Putin scopre il bluff della NATO con l'Ucraina

Il suono sinistro delle artiglierie in Europa proviene dall'Ucraina, da un conflitto dimenticato che da ultimo rischia di degenerare in una guerra aperta e distruttiva.

Se la NATO vorrà spingere fino in fondo la strategia di provocazione contro la Russia, Mosca vuole a sua volta mettere alla prova e scoprire il bluff della NATO.  La NATO sostiene la voglia dell'Ucraina di partire con un’offensiva generale contro le repubbliche del Donbass e contro la Russia e istiga gli ucraini alla guerra. Vladimir Putin si muove per  smascherare il gioco sporco degli USA e della NATO di mandare in avanti l'Ucraina come testa d'ariete per sfondare le difese dei filo russi nel Donbass. Questa è la spiegazione dell'accumulo impressionante di forze militari della Russia vicino alle frontiere ucraine. Se le forze ucraine, supportate dalla NATO, varcheranno la linea di demarcazione fra le repubbliche del Donbass e l'Ucraina, così come la frontiera fra Crimea e Ucraina, allora la reazione russa si prevede che sarà molto dura.

La situazione si è fatta incandescente con i continui tiri di artiglieria delle forze ucraine  su obiettivi civili, con feriti e vittime sul fronte del Donbass, e, a questi tiri, è seguita negli ultimi giorni una ritorsione dei separatisti che ha colpito le postazioni ucraine. Questo il messaggio esplicito di Mosca: non c'è più spazio per trattare con l'Ucraina che ormai ha tutte le caratteristiche di uno stato canaglia, alle strette dipendenze di Washington. Il governo di Kiev di fatto, il 24 marzo, ha dichiarato guerra alla Russia con il decreto legge approvato dalla Duma che impegna le sue forze a riprendere il controllo della Crimea, territorio della Federazione Russa. Un atto formale di dichiarazione di guerra occultato dai media occidentali.

Gli esperti militari danno uno spazio di poche ore all'esercito ucraino prima che sia fatto a pezzi dalle difese russe. Gli sguardi sono adesso tutti sull'Ucraina che si muoverà (come si può stare certi) su ordine di Washington. Fra i due contendenti c'è l'Europa di mezzo e i governi europei che se ne stanno in silenzio e fingono di non vedere, salvo accodarsi ad ogni direttiva USA, nel loro abituale  ruolo di vassalli. La Russia si schiererà a difesa delle repubbliche del Donbass e non abbandonerà i cittadini russi (circa 300.000) che vivono in quelle regioni.  Moca ha cambiato tattica ed adesso risponde colpo su colpo. Nessun dialogo con gli arroganti occidentali. Gli statunitensi sono i veri istigatori di una guerra di Kiev contro la Russia e stanno sobillando una prossima offensiva.

Non è però facile capire chi siano coloro che hanno in mano le decisioni a Washington, non certo Biden ma i neocon che si muovono dietro di lui. Non si può escludere che il deep State sia intenzionato a provocare un conflitto con la Russia e questo porterebbe ad uno scenario catastrofico. Il mondo non è mai stato così vicino alla possibilità di un conflitto nucleare. D'altra parte è ormai acquisito che Washington utilizza cinicamente gli ucraini per i propri interessi. Gli USA si servono di questa crisi per far chiudere il gasdotto Nord Stream 2 e rescindere i collegamenti fra Europa e Russia e per questo obiettivo sono disponibili a giocare con la pelle degli ucraini. L'America combatterà contro i russi fino all'ultimo ucraino.

La strategia degli USA è provocare un conflitto limitato in Europa che possa far saltare il progetto del gasdotto tedesco-russo e far rompere definitivamente i rapporti fra Germania Russia. Questo il vero obiettivo di Washington: impedire il formarsi di un blocco euroasiatico.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

Le riforme indispensabili

di Adriano Tilgher

L’Italia deve essere ricostruita dalle fondamenta, perché, ormai è una nazione che ha perso la sua ragion d’essere, soprattutto per aver smarrito il suo senso di appartenenza, la sua identità che nasce da una storia ed una cultura millenaria ed è cementata da una lingua fra le più ricche e le più studiate del mondo. Gli attacchi sistematici alle nostre istituzioni, come la scuola, la giustizia, la sanità… - un tempo punti fermi nei quali riconoscersi, copiate e imitate in tutto il mondo – le hanno ridotte a simulacro di sé stesse. Il tutto agevolato dall’insipienza e l’incapacità del ceto politico e della classe dirigente.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Il mal borghese

Prima Repubblica, prima che Mario Draghi, ed i suoi compagni di merende si facessero sicari dell'industria italiana, nell'immaginario collettivo, e nelle tv di stato, emergeva la figura del “self made man”, ci mostravano una borghesia, stereotipata, contrapposta ad una classe operaia ancora memore delle battaglie sindacali, degli scontri di piazza, piazza, che si legittimava con i festeggiamenti del primo maggio, che vedeva il metalmeccanico della Fiat, fieramente opposto al "Cummenda" della commedia all'italiana, fiero di indossare la "Tuta Blu" come giusta divisa da contrapporre allo stile borghese. Da sinistra il lavoratore rivendicava la lotta di classe, da destra, la socializzazione, il "ricco" anche quello che si era fatto da solo, veniva visto come diverso, e lungi dall'essere invidiato, veniva studiato per capirne e carpirne, le debolezze umane. Fra i mali criticati, l'ostentazione della ricchezza, la mancanza di empatia, la promiscuità sessuale, sino ad arrivare all'omosessualità, definita "Il Mal Borghese".

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.