Elezioni: le pagelle di Ettore Savini

Le urne hanno detto, in modo chiaro, soltanto una cosa: i cittadini, quelli che ancora trovano la forza e la voglia di andare a votare, non ne possono più di questa classe politica infima, senza un briciolo di idee, che non siano quelle che portano ad arricchire se stessi e i loro sodali. Così, dalle urne è uscita la vittoria, prevista, di Giorgia Meloni, che potrà anche governare (malgrado il centrodestra unito resti ben lontano dal 50,1 per cento), grazie una legge elettorale creata da menti perverse, quelle di Renzi e Rosato, che l'avevano "tagliata" sul Pd renziano appunto, quando era oltre il 30 per cento e il Bullo fiorentino aveva in mente un esecutivo con pochi, ininfluenti alleati.

Così, questi "scienziati" avevano fatto approvare, da un Parlamento incredibilmente supino, una legge truffa, che adesso si è ritorta contro lo stesso Pd, oggi a guida Letta, consegnando a Meloni, Salvini e Berlusconi le chiavi del Paese. I Fratelli d'Italia di Giorgia Meloni sono risultati primo partito italiano col 26 per cento, ottimo risultato per un movimento che dieci anni fa era intorno al 2 per cento, ma distante dal 33 per cento ottenuto dai Cinque Stelle nel 2018. Eppure ormai si parla soltanto di Giorgia Meloni, che, da parte sua, rivendica, a ragione, la guida del nuovo Governo.

È presto, però, per fare analisi, per cercare di capire se e come, nello stesso centrodestra, cercheranno di metterle il bastone tra le ruote. Per adesso, ci limitiamo, dunque, a un rapido esame del voto della scorsa domenica, dando un voto ai maggiori protagonisti.

Giorgia Meloni 7. Forse in molti le daranno 10, per aver portato i Fratelli d'Italia a essere primo partito italiano, ma crediamo di essere molto generosi già con il  7, giustificato solo dalla vittoria. La sua campagna elettorale, infatti, è stata di basso livello, ammiccando a Draghi e agli Stati Uniti. Ma, come sempre, vale l'articolo quinto: ha ragione chi ha vinto.

Matteo Salvini 3. L'avevamo pronosticato: il Capitano è al tramonto. Il problema è che, se non si sbrigano a mandarlo via, la Lega rischia di scomparire: il 25 settembre si è attestata sotto il 9 per cento, mentre due estati fa (prima del tragico Papeete) era stimata oltre il 30 per cento.

Berlusconi 7. Immortale, ha tenuto in vita un partito, Forza Italia, che non esiste più. Tutti prevedevano un tracollo sotto il 5 per cento, ma il partito di Silvio è arrivato sopra l'8 per cento, a un'incollatura dalla Lega.

Enrico Letta 2. Ha sbagliato tutto quello che era umanamente possibile sbagliare, facendo scendere il Pd sotto il 20 per cento e fallendo le alleanze, probabilmente non avendo ben compreso la nuova legge elettorale. In poche parole, ha regalato lui il Governo al centrodestra.

Giuseppe Conte 7. Ha indovinato tutte le mosse, negli ultimi quindici giorni, e il Movimento Cinque Stelle, che i sondaggi indicavano come morto, è risalito al 15 per cento. La strenua difesa del reddito di cittadinanza gli ha garantito una specie di plebiscito al Sud.

Renzi e Calenda 6. Campioni di presunzione, non hanno raggiunto lo sperato 10 per cento ma il 7,5 per cento è comunque un risultato accettabile, per questa nuova alleanza. Scendessero sulla terra e lavorassero per il Paese e non per se stessi, forse potrebbero dare un contributo reale. 

Di Maio e gli irrilevanti 0. Giggino si è ubriacato di potere e, alla fine, è stato punito dagli elettori. Ora dovrà fare un bel bagno di modestia, insieme a tanti altri irrilevanti, che si erano presentati al voto come protagonisti assoluti e tornano a casa bastonati e senza poltrona.

Immagine: https://www.ilpost.it/


Editoriale

 

Il ruolo dell'Italia - 4

di Adriano Tilgher

Patrimonio culturale immateriale, patrimonio culturale materiale, faro di cultura e di civiltà, posizione geopolitica e strategica fondamentale per l’equilibrio nel Mediterraneo in una nuova identità che nasca dal superamento di tutte le contraddizioni interne sono il presupposto per definire il ruolo finale dell’Italia. Non si tratta di egemonia mondiale di cui stiamo parlando perché questa sul piano culturale ci appartiene di diritto e ci è riconosciuta da tutti ed è la ragione principale per cui l’Italia è sotto attacco soprattutto nel campo della formazione. Non si tratta nemmeno di becero imperialismo imperniato sulla forza delle armi sotto l’egida e il ricatto della grande industria militare, stiamo parlando di qualcosa di molto più concreto, legato ai valori profondi dell’essere umano e delle comunità che riesce a costruire.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Più buio che a mezzanotte non viene

22 giugno 1946 entra in vigore il: “Decreto presidenziale di amnistia e indulto per reati (..), politici e militari”, avvenuti durante il periodo dell'"occupazione nazifascista". Legge proposta e varata da Palmiro Togliatti, segretario del PCI, e allora ministro di Grazia e Giustizia del primo governo De Gasperi. L'amnistia, che prenderà il nome dal suo promulgatore, aveva come scopo primario, quello di giungere quanto prima a una pacificazione nazionale, per evitare che l'"epurazione", degli ex fascisti rallentasse la ricostruzione materiale del paese. Con l'amnistia vennero scarcerati migliaia di detenuti che furono reinseriti senza troppo clamore nella cosiddetta "Società Civile". Stranamente (o forse no) alcuni degli ex prigionieri, arriveranno perfino a iscriversi al Partito Comunista, chi per convenienza, chi per continuare l’ideale battaglia de: "Il sangue contro l'oro",  in quanto (almeno a parole) vedevano nel PCI un argine ad una visione liberista del mondo, identificando più che nell'unione Sovietica il nemico in quegli Stati Uniti artefici di massacri e distruzione delle nostre città.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.