Regionali del Lazio, suicidio di Fratelli d'Italia

È incredibile, davvero, quel che è accaduto nel Lazio, dove Giorgia Meloni ha atteso l’ultimo minuto (o quasi) per annunciare il candidato della coalizione di centrodestra, da opporre al paladino della sinistra, vale a dire Alessio D’Amato, attuale assessore regionale alla Sanità e già incappato in qualche piccola disgrazia giudiziaria. Nostra Signora della Garbatella ha scelto il palco della Festa del decennale dei Fratelli d’Italia, per dire al mondo intero che i nomi in pista erano tre e che li avrebbe sottoposti agli altri partiti, per arrivare a una scelta condivisa. Peccato avesse già deciso, tantoché il giorno dopo Francesco Rocca ha lasciato la Croce Rossa, dove governava incontrastato da tempo immemore, e ha annunciato la sua candidatura alla presidenza della Regione Lazio. Alla faccia della scelta condivisa.

Già questo modo di procedere lascia perplessi, denotando una totale mancanza di rispetto per gli alleati, ma parliamo del male minore. Quel che è peggio, infatti, è che il candidato che avrebbe garantito (o quasi) la vittoria, vale a dire Fabio Rampelli, è stato accantonato, sacrificato in nome della volontà di Francesco Lollobrigida, ministro dell’Agricoltura e, soprattutto, cognato di Giorgia Meloni. “Lollo”, infatti, per motivi ai più sconosciuti, odia Rampelli – la cui caratura politica, rispetto al compagno della sorella di Giorgia, è nettamente superiore – e lo aveva già fatto fuori dalla compagine di Governo.

Nel Lazio, non c’era un solo motivo per rinunciare a Rampelli, già consigliere e assessore regionale, ma “Lollo” è stato irremovibile. E, allora, Giorgia è andata su un vecchio amico di Rampelli, vale a dire Francesco Rocca, a capo prima dell’ospedale Sant’Andrea, poi della Croce Rossa Italiana e successivamente di quella internazionale. Insomma, un tecnico, non un politico. Che, però, ha un brutto scheletro nell’armadio: una vecchissima condanna per spaccio di stupefacenti (risale a 38 anni fa), che i giornaloni di centrosinistra hanno tirato subito fuori, per attaccare l’alfiere di Nostra Signora della Garbatella. Non solo: chi conosce Rocca racconta di un carattere tutt’altro che semplice e di un uomo tutt’altro che simpatico. Anche Rampelli, si sosterrà, non è tenero. Vero, ma almeno è un politico fatto e finito, con enormi consensi a Roma (dove si vincono le Regionali del Lazio) e non è un caso che l’ascesa di Giorgia Meloni sia iniziata proprio nel gruppo dei “Gabbiani”, che fa capo a Fabio Rampelli.

La lotta interna a Fratelli d’Italia, insomma, rischia di trasformarsi (anzi, si è già trasformata) in un suicidio, in vista delle Regionali del Lazio: preferire Rocca a Rampelli è stato un errore drammatico, di cui si avrà contezza soltanto nelle prossime settimane. Un po’ com’è avvenuto con Michetti per il Campidoglio: all’inizio si lodavano la sua preparazione e la sua indipendenza dai partiti, alla fine ci si domandava come avesse fatto una politica non improvvisata come Giorgia Meloni a candidarlo per guidare la Capitale d’Italia. E il risultato uscito dalle urne, con la netta affermazione del compagno Gualtieri, ha confermato quanto Michetti fosse inadeguato.

Dopo pochi mesi, ci risiamo. Messo all’angolo l’uomo che, quasi certamente, avrebbe portato il centrodestra al successo nel Lazio, dopo dieci anni di Zingaretti, i Fratelli d’Italia scelgono un signor nessuno, perché politicamente di questo si tratta. E, statene certi, al di là delle parole concilianti, Rampelli non muoverà un dito per aiutare Rocca, esattamente come fece nel 2005 con Storace. Il quale, non a caso, venne sconfitto a sorpresa da Piero Marrazzo. Se a febbraio 2023 vincerà D’Amato, però, nessuno dovrà sorprendersi. Per evitarlo, sarebbe bastato ricordare la lezione del 2005.

 

Immagine: https://www.romatoday.it/


Editoriale

 

L'Italia agli Italiani

Di Adriano Tilgher

È uno slogan antico, alcuni dicono stantio. In effetti è da qualche decennio che gira nei dibattiti politici soprattutto dei sopravvissuti della destra politica. Era essenzialmente rivolto al problema dell’immigrazione che tanti disagi creava e crea nelle periferie delle città, ma di fatto era un falso problema o meglio un fenomeno di distrazione di massa che non avrebbe avuto impatto se il popolo italiano fosse stato educato a riconoscersi in una identità nuova nella quale ritrovarsi al di là delle diversità individuali.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Carousel

1967, William Francis Nolan, e George Clayton Johnson, danno alle stampe il romanzo fantascientifico scritto a quattro mani "Logan's Run" (in Italia "La Fuga di Logan”). Il romanzo avrà un successo globale, e darà origine ad una serie tv andata in onda nel biennio 1977/78, due testate di fumetti, la prima distribuita dalla Marvel Comics, e la seconda dalla Malibu, e soprattutto l'omonimo film diretto da Michael Anderson nel 1976 considerato un film di culto, con la sua miscela di sociologia, fantascienza ed allegoria. 

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.