Si profila il piano USA di aggressione contro l'Iran

Gli Stati Uniti hanno identificato nell'Iran il loro nuovo prossimo obiettivo e, per convincere alleati e opinione pubblica internazionale, hanno iniziato una forte campagna di demonizzazione del regime di Teheran.

Gli Stati Uniti hanno convocato una conferenza internazionale sul Medio Oriente il 13-14 febbraio in Polonia. La principale richiesta che verrà fatta dagli USA ai paesi partecipanti sarà quella di associarsi alla campagna anti-Iran ed alla prossima aggressione militare. L'elenco dei partecipanti al forum non è ancora stato determinato, ma sono apparse le prime segnalazioni di coloro che si rifiutano di parteciparvi.

Anche importanti media USA, come il Wall Street Journal, pongono l'attenzione sul fatto che gli sforzi degli Stati Uniti per impegnare l'Europa in una campagna contro l'Iran sono stati fino ad oggi un fallimento: i ministri di diversi Stati membri dell'UE probabilmente salteranno la conferenza a Varsavia. Le fonti hanno riferito che probabilmente non vi parteciperà anche l'alto rappresentante della UE, Federica Mogherini.

Persino la Russia, che è un alleato dell'Iran, ha ricevuto un invito all’incontro di Varsavia, ma si guarda bene dal partecipare. L'intero programma è dettato da USA, Israele ed Arabia Saudita ed è teso al contenimento dell'Iran nella regione.

L'Iran ha fortemente contestato l'evento; il ministro degli Esteri Jawad Zarif ha condannato la prossima conferenza come un "disperato circo anti-iraniano". Teheran si prepara a resistere mobilitando tutte le sue forze.

L’organismo internazionale, "International Crisis Group", nel suo rapporto, dedicato al terzo anniversario dell'accordo nucleare iraniano, notando l'impegno iraniano per l'attuazione del Piano d'azione globale congiunto (JCPOA), non esclude che la pazienza di Teheran "possa finire".

La ragione di ciò è la politica degli Stati Uniti, che è uscita dal JCPOA nel maggio 2018.  Come sottolinea il rapporto, la Casa Bianca è determinata a distruggere l'economia iraniana, a rimuovere gli investitori internazionali dal paese e a portare gli iraniani nelle strade a protestare contro il regime.  Un piano di sobillazione simile a quello attuato in Siria e in Libia.  Allo stesso tempo, gli Stati Uniti stanno cercando di fare tutto questo entro il 2020, quando, in conformità con la risoluzione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, l'embargo sulla fornitura di armi convenzionali all'Iran verrà revocato.

Va notato che i partner europei degli Stati Uniti nella NATO hanno opinioni diverse sul Medio Oriente. La posizione dell'Europa è ben nota: solo la violazione da parte dell'Iran dei suoi obblighi può giustificare la revisione di un accordo nucleare. Gli europei, tuttavia, non mettono in discussione la solidarietà transatlantica.

Nonostante la posizione favorevole dell'Europa nel mantenere l'accordo, molte società europee hanno lasciato l'Iran per paura di diventare oggetto delle sanzioni. L'unico effetto rilevante della campagna è aver privato Teheran della maggior parte dei benefici promessi dall'accordo con i paesi europei.  La situazione economica in Iran sta peggiorando, nuove sanzioni hanno portato a una rapida riduzione delle entrate petrolifere e ad un forte aumento dell'inflazione. Tuttavia il regime iraniano gode dell'appoggio della maggioranza della sua popolazione e l'odio antiamericano si è accresciuto.

Il piano di USA e Israele del cambio di regime a Teheran non appare così praticabile, l'Iran è un paese che ha una storia millenaria, una forte coesione nazionale e dispone di una tecnologia avanzata, di un elevato potere militare, con proprie milizie dislocate anche in Iraq, in Libano ed in Siria. Non sarebbe un obiettivo facile per un’eventuale aggressione militare. Si configurerebbe una guerra di logoramento che coinvolgerebbe Israele e le basi USA che dovrebbero pagare un prezzo molto alto.

A Varsavia, gli Stati Uniti cercheranno di fare pressione sull'UE.  L'obiettivo finale dell'amministrazione statunitense in Iran rimane un cambio di regime. Obiettivo che di sicuro non coincide con gli interessi dell'Europa che prima o poi dovrà definire chiaramente il suo atteggiamento.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

Il cappio al collo

Di Adriano Tilgher

Un vero cappio quello che il “salvatore dell’Italia”, Mario Draghi, ci sta mettendo al collo con le linee guida per l’utilizzo degli oltre 200 miliardi che stanno arrivando dalla UE. Questi soldi, non solo indebiteranno le nostre future generazioni, ma sono vincolati sia nell’utilizzo, che alle riforme da attuare. Utilizzo e riforme potentemente condizionati dalla volontà dei tecnocrati di Bruxelles. Su queste basi si muovono sia la riforma Cartabia della giustizia, in parte inutile perché non tocca temi fondamentali, quali la separazione delle carriere ed altro, in parte dannosa, perché restringe i margini del giusto processo, sia la legge Zan, una legge che discrimina, penalizza, diventa fonte di odio.

 

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Carlo Vichi - imprenditore, genio e galantuomo

“Il futuro non è più quello di una volta” (Paul Valery)

21 ottobre 1422 con la morte di Carlo VI di Francia detto "Il folle" viene pronunciata per la prima volta una locuzione universalmente riconosciuta, utilizzata per annunciare la morte di un sovrano e contemporaneamente annunciarne un successore. «Le Roi est mort, vive le Roi!», (Il Re è morto, lunga vita al Re!). Il 2 giugno 1992, nel porto di Civitavecchia il panfilo personale della Regina Elisabetta, Il Royal Yacht “Britannia”, era in attesa di imbarcare importanti ospiti per una minicrociera verso l’isola del Giglio. Su quel panfilo, fu decisa la privatizzazione dell’Italia e la progressiva distruzione dell'imprenditoria Nazionale. A bordo, oltre a finanzieri banchieri e dirigenti di multinazionali, un noto comico italiano, che pochi anni dopo fonderà un partito Politico con l'intento di intercettare un’eventuale dissenso a questa strategia. Ad introdurre il consesso, l'allora direttore generale del Tesoro Mario Draghi. Fu lui ad aprire i lavori, con una relazione introduttiva sui costi e i vantaggi delle privatizzazioni. La piccola e media impresa Nazionale deve essere aiutata nelle pratiche di fallimento, e svenduta sul mercato internazionale. Il nostro paese ha dato natali ad imprenditori visionari e spesso controcorrente, fra i tanti pensiamo ad Adriano Olivetti o Gaetano Marzotto, uomini semplici, "Self-made man", come canonizzato dalla cultura Statunitense. Uno degli ultimi eroi dell'imprenditoria Italiana, un bastian contrario, come piace a noi, si è spento nella sua città adottiva Milano circa un mese fa, il 20 settembre 2021, all’età di 98 anni, Carlo Vichi, leader indiscusso delle Tv a tubo catodico, che con la sua M.I.V.A.R. negli anni 80 e 90, entrò praticamente in tutte le case degli italiani, offrendo un prodotto economico ed allo stesso tempo tecnologicamente all'avanguardia.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.