La ritirata USA dall'Afghanistan segna la fine del mondo unipolare

La vecchia ossessione degli USA, quella di imporre il suo modello di "democrazia" al resto del mondo e di far accettare a tutti i paesi le sue regole e la sua giurisdizione, è crollata a Kabul il 15 agosto di quest'anno con la ritirata delle truppe americane e la drammatica fuga disordinata degli afgani.

 Il mondo ha assistito ad una disfatta del potere americano e i vecchi miti della propaganda USA sono crollati al suolo come una frana, così come i corpi dei poveri afghani che si erano aggrappati agli aerei cargo militari statunitensi che decollavano dall'aeroporto di Kabul.

Questo crollo segna inevitabilmente la fine di quell'ordine unipolare che era stata l'idea fissa degli strateghi di Washington che, alla fine degli anni '90, prospettavano "il nuovo secolo americano" e che, per realizzare la loro ambizione, avevano fatto partire la stagione delle guerre e del caos mascherate come "guerra al terrore", dopo l'11 settembre. Il grande inganno si è dissolto davanti alla scena della folla disperata e urlante nell'aeroporto di Kabul.

 Lo spettacolo a cui abbiamo tutti assistito è stata la vergognosa e diabolica fine di un'occupazione criminale di due decenni dell'Afghanistan che non ha prodotto altro che distruzioni, lutti e dolore, questo mentre il popolo afghano è stato abbandonato al suo destino.

La pretesa di "portare la democrazia" in Afghanistan era una frode più grande di quanto sostenuto dalla propaganda di Washington e dei suoi vassalli europei.

Avevamo chiaro da tempo che il sistema americano consiste in un capitalismo corporativo che ha le sue basi su un'economia fondata  sul militarismo che, a sua volta, dipende dalle guerre di aggressione che fanno maturare giganteschi profitti per l'apparato militare industriale. La guerra è connaturata al sistema statunitense ed il potere politico di Washington si regge sull'oligarchia dell'apparato bellico, industriale e militare, la stessa storia degli Stati Uniti lo dimostra.

 Nella logica di Washington non si vede possibilità di un cambiamento, la debacle in Afghanistan – per quanto vergognosa per l'immagine degli USA- non andrà a cambiare questa dinamica.

Si può ricordare anche la famosa "Dottrina Wolfowitz", che suonava così: ogni pochi anni l'America dovrebbe prendere qualche piccolo paese, il che non è un peccato, e sbatterlo contro il muro. La frase era tutto il programma dei falchi neocon USA, lo stesso destino dell'Afghanistan è toccato all'Iraq, alla Libia, alla Siria, allo Yemen, alla Somalia e tanti altri. Avanti il prossimo...

Per coloro che hanno occhi per vedere, la lezione dell'Afghanistan dimostra in cosa consista realmente la pretesa sbandierata da Washington, in tutti i discorsi pubblici, di quello che la diplomazia USA chiama l’”ordine basato su regole”. Una facile retorica smentita dai fatti che non incanta più nessuno dopo l'ennesima guerra americana destinata a moltiplicare il caos ed il terrorismo, come le precedenti.

La Cina e gli USA sono le due potenze euroasiatiche pronte a occupare gli spazi lasciati vuoti dalla fuga degli americani e questo fa indignare l'alto rappresentante della UE, Josep Borrel, il quale anela ad essere il più fedele vassallo dell'Impero in disfacimento.

La Storia va avanti e non si ferma, lasciando indietro fantocci e comparse che hanno la smania di servire i vecchi padroni per non perdere le loro prebende e privilegi. La spazzatura della storia è abbastanza capiente per accogliere tali personaggi.

 

Immagine: https://www.ilribelle.com/


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

L'antifascismo in assenza di Fascismo

di Adriano Tilgher

Davanti al nulla assoluto della loro presenza e capacità politica ed al loro squallido servilismo nei confronti dell’emissario dei potentati anti italiani, Draghi, tutti i partiti ed i sindacati hanno ritrovato ossigeno e una ragione per esserci nell’antifascismo. L’antifascismo è un rito antico, impostoci con il diktat di pace del 1947 da inglesi, americani, marocchini che ci hanno sconfitti ed occupati il 25 aprile 1945 e non se ne sono più andati. Un rito recepito dalla nostra costituzione nelle norme transitorie e finali che non transitano mai.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Sindacalismo Rivoluzionario

Settembre 1904 con il primo sciopero nazionale prende ufficialmente vita in Italia il "Sindacalismo Rivoluzionario", tra i principali ideologi il francese Georges Sorel e gli italiani Arturo Labriola e Enrico Leone. Il principio fondamentale del sindacalismo rivoluzionario era l'indipendenza sindacale nei confronti sia dei partiti politici che dello Stato. Inizialmente nasce come corrente di sinistra in seno al Partito Socialista per poi distaccarsene nel congresso di Ferrara del 1907, per avviare un lavoro sindacale autonomo, dapprima nelle campagne emiliane, poi nei centri industriali del Nord, e nelle miniere di Puglia e Toscana. I suoi organizzatori più attivi furono Alceste De Ambris e Filippo Corridoni. Nel 1907 a Parma nasce la CGdL, su una idea di Alceste de Ambris. Nel 1912 Filippo Corridoni ed altri, spaccano il movimento creando l'(USI), l'Unione Sindacale Italiana, che aumentò il proprio peso politico diffondendosi specialmente a Milano.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.