Il cambiamento, questo sconosciuto

Chi sperava in una svolta, in un cambiamento vero per la derelitta Italia, all’indomani delle elezioni politiche, può rassegnarsi: il futuro Governo, a guida Giorgia Meloni, non porterà nulla di nuovo e, quindi, nessuno scossone positivo. Per capirlo, basta leggere sui “giornaloni” le indiscrezioni, i “si dice”, fatti filtrare dai tre partiti che sosterranno l’esecutivo: Fratelli d’Italia, Lega e Forza Italia.

L’unica vera preoccupazione che emerge non è quella di varare interventi rapidi, in grado di rimettere in sesto l’economia del Paese e di aiutare famiglie e imprese, che versano in difficoltà gravissime, per gli aumenti indiscriminati e ingiustificati, che hanno fatto esplodere i prezzi dei prodotti energetici e alimentari. No, il pensiero fisso di Meloni e compagnia è quello di dimostrare di essere fedeli all’Europa e agli Stati Uniti, ovvero a coloro che ci stanno affossando in modo definitivo.

Non è un caso, ad esempio, che dal quartier generale di Nostra Signora della Garbatella si sia fatto sapere che Giorgia avrebbe convinto Fabio Panetta a ricoprire l’incarico di ministro dell’Economia, il ruolo-chiave del Governo. Panetta è stato Direttore generale della Banca d’Italia e Presidente dell’Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni (Ivass) e dal gennaio 2020 è membro del Comitato esecutivo della Banca Centrale Europea. Se davvero sarà lui il ministro dell’Economia del Governo Meloni, cosa cambierà rispetto all’esecutivo Draghi e al ministro Franco? Nulla, assolutamente nulla.

Se, poi, andiamo a leggere i nomi degli altri “papabili”, vengono i brividi. Francesco Lollobrigida, cognato di Giorgia Meloni, sarebbe candidato alle Infrastrutture. “Lì ha fatto il ministro Toninelli – dirà qualcuno – Può farlo anche Lollobrigida”. Certo, ma il problema è proprio questo: quel ministero, importantissimo per lo sviluppo del Paese, è fermo da anni, per l’incompetenza dei politici che vi si sono succeduti, oltre che per l’inerzia di burocrati con buste paga da capogiro. Mandarci Lollobrigida, che anche in Regione riuscì a non dare segni di vita nel campo delle Infrastrutture (Giunta Polverini), significa condannare il sistema infrastrutturale del Paese ad altri anni di inaccettabile stallo.

Ovviamente, si sta giocando anche la partita del Viminale, il “giocattolo” di Salvini, che appare sempre più come un bambino viziato, che chiede alla mamma di riavere il suo gioco preferito. Mamma Giorgia, però, gli ha detto “no”, perché il Quirinale avrebbe già posto il veto sul nome di Salvini. E, allora, si parla di “tecnici”, come l’attuale capo dei servizi, Elisabetta Belloni, o del tristemente noto ex prefetto di Roma, Giuseppe Pecoraro, che proprio nella Capitale dimostrò di non essere un campione di efficienza. Piuttosto un frequentatore di “salotti buoni” e ristoranti, ma questo non è quello che serve agli italiani, dopo un ministro dell’Interno drammatico, quale la signora Lamorgese.
Ecco, questo è il quadro, desolante, che si profila per alcuni ministeri fondamentali, ma possiamo aggiungere anche gli Esteri, dove potrebbe arrivare Antonio Tajani, ex presidente del Parlamento Europeo, ovviamente molto gradito a Bruxelles, o la Giustizia, dove sembra favorita l’avvocatessa Giulia Buongiorno, assurta alle cronache per la difesa di Andreotti dalle accuse di mafia e da lì lanciatissima in una carriera politica non priva di inciampi. Quanto alla Transizione ecologica, oggi decisiva, Meloni non ha nemmeno provato a tirar fuori un altro “campione” dal suo cilindro magico: sarà confermato Roberto Cingolani, lo stesso che nell’anno e mezzo di Governo Draghi ha assistito passivamente all’impennata dei prezzi dell’energia.

Insomma, se con Draghi l’Italia era in discesa verso il baratro, con Giorgia Meloni correrà veloce incontro alla disfatta totale: la discontinuità resterà un sogno e, come sempre, a governare saranno i potentati economico-finanziari europei e statunitensi. Ma Nostra Signora della Garbatella avrà coronato il suo sogno e siederà, con famigli e sodali, al banchetto di Palazzo Chigi e dintorni.

 

Immagine: https://www.giorgiameloni.it/


Editoriale

 

L'Italia agli Italiani

Di Adriano Tilgher

È uno slogan antico, alcuni dicono stantio. In effetti è da qualche decennio che gira nei dibattiti politici soprattutto dei sopravvissuti della destra politica. Era essenzialmente rivolto al problema dell’immigrazione che tanti disagi creava e crea nelle periferie delle città, ma di fatto era un falso problema o meglio un fenomeno di distrazione di massa che non avrebbe avuto impatto se il popolo italiano fosse stato educato a riconoscersi in una identità nuova nella quale ritrovarsi al di là delle diversità individuali.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Carousel

1967, William Francis Nolan, e George Clayton Johnson, danno alle stampe il romanzo fantascientifico scritto a quattro mani "Logan's Run" (in Italia "La Fuga di Logan”). Il romanzo avrà un successo globale, e darà origine ad una serie tv andata in onda nel biennio 1977/78, due testate di fumetti, la prima distribuita dalla Marvel Comics, e la seconda dalla Malibu, e soprattutto l'omonimo film diretto da Michael Anderson nel 1976 considerato un film di culto, con la sua miscela di sociologia, fantascienza ed allegoria. 

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.