Trump si conferma come la "marionetta" di Israele

L’Amministrazione del Presidente Donald Trump, si trova da tempo sotto stretto controllo della potente lobby sionista che gestisce di fatto la politica estera degli Stati Uniti ed in particolare quella per l’area del Medio Oriente.

Non è un caso che tutte le decisioni prese da Trump, riguardo a questa regione, siano state sempre in linea con quanto suggerito dal premier israeliano Netanyahu.

Così è stato fin dal primo viaggio all’estero di Trump fatto platealmente in Arabia Saudita, per consacrare quella che molti analisti chiamano ormai la nuova “Santa Alleanza” del trio USA-Israele-Arabia Saudita, per fronteggiare la comune minaccia dell’Iran e dell’asse sciita in via di consolidamento fra Iran-Siria-Libano e da ultimo anche l’Iraq.

Era seguita poi la decisione di spostare l’ambasciata USA da Tel Aviv a Gerusalemme, adeguandosi precisamente ad una esplicita richiesta del governo Israeliano. Poco prima Trump aveva unilateralmente ripudiato l’accordo sul nucleare (JPCOA) sottoscritto da sei paesi con Teheran, oltre a varare una serie di sanzioni pesantissime contro il paese persiano, aderendo alle insistenti richieste di Netanyahu.

Con l'ultima dichiarazione, quella in cui Trump ha affermato "che era giunto il momento di riconoscere che le alture del Golan - occupate nel 1967 e annesse nel 1981 - debbono essere riconosciute come territorio israeliano", il presidente degli Stati Uniti ha confermato che la sua politica in Medio Oriente  ha mantenuto  una sola costante: allinearsi, qualunque sia l'argomento, sulle posizioni israeliane. Anche se questo significa calpestare ancora una volta il diritto internazionale - Vedi la Risoluzione 242 del Consiglio di Sicurezza che definisce il Golan come un territorio occupato.

Tale dichiarazione fatta da Trump ha la finalità di  dare una grande spinta al suo "amico" Netanyahu in piena campagna elettorale israeliana.

L'iniziativa degli Stati Uniti è un regalo  per l'asse iraniano-siriano e assegna un  duro colpo agli alleati arabi di Washington nella regione.

Con il suo ultimo  proclama a favore di Israele - presumendo che sia un fatto definitivo - Donald Trump  rivolta ogni precedente decisione. La questione Golan era al centro dei negoziati di pace tra Israele e Siria negli anni '90. La guerra siriana, iniziata nel 2011 e istigata dagli USA, aveva messo fine a questo processo di pace. Risulta che, annunciando la sua disponibilità a riconoscere l'annessione del Golan, Donald Trump seppellisce questo processo di pace e privilegia l'equilibrio del potere,  basato sui rapporti di forza, nel diritto internazionale. È un messaggio inviato all'intera regione e costituisce un precedente a livello internazionale che potrebbe screditare definitivamente la parola americana,

In tal modo il presidente degli Stati Uniti fornisce  credito alla tematica  anti-imperialista dell'Iran, della Siria e di Hezbollah, che possono così  assumere la veste di difensori della causa araba contro le aggressioni degli Stati Uniti e di Israele.

Il regime siriano non ha sbagliato a insistere sul carattere arabo e siriano del Golan. Gli alleati arabi di Washington sono stati costretti a distinguersi da questa decisione e ad avvicinarsi, almeno nel discorso, al regime di Assad. L'Egitto, La Giordania e le monarchie del Golfo hanno ricordato che il Golan era una terra araba e siriana occupata da Israele.

Egitto e Giordania che si stavano muovendo verso la normalizzazione con Israele potrebbero rallentare questo processo.

Questo nuovo approccio potrebbe affossare definitivamente il "piano di pace" dell'amministrazione Trump in Medio Oriente.  Non si capisce quale credibilità possano avere gli USA ad esercitare il ruolo di mediatore quando hanno riconosciuto la legalità di un'annessione territoriale. Trump si pronuncia in tutto a favore di Israele e mira a consolidare la sua alleanza strategica con l'Arabia Saudita e le monarchie del Golfo.  Non è però difficile che, a forza di tirare la corda questa  finisca per rompersi.

L'impressione di molti analisti è quella che Trump si sia sparato da solo un colpo sui piedi.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

Il cappio al collo

Di Adriano Tilgher

Un vero cappio quello che il “salvatore dell’Italia”, Mario Draghi, ci sta mettendo al collo con le linee guida per l’utilizzo degli oltre 200 miliardi che stanno arrivando dalla UE. Questi soldi, non solo indebiteranno le nostre future generazioni, ma sono vincolati sia nell’utilizzo, che alle riforme da attuare. Utilizzo e riforme potentemente condizionati dalla volontà dei tecnocrati di Bruxelles. Su queste basi si muovono sia la riforma Cartabia della giustizia, in parte inutile perché non tocca temi fondamentali, quali la separazione delle carriere ed altro, in parte dannosa, perché restringe i margini del giusto processo, sia la legge Zan, una legge che discrimina, penalizza, diventa fonte di odio.

 

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Carlo Vichi - imprenditore, genio e galantuomo

“Il futuro non è più quello di una volta” (Paul Valery)

21 ottobre 1422 con la morte di Carlo VI di Francia detto "Il folle" viene pronunciata per la prima volta una locuzione universalmente riconosciuta, utilizzata per annunciare la morte di un sovrano e contemporaneamente annunciarne un successore. «Le Roi est mort, vive le Roi!», (Il Re è morto, lunga vita al Re!). Il 2 giugno 1992, nel porto di Civitavecchia il panfilo personale della Regina Elisabetta, Il Royal Yacht “Britannia”, era in attesa di imbarcare importanti ospiti per una minicrociera verso l’isola del Giglio. Su quel panfilo, fu decisa la privatizzazione dell’Italia e la progressiva distruzione dell'imprenditoria Nazionale. A bordo, oltre a finanzieri banchieri e dirigenti di multinazionali, un noto comico italiano, che pochi anni dopo fonderà un partito Politico con l'intento di intercettare un’eventuale dissenso a questa strategia. Ad introdurre il consesso, l'allora direttore generale del Tesoro Mario Draghi. Fu lui ad aprire i lavori, con una relazione introduttiva sui costi e i vantaggi delle privatizzazioni. La piccola e media impresa Nazionale deve essere aiutata nelle pratiche di fallimento, e svenduta sul mercato internazionale. Il nostro paese ha dato natali ad imprenditori visionari e spesso controcorrente, fra i tanti pensiamo ad Adriano Olivetti o Gaetano Marzotto, uomini semplici, "Self-made man", come canonizzato dalla cultura Statunitense. Uno degli ultimi eroi dell'imprenditoria Italiana, un bastian contrario, come piace a noi, si è spento nella sua città adottiva Milano circa un mese fa, il 20 settembre 2021, all’età di 98 anni, Carlo Vichi, leader indiscusso delle Tv a tubo catodico, che con la sua M.I.V.A.R. negli anni 80 e 90, entrò praticamente in tutte le case degli italiani, offrendo un prodotto economico ed allo stesso tempo tecnologicamente all'avanguardia.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.