Le menzogne dei media e i crimini commessi nello Yemen

Il conflitto dimenticato nello Yemen, oscurato dai media occidentali, segna i crimini dell'Arabia Saudita e dei suoi alleati di Washington e Londra.

L'Arabia Saudita cerca di giustificare le sconfitte che le sue truppe stanno subendo accusando l'Iran di fornire aiuti militari alle forze yemenite, inclusi i missili terra-terra che hanno colpito più volte obiettivi militari in territorio saudita.

In realtà, tanto i sauditi come i servizi di intelligence USA hanno semplicemente sottostimato la capacità difensiva dello Yemen. Nonostante il blocco aeronavale cui il paese arabo è sottoposto da tempo da parte delle forze della coalizione USA-Saudita che assediano il paese, i combattenti Ansarolla dello Yemen hanno messo in crisi le forze saudite e quelle degli Emirati (EAU) che hanno lasciato sul terreno centinaia dei loro soldati uccisi e decine di mezzi blindati distrutti.

I moderni mezzi militari, come gli aerei da guerra F16, acquistati con il fiume di petroldollari di cui dispongono i sauditi, sono serviti per bombardare le abitazioni, le scuole, gli ospedali, le infrastrutture civili e causare una strage della popolazione civile ma non sono riusciti a fiaccare la resistenza dei combattenti yemeniti che hanno costretto le forze della coalizione saudita ad impantanarsi sul terreno senza trovare una possibilità di sopraffarli.

D'altra parte la monarchia saudita pensa di poter continuare in modo indefinito a dettare legge e sottomettere gli altri paesi della regione grazie al proprio potere economico e militare e l'appoggio degli USA e di Israele.

Lo Yemen si autoproduce autonomamente molte delle sue armi ed ha rivelato una capacità di ingegno nella realizzazione di missili di produzione nazionale, anche modificando i vecchi Scud sovietici di cui disponeva.

I monarchi Sauditi e gli Emirati sono ricorsi all'arruolamento di mercenari, in particolare di elementi sudanesi, per sostituire le proprie truppe che si sono rivelate imbelli e pronte a fuggire. Tuttavia neanche questo escamotage è riuscito a fare progressi anzi sono rimasti sul terreno parecchie centinaia di mercenari.

Washington e Rijad ricorrono all’accusa infondata che sarebbe l'Iran a fornire aiuti militari allo Yemen. Cosa improbabile per un paese sottoposto ad un ferreo blocco aeronavale della flotta USA e saudita.

Le accuse in realtà servono per coprire la ignominiosa disfatta delle forze della coalizione e nascondere all'opinione pubblica la vergognosa strage di innocenti che sauditi e statunitensi stanno eseguendo nel più povero paese della regione dove si è sviluppata anche un’epidemia di colera che sta mietendo centinaia di migliaia di vittime fra la popolazione. Si calcola che ogni giorno nello Yemen muoiano almeno 10 bambini per effetto dei bombardamenti, dell'epidemia e della fame. Gli aiuti delle organizzazioni internazionali sono impediti dal blocco.

Un crimine contro la popolazione civile, che rimane occultato sebbene l'ONU abbia definito questa come la peggiore tragedia umanitaria ai nostri giorni. Nessuno si muove per fermare la strage, al contrario risulta che gli USA e paesi occidentali, come Regno Unito e Francia in particolare, riforniscano massicciamente Rijad. Un business per cui l'Arabia Saudita è il primo cliente al mondo dei paesi occidentali.

La resistenza yemenita ha ottenuto l'effetto di neutralizzare il tentativo dell'Arabia Saudita di imporre un proprio governo fantoccio ed ha anche fornito una lezione, dimostrando al mondo che le più moderne armi non sono sufficienti a piegare la resistenza di un popolo che rimane orgogliosamente e caparbiamente saldo nel difendere la propria sovranità.

Le menzogne, la manipolazione dei media e la falsa propaganda delle centrali atlantiste non riescono più a coprire i crimini delle grandi potenze che sono implicate in questa vergognosa guerra di aggressione e di sterminio.

 


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

Il cappio al collo

Di Adriano Tilgher

Un vero cappio quello che il “salvatore dell’Italia”, Mario Draghi, ci sta mettendo al collo con le linee guida per l’utilizzo degli oltre 200 miliardi che stanno arrivando dalla UE. Questi soldi, non solo indebiteranno le nostre future generazioni, ma sono vincolati sia nell’utilizzo, che alle riforme da attuare. Utilizzo e riforme potentemente condizionati dalla volontà dei tecnocrati di Bruxelles. Su queste basi si muovono sia la riforma Cartabia della giustizia, in parte inutile perché non tocca temi fondamentali, quali la separazione delle carriere ed altro, in parte dannosa, perché restringe i margini del giusto processo, sia la legge Zan, una legge che discrimina, penalizza, diventa fonte di odio.

 

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Carlo Vichi - imprenditore, genio e galantuomo

“Il futuro non è più quello di una volta” (Paul Valery)

21 ottobre 1422 con la morte di Carlo VI di Francia detto "Il folle" viene pronunciata per la prima volta una locuzione universalmente riconosciuta, utilizzata per annunciare la morte di un sovrano e contemporaneamente annunciarne un successore. «Le Roi est mort, vive le Roi!», (Il Re è morto, lunga vita al Re!). Il 2 giugno 1992, nel porto di Civitavecchia il panfilo personale della Regina Elisabetta, Il Royal Yacht “Britannia”, era in attesa di imbarcare importanti ospiti per una minicrociera verso l’isola del Giglio. Su quel panfilo, fu decisa la privatizzazione dell’Italia e la progressiva distruzione dell'imprenditoria Nazionale. A bordo, oltre a finanzieri banchieri e dirigenti di multinazionali, un noto comico italiano, che pochi anni dopo fonderà un partito Politico con l'intento di intercettare un’eventuale dissenso a questa strategia. Ad introdurre il consesso, l'allora direttore generale del Tesoro Mario Draghi. Fu lui ad aprire i lavori, con una relazione introduttiva sui costi e i vantaggi delle privatizzazioni. La piccola e media impresa Nazionale deve essere aiutata nelle pratiche di fallimento, e svenduta sul mercato internazionale. Il nostro paese ha dato natali ad imprenditori visionari e spesso controcorrente, fra i tanti pensiamo ad Adriano Olivetti o Gaetano Marzotto, uomini semplici, "Self-made man", come canonizzato dalla cultura Statunitense. Uno degli ultimi eroi dell'imprenditoria Italiana, un bastian contrario, come piace a noi, si è spento nella sua città adottiva Milano circa un mese fa, il 20 settembre 2021, all’età di 98 anni, Carlo Vichi, leader indiscusso delle Tv a tubo catodico, che con la sua M.I.V.A.R. negli anni 80 e 90, entrò praticamente in tutte le case degli italiani, offrendo un prodotto economico ed allo stesso tempo tecnologicamente all'avanguardia.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.