Criminalizzare le proteste: la svolta del nuovo regime sanitario

Come si poteva prevedere, procede spedita e con grande potenza mediatica l'operazione di criminalizzazione delle proteste anti "green pass" da parte del regime sanitario del duo Draghi/Speranza con il plauso dei partiti, dei sindacati collaborazionisti e delle centrali di potere finanziario.

Di fronte ad una contestazione di massa che già da settimane avviene nelle piazze italiane, dopo gli episodi di violenza e teppismo avvenuti lo scorso sabato a Roma, il governo ha scelto di disarmare le proteste e disincentivare il pericolo di sciopero generale dei lavoratori, previsto per il 15 Ottobre, associando l'immagine degli anti green pass a neofascisti violenti e provocatori. Questo il risultato della manovra trappola tesa ai manifestanti con il favoreggiamento dell'aggressione alla sede CGIL da parte di un gruppo di esagitati e mediante l'opera di infiltrati e atteggiamento passivo degli addetti all'ordine pubblico.

L'ossessiva attenzione di tutte le tv ed i media all'episodio, opera di poche decine di facinorosi, richiamando il pericolo del fascismo che risorge, ha permesso di oscurare le ragioni della protesta di circa centomila manifestanti pacifici radunatisi in piazza del Popolo, eludendo le responsabilità del Ministero degli Interni e di quanti avrebbero dovuto vigilare e prevenire gli episodi.

Una strategia da manuale che ricalca le indicazioni date a suo tempo su come disarticolare le manifestazioni di protesta: favorire infiltrazioni violente, gettare il discredito sui manifestanti e la paura fra la gente comune tentata di partecipare. In aggiunta questo ha permesso di creare una nova grande campagna antifascista che rappresenta l'espediente migliore per distrarre l'opinione pubblica e dividere il fronte degli oppositori.

Inutile dire che in questa campagna si sono gettati a capofitto i leader di partiti come il PD, Enrico Letta, i 5 Stelle, nonché i leader dei sindacati, fra cui lo stesso Landini, abbracciato affettuosamente al premier Mario Draghi, a dimostrazione plastica del grande accordo di intesa fra potere politico/finanziario e sindacato di regime.

L'antifascismo si ripropone come il collante sperimentato tra tutte le forze politiche di sinistra di centro e di destra, utile per tutte le occasioni.

Questa campagna cerca di distogliere l'attenzione dal disagio sociale che esiste nel paese, con l'aggravante di misure liberticide che stanno sopprimendo diritti fondamentali garantiti dalla costituzione, violando persino regolamenti della UE che prevedono il divieto di discriminazione fra cittadini.

Di fatto chi non è in possesso del green pass, ovvero del lasciapassare sanitario, si vedrà impossibilitato a lavorare, entrare in azienda, circolare liberamente, frequentare palestre o circoli sportivi, teatri, cinema, ristoranti e centri culturali, trasporti veloci, ecc.

La misura, degna di un regime tipo Corea del Nord, viene persino spacciata come "misura di libertà", eludendo il fatto che l'Italia è unica in Europa ad aver introdotto un sistema tanto rigoroso e liberticida.

L'idea dei governanti (vedi Brunetta) è quella di far soffrire chi non si adegua, con una vera tortura fisica e psicologica, fino a convincere questi a sottoporsi al vaccino salvifico, con o senza il consenso degli interessati, come trattamento sanitario obbligatorio. Lo Stato però si lava le mani delle possibili reazioni negative che vanno crescendo in maniera esponenziale (trombosi, miocarditi, flebiti, ecc..) come molti scienziati avevano avvertito inascoltati.

Per il profitto della Big Pharma niente deve essere lasciato intentato e si allungano le mani anche sui bambini.

Il green pass, lungi da essere una misura sanitaria, rappresenta un sistema di controllo sociale e non è un semplice strumento ma già un fine di per sé stesso e codesta è la vera finalità dell'operazione; l'Italia fa da campo sperimentale per le centrali di potere transnazionale.

Sarà interessante vedere cosa accadrà al momento in cui scatterà l'obbligo, sono in molti ad aver compreso la truffa ed altrettanti non sono disposti a rinunciare ai propri diritti dietro una imposizione sotto forma di odioso ricatto.

 

 

Immagine: https://www.tgcom24.mediaset.it/


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

L'antifascismo in assenza di Fascismo

di Adriano Tilgher

Davanti al nulla assoluto della loro presenza e capacità politica ed al loro squallido servilismo nei confronti dell’emissario dei potentati anti italiani, Draghi, tutti i partiti ed i sindacati hanno ritrovato ossigeno e una ragione per esserci nell’antifascismo. L’antifascismo è un rito antico, impostoci con il diktat di pace del 1947 da inglesi, americani, marocchini che ci hanno sconfitti ed occupati il 25 aprile 1945 e non se ne sono più andati. Un rito recepito dalla nostra costituzione nelle norme transitorie e finali che non transitano mai.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Sindacalismo Rivoluzionario

Settembre 1904 con il primo sciopero nazionale prende ufficialmente vita in Italia il "Sindacalismo Rivoluzionario", tra i principali ideologi il francese Georges Sorel e gli italiani Arturo Labriola e Enrico Leone. Il principio fondamentale del sindacalismo rivoluzionario era l'indipendenza sindacale nei confronti sia dei partiti politici che dello Stato. Inizialmente nasce come corrente di sinistra in seno al Partito Socialista per poi distaccarsene nel congresso di Ferrara del 1907, per avviare un lavoro sindacale autonomo, dapprima nelle campagne emiliane, poi nei centri industriali del Nord, e nelle miniere di Puglia e Toscana. I suoi organizzatori più attivi furono Alceste De Ambris e Filippo Corridoni. Nel 1907 a Parma nasce la CGdL, su una idea di Alceste de Ambris. Nel 1912 Filippo Corridoni ed altri, spaccano il movimento creando l'(USI), l'Unione Sindacale Italiana, che aumentò il proprio peso politico diffondendosi specialmente a Milano.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.