Rigore delle pensioni come atto di responsabilità nazionale

Sollevare il problema delle pensioni nel quadro estremamente critico della  fase economica e demografica che l’Italia attraversa può rappresentare atto di responsabilità  da parte di tutti coloro che hanno a cuore l’interesse della nostra comunità nazionale.

Possiamo per sommi capi richiamare gli elementi fondamentali che condizionano direttamente o indirettamente il sistema pensionistico italiano.

Secondo i dati Eurostat (aggiornati al 2016 , ulteriormente peggiorati nel 2017) l’Italia è il Paese in assoluto più vecchio dell’intera Europa:  su 100 abitanti in Italia 22 hanno più di 65 anni ;  in Francia sono  18.8, nell’Regno Unito 17.9.   La situazione è destinata ad aggravarsi con l’inevitabile  complessiva conseguenza che la massa dei pensionati italiani è destinata a crescere nei prossimi anni mentre  la quota della popolazione giovane ed  attiva  risulterà in  costante riduzione.

Nonostante encomiabili eccellenze settoriali e andamenti regionali incoraggianti, l’economia italiana da oltre vent’anni registra un tasso di sviluppo decisamente inferiore alla media dei Paesi europei ed anche per il prossimo futuro  non è possibile ipotizzare  un riallineamento dell’Italia  sui  livelli medi  del resto d’Europa.  

 In tali ristrettezze  e con tali prospettive è giusto pensare prioritariamente alle pensioni per invocare rigore ?

 Lo è perché i trattamenti pensionistici possono assorbire  ogni  nuova risorsa eventualmente disponibile per l’ auspicato rilancio nazionale e  perché i medesimi trattamenti sono potenzialmente in grado, per le dimensioni finanziarie coinvolte, di portare al definitivo collasso del Paese.

Per entrare nel concreto,  sarebbe atto di responsabilità nazionale garantire ai pensionati italiani un trattamento  chiaro , equo ed umano   che elimini in ogni caso ogni sorta di   privilegi  di casta o di categoria.

Trattamento   equo sarebbe quello strettamente basato sui contributi versati,  posti a rendita nel momento prescelto dal singolo cittadino.

Trattamento umano  sarebbe a sua volta quello che preveda comunque un  assegno minimo di pensione adeguato alle esigenze di  una sopravvivenza dignitosa.

E’ appena il caso di notare come un rinnovato e più rigoroso sistema pensionistico   non potrebbe tollerare ulteriormente le sacche di  privilegio  che riguardano attualmente determinate categorie sociali a cominciare da quella  degli ex-parlamentari per finire agli alti funzionari dello Stato o  manager di banche e di aziende  che  percepiscono pensioni  superiori  a quanto risulterebbe dal calcolo dei contributi effettivamente versati.

Nonostante la pendenza  di un eventuale giudizio della Corte Costituzionale  (giudizio a cui potrebbero far ricorso i titolari delle pensioni decurtate) i  livelli di tutte le pensioni INPS  dovrebbero gradualmente adeguarsi al generale criterio “contributivo” che per le  categorie ad alto reddito,   garantirebbe comunque un assegno  di tutto rispetto.

 Un più rigoroso ed equo sistema pensionistico dovrebbe comunque costituire solo il primo passo per altri necessari sacrifici accettati dai cittadini per effetto di un rinnovato senso di coscienza nazionale .   

E’ appena il caso di precisare che il rigore di cui parliamo dovrebbe mirare a procurare risorse  per una politica di rilancio economico veramente incisiva (maggiori investimenti  in infrastrutture, in ricerca ed in istruzione avanzata, in consistenti incentivi alla natalità).

Occorre ricordare con fermezza che non saranno i bonus estemporanei,  l’età di pensionamento anticipata o  altre blandizie demagogiche a far uscire l’Italia dalla  palude depressiva in cui è piombata. E  non saranno le “elasticità” concesse da Bruxelles che potranno salvarci.  Se gli italiani veramente vorranno tentare di riguadagnarsi una speranza di futuro,  che significherebbe soprattutto lavoro ed avvenire per i giovani,  dovranno prima o poi convincersi che possono contare esclusivamente sulle loro residue forze morali e materiali.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

L'antifascismo in assenza di Fascismo

di Adriano Tilgher

Davanti al nulla assoluto della loro presenza e capacità politica ed al loro squallido servilismo nei confronti dell’emissario dei potentati anti italiani, Draghi, tutti i partiti ed i sindacati hanno ritrovato ossigeno e una ragione per esserci nell’antifascismo. L’antifascismo è un rito antico, impostoci con il diktat di pace del 1947 da inglesi, americani, marocchini che ci hanno sconfitti ed occupati il 25 aprile 1945 e non se ne sono più andati. Un rito recepito dalla nostra costituzione nelle norme transitorie e finali che non transitano mai.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Sindacalismo Rivoluzionario

Settembre 1904 con il primo sciopero nazionale prende ufficialmente vita in Italia il "Sindacalismo Rivoluzionario", tra i principali ideologi il francese Georges Sorel e gli italiani Arturo Labriola e Enrico Leone. Il principio fondamentale del sindacalismo rivoluzionario era l'indipendenza sindacale nei confronti sia dei partiti politici che dello Stato. Inizialmente nasce come corrente di sinistra in seno al Partito Socialista per poi distaccarsene nel congresso di Ferrara del 1907, per avviare un lavoro sindacale autonomo, dapprima nelle campagne emiliane, poi nei centri industriali del Nord, e nelle miniere di Puglia e Toscana. I suoi organizzatori più attivi furono Alceste De Ambris e Filippo Corridoni. Nel 1907 a Parma nasce la CGdL, su una idea di Alceste de Ambris. Nel 1912 Filippo Corridoni ed altri, spaccano il movimento creando l'(USI), l'Unione Sindacale Italiana, che aumentò il proprio peso politico diffondendosi specialmente a Milano.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.