Le rivolte contro i governi neoliberisti in America Latina, un segnale anche per l'Europa

Il fallimento della Globalizzazione sta determinando effetti a catena che producono sostanziali rivolgimenti dell'ordine mondiale prefigurato dagli ideologi del "nuovo secolo americano".  Nell'attuale equilibrio divenuto ormai tripolare, costituito da USA / Russia / Cina, si riflette l'agonia del neoliberismo globale, che vede scatenarsi rivolte in varie parti del mondo ma concentrate in America Latina.

Sembrerebbe a prima vista un essenziale scontro di globalisti contro nazionalisti che avviene anche in Europa: il Brexit nel Regno Unito, i gilet gialli in Francia, la fine della Merkel, le proteste contro le migrazioni in vari paesi.

Nel nuovo (non) ordine globale in corso, le vecchie categorie sinistra / destra sono state distrutte mentre il mondo si è fratturato nella dicotomia sovranismo contro globalismo o, se vogliamo, statalismo contro il neoliberismo.

Lo scoppio delle rivolte in America Latina è un fatto nuovo che dimostra quanto sia grande il disagio di masse popolari e ceti medi, proletarizzati dal sistema neoliberista, che oggi viene apertamente contestato.

Non è casuale che le rivolte siano partite dal Cile e l'Argentina, paesi che rappresentavano il cortile di casa degli USA. Un segnale importante anche per l'Europa che subisce lo stesso tipo di politiche attraverso la UE.

Le masse popolari e giovanili nei paesi latinoamericani si sono mobilitate rapidamente grazie alle reti cibernetiche, acquisendo una coscienza sociale che oggi inizia a preoccupare le oligarchie finanziarie dominanti.

Oggi l'America Latina sta vivendo un'imponente rimilitarizzazione: dall'avvento al potere in Brasile dell’evangelista, Jair Bolsonaro, fino al recente colpo di stato polizia / militare / mediatico   in Bolivia.

In Brasile 22 membri del gabinetto di Bolsonaro sono militari e il vice presidente è il generale in pensione Hamilton Mourao.

La rimilitarizzazione brasiliana ha una connotazione "sui generis" con una maschera "democratica", mescolata al radicalismo neoliberista del suo ministro dell'economia, Paolo Guedes: un allievo dei Chicago Boys.

In Cile, paese modello del sistema neoliberista, il crollo di questo sistema ha portato a una rivolta della nuova generazione che ha costretto il presidente, Sebastián Piñera, a decretare lo stato di emergenza.

In Perù, il presidente Martin Vizcarra ha sciolto il Congresso e governa con ampio sostegno dal suo esercito.

In Ecuador, le proteste vulcaniche dei giovani hanno costretto un coprifuoco, gestito dall'esercito, nella capitale Quito, per sostenere il presidente Lenin Moreno, fantoccio degli USA, che è dovuto fuggire a Guayaquil.

Insomma, i governi dell'America Latina sopravvivono se godono del sostegno dell'esercito, come in Venezuela, o vengono rovesciati, come in Bolivia, dove l'esercito e la polizia, sponsorizzati da Washington, hanno costretto alle dimissioni il presidente Evo Morales.

Il caso del Venezuela è unico: nonostante le sanzioni degli Stati Uniti - che cercano di mettere le mani sul petrolio e sulle riserve minerali - il presidente Maduro è stato in grado di aggirare le rivolte e le auto-proclamazioni come quella di Juan Guaidó, grazie al sostegno dell'esercito nonostante  le minacce della CIA.

Il potere globale degli Stati Uniti è passato al contrattacco in Bolivia dove, guarda caso, sono presenti le maggiori risorse minerarie, inclusi i preziosi giacimenti di litio, essenziali per le batterie dei motori elettrici, quelle che Evo Morales, il presidente deposto, voleva nazionalizzare. 

Anche in Bolivia si è autoproclamata una presidente, Jeanine Áñez. La Bolivia completa il quadro della militarizzazione del continente Latino americano che deve fare fronte a rivolte di massa della popolazione indigena che difende la sua identità e rifiuta i globalizzatori e neoliberisti.

Bisogna poi considerare che le convulsioni in America Latina avranno un impatto enorme sulle elezioni statunitensi del novembre 2020, data la forte presenza  di "latinos" che votano negli States (58 milioni circa).

Il quadro delle insurrezioni popolari ispira la speranza di un cambiamento sostanziale. Tuttavia senza un progetto organizzato e una guida accurata, le rivolte rischiano di essere schiacciate. Il neoliberismo, il peggior nemico per i popoli, è ancora saldamente radicato. Nonostante questo la lotta prosegue.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

L'antifascismo in assenza di Fascismo

di Adriano Tilgher

Davanti al nulla assoluto della loro presenza e capacità politica ed al loro squallido servilismo nei confronti dell’emissario dei potentati anti italiani, Draghi, tutti i partiti ed i sindacati hanno ritrovato ossigeno e una ragione per esserci nell’antifascismo. L’antifascismo è un rito antico, impostoci con il diktat di pace del 1947 da inglesi, americani, marocchini che ci hanno sconfitti ed occupati il 25 aprile 1945 e non se ne sono più andati. Un rito recepito dalla nostra costituzione nelle norme transitorie e finali che non transitano mai.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Sindacalismo Rivoluzionario

Settembre 1904 con il primo sciopero nazionale prende ufficialmente vita in Italia il "Sindacalismo Rivoluzionario", tra i principali ideologi il francese Georges Sorel e gli italiani Arturo Labriola e Enrico Leone. Il principio fondamentale del sindacalismo rivoluzionario era l'indipendenza sindacale nei confronti sia dei partiti politici che dello Stato. Inizialmente nasce come corrente di sinistra in seno al Partito Socialista per poi distaccarsene nel congresso di Ferrara del 1907, per avviare un lavoro sindacale autonomo, dapprima nelle campagne emiliane, poi nei centri industriali del Nord, e nelle miniere di Puglia e Toscana. I suoi organizzatori più attivi furono Alceste De Ambris e Filippo Corridoni. Nel 1907 a Parma nasce la CGdL, su una idea di Alceste de Ambris. Nel 1912 Filippo Corridoni ed altri, spaccano il movimento creando l'(USI), l'Unione Sindacale Italiana, che aumentò il proprio peso politico diffondendosi specialmente a Milano.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.