L'Occidente liberale e la Russia come nemico ideologico

L'identità è un sentimento di appartenenza a una comunità culturale. Le identità collettive sono fondamentali nella costruzione di una comunità di popolo perché configurano i valori e le ragioni di convergenza con gli altri componenti della stessa comunità.

I problemi che affliggono le nazioni europee derivano in gran parte dalla debolezza della loro identità, in buona parte distrutta dall’ideologia della globalizzazione. Non tutti i paesi hanno però accettato la "normalizzazione" imposta dalla UE consistente nello sradicamento della cultura tradizionale per acquisire l'ideologia liberista e globalizzante del pensiero unico. Le principali resistenze sono nei paesi Est Europei. Fuori della UE l’eccezione più importante è quella della Russia.

Sebbene i sostenitori “occidentali” della globalizzazione – fondamentalmente anglosassoni e nord americani - ritengano che la Russia debba diventare "un Paese come gli altri", è difficile pensare che la Russia possa diventarlo, perché il cosmopolitismo neoliberista è incompatibili con cultura e tradizione russa. Il "fattore differenziale" della Russia sta nel sollevare ideali etici alternativi rispetto al modello occidentale e per questo viene presentato come il nemico da battere.  La Russia è oggi l'ultimo stato tradizionale dell’Europa?

Possiamo a buona ragione sostenere che il mondo russo si trova in contrapposizione all'Occidente in quanto quest'ultimo incarna la modernità nella sua forma più invasiva, cioè la modernità che fa piazza pulita di tutto ciò che lo ha preceduto o di tutto ciò che gli è estraneo, la Tradizione. È un rapporto conflittuale - tra la Russia e la modernità occidentale - in cui si manifesta una caratteristica essenziale dell'identità russa: il senso comune dell’esistenza. Questa caratteristica - che potremmo chiamare "l'idea russa" - entra in diretta collisione con la filosofia individualista, che è il vettore principale della modernità occidentale L'idea russa dà forma a una diversa percezione del fatto sociale, della cultura e dell'uomo. Questo è, a nostro avviso, il significato profondo del disaccordo tra i due mondi. Altre civiltà sono riluttanti ai disvalori dell'Occidente. Ma il caso della Russia è complicato, perché il nucleo culturale, geografico ed etnico della sua civiltà fa parte della matrice europea che, in Occidente, ha degenerato. "La Russia non è l'Occidente, ma non è nemmeno l'Oriente: è il pensiero alternativo all’Occidente progressista". O in altre parole: la Russia non è solo Europa, ma è anche Europa.

In realtà, la Russia è stato l'ultimo stato europeo tradizionale, l'ultimo a riprodurre chiaramente - quasi fino al 1914 - lo schema trifunzionale con cui gli storici identificavano le società indoeuropee e che poneva le funzioni religiose e guerriere al vertice della gerarchia. "Lo zar di Russia - fu definito in passato- come un capo militare, e ogni giorno con lui è un giorno di battaglia". Conservando molti degli elementi di quella visione del mondo premoderno, la Russia ha conservato qualcosa che l'Europa aveva già perso. Ecco perché la questione dell'identità russa - della sua rivolta contro il mondo occidentale moderno e decadente- riproduce la lotta che per secoli si è combattuta in Europa tra due diversi tipi di cultura: quella della civiltà industriale borghese e quella dei ribelli animati da un romanticismo anti-borghese.

L '"idea russa", in questo senso, riguarda tutti i buoni europei. Sarà questo il motivo per cui il mondo anglosassone e la UE, hanno individuato nella Russia il loro principale nemico che può divenire un polo di attrazione per quegli europei che non vogliono sottomettersi al liberismo anglosassone. La Russia contraccambia l'ostilità occidentale e si dichiara pronta a parlare e cooperare con i paesi europei come soggetti, ma non con l’Unione europea, strumento che distrugge l’Europa. E quindi non può essere la voce dell’Europa. L’UE è chiaramente uno strumento del centro globale, il nemico di ogni identità nazionale. Non ci può essere un’intesa con il nemico ideologico ed esistenziale. Di fatto è la Russia che oggi si propone come alternativa e baluardo a difesa dei valori tradizionali delle identità europee.


Editoriale

 

Vincitori e vinti alle elezioni

di Adriano Tilgher

I dati ormai sono sul tavolo, i giornali di regime ci hanno raccontato chi ha vinto e chi ha perso, i principali interpreti si sono tutti manifestati, pure il nostro Pensiero Forte ha dato le pagelle ai contendenti, sembra una pratica da archiviare. Anche se… tutto può ancora succedere. L’aumento delle astensioni dal voto manifesta, come in tanti hanno commentato, disaffezione e malessere, ovvero l’aumento della distanza sempre più significativo tra la gente e le istituzioni. D’altra parte non poteva essere diversamente visto tutto quello che è accaduto in questi ultimi anni.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Abbiamo vinto il Festival

Lo scorso fine settimana si sono svolte elezioni politiche importantissime per il futuro del nostro paese, e perciò vi parlerò... di musica. 1992 nella kermesse della quarantaduesima edizione del Festival di Sanremo, partecipa il gruppo musicale "Statuto", fra i maggiori rappresentanti di un genere da sempre sottovalutato nel nostro paese, lo Ska. Stile musicale partito dalla Giamaica tra la fine degli anni 50 ed i primi anni 60, approdato dopo l'indipendenza della Giamaica nel 1962 nel regno unito. In quel paese lo Ska venne conosciuto anche con il termine bluebeat, perché molti dei primi singoli ska erano realizzati per l'etichetta discografica Blue Beat Records.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.