.