Il governo truffa

Il segretario del Pd Martina aveva chiesto tempo a Sergio Mattarella perché i consiglieri Dem stavano cercando di convincere i renziani a fare il governo con 5 Stelle e Leu di Grasso e Boldrini. Ma il giro d’esplorazione di Roberto Fico è stato forzatamente concluso: non paghi, i detrattori di Fico avevano scoperto che il presidente della Camera usava una colf di colore e non in regola.

Va considerato che, per il Colle, sulla carta sono esaurite tutte le strade percorribili per la formazione di un nuovo Governo. A questo punto non è detto che un siffatto esecutivo sia solo un traghettatore per fare legge di Bilancio 2019 e modificare il Rosatellum. Un governo con queste tre componenti, visto e considerato che Grasso e Boldrini sono stati eletti con i resti dei resti, durerebbe più di tre anni, portando a compimento la “povertà diffusa e sostenibile” di cui tanto convengono certi sinistri. L’unica incognita si conferma Luigi Di Maio che, vedendosi spodestato dagli usurpatori (Pd e Leu), torna a fare eco con Salvini sul "meglio allora tornare al voto".

Intanto scopriamo che, la cosiddetta "slow motion" (la manovra lenta di cui parla la stampa internazionale) è tutta targata Pd e serve a legare le mani a Di Maio. A questo punto sarebbe meglio un Salvini-Renzi, e perché garantirebbe, fino a nuove elezioni, meno sorprese per le tasche degli italiani.

In questo quadro in tanti sperano che si torni al voto in autunno. In questa logica Sergio Mattarella ha svegliato il Pd dal torpore tattico in cui s'era chiuso lo scorso 4 marzo e, sempre nella stessa logica, i Dem hanno chiesto a Mattarella di non spingere sull'acceleratore perché l’elettorato 5 Stelle a parer loro andrebbe riportato verso sinistra. Nel frattempo il Pd sta cuocendo a fuoco lento Di Maio e Fico. Ecco perché sono già passati 60 giorni dalle elezioni: intanto la gente nota che a governare l'Italia c'è ancora Gentiloni ed i suoi ministri tutti vicini al Pd. Ecco perché il Pd non è affatto sorpreso di essere stato chiamato nel giro di quelli per la formazione del nuovo Governo: da almeno due mesi Di Maio corteggiava i Democratici. L’esplorazione Fico è servita solo a mostrare all’elettorato che tra M5s e Pd può nascere una storia seria. Ora che è scaduto il tempo per indire nuove elezioni, Mattarella vede maturi i tempi per partorire un mostro truffaldino, un “Governo di legislatura”, che prometta elezioni subito e di fatto cucini il popolo a fuoco lento con nuove tasse volute dall’Ue. E non è da escludere che trovino un modo per confermare Gentiloni e la sua squadra sino a febbraio 2019: esperimento che permetterebbe ai Dem di fare clientela e seguito attraverso i ministri ancora in carica.

 


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

L'antifascismo in assenza di Fascismo

di Adriano Tilgher

Davanti al nulla assoluto della loro presenza e capacità politica ed al loro squallido servilismo nei confronti dell’emissario dei potentati anti italiani, Draghi, tutti i partiti ed i sindacati hanno ritrovato ossigeno e una ragione per esserci nell’antifascismo. L’antifascismo è un rito antico, impostoci con il diktat di pace del 1947 da inglesi, americani, marocchini che ci hanno sconfitti ed occupati il 25 aprile 1945 e non se ne sono più andati. Un rito recepito dalla nostra costituzione nelle norme transitorie e finali che non transitano mai.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Sindacalismo Rivoluzionario

Settembre 1904 con il primo sciopero nazionale prende ufficialmente vita in Italia il "Sindacalismo Rivoluzionario", tra i principali ideologi il francese Georges Sorel e gli italiani Arturo Labriola e Enrico Leone. Il principio fondamentale del sindacalismo rivoluzionario era l'indipendenza sindacale nei confronti sia dei partiti politici che dello Stato. Inizialmente nasce come corrente di sinistra in seno al Partito Socialista per poi distaccarsene nel congresso di Ferrara del 1907, per avviare un lavoro sindacale autonomo, dapprima nelle campagne emiliane, poi nei centri industriali del Nord, e nelle miniere di Puglia e Toscana. I suoi organizzatori più attivi furono Alceste De Ambris e Filippo Corridoni. Nel 1907 a Parma nasce la CGdL, su una idea di Alceste de Ambris. Nel 1912 Filippo Corridoni ed altri, spaccano il movimento creando l'(USI), l'Unione Sindacale Italiana, che aumentò il proprio peso politico diffondendosi specialmente a Milano.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.