La misura è colma: "Report" va fermato

Ora basta. Basta davvero. “Report”, la trasmissione di RaiTre, continua ad attaccare una parte politica (la destra), a infangare tutti coloro che non possono più difendersi (perché defunti) e a riscrivere la storia d’Italia a modo suo (e, ovviamente, a favore di compagni e compagnucci). Sigfrido Ranucci, conduttore e “padrone” del programma, sfoggia verso i suoi avversari, che lui evidentemente considera nemici, una cattiveria che nemmeno il peggior Santoro aveva mai mostrato.

Sarà stata la denuncia anonima di qualche mese fa, nella quale Ranucci era accusato di mobbing e di molestie sessuali nei confronti di lavoratori e lavoratrici di “Report”; sarà stato l’atteggiamento di qualche membro della Commissione parlamentare di Vigilanza sulla Rai, che Sigfrido riteneva suo amico e che, invece, ha chiesto di visionare con attenzione il dossier anonimo; sarà stato lo stop imposto alla trasmissione, seguito non casualmente a queste accuse; saranno le elezioni prossime venture, che la sinistra rischia di perdere in modo rovinoso. Qualunque sia il motivo, una cosa è certa: il Ranucci tornato in video è una specie di belva, assetata del sangue nemico, e i suoi inviati sono più improbabili e più velenosi del solito. E i vertici Rai, a nostro avviso, hanno il dovere di fermarlo, perché è inaccettabile che il servizio pubblico si presti a operazioni smaccatamente faziose, come quelle di “Report”.

L’ultima panzana propinata agli italiani – e spacciata come vera da personaggi inquietanti, adeguatamente imbeccati dai “giornalisti” di Sigfrido – è che uno degli artefici della strage di Capaci sia stato Stefano Delle Chiaie. Mandati in onda i servizi che attesterebbero questo “scoop”, Ranucci entra in scena e tira le somme, distribuendo a destra e a manca patenti di criminale o di servitore dello Stato.

Il metodo, insomma, è sempre lo stesso: gli inviati preparano il terreno con interviste tagliate ad arte, poi Sigfrido “spiega” il contenuto delle interviste, picchiando duro i suoi nemici. Appena tornato in video, lo ha fatto contro la Lega e contro Salvini, che lui spaccia ormai per il male assoluto: ci manca solo che ci faccia vedere Salvini dentro un tank russo e siamo a posto. Poi ha ripreso la sua antica campagna di denigrazione nei confronti di Avanguardia Nazionale, addirittura tirandola in ballo per la strage di Capaci. E possiamo star certi che non finirà qui.

Questo pseudo-giornalista, sempre più gonfio, non solo fisicamente, ma anche di livore, sta evidentemente preparando il terreno di una campagna elettorale molto dura, che ci porterà alle elezioni politiche del 2023.

Il problema è che il signor Ranucci è pagato da tutti i cittadini – di destra e di sinistra – e non può permettersi di calpestare una parte politica, soltanto perché ha chiesto chiarezza sulle accuse – pesanti, molto pesanti – che sono state rivolte a questo conduttore, fazioso e arrogante. E se la Rai non interverrà, come temiamo succeda, lo faccia la Commissione parlamentare di Vigilanza: “Report”, in un modo o nell’altro, va fermato. Il popolo italiano, tutto, merita rispetto. Quello che Ranucci non ha.

 

Immagine: https://www.rai.it/

                                                                     


Editoriale

 

Ricostruire l'unità nazionale

di Adriano Tilgher

Siamo alle solite. In Italia siamo troppo occupati ad affrontare temi marginali o impostici da altre nazioni per renderci conto della grave situazione in cui versa la nostra nazione. Purtroppo tutto questo accade perché a nessuno dei cosiddetti politici, né alle istituzioni interessa nulla dell’Italia; basti pensare alla scomparsa in tutte le scuole di ogni ordine e grado della storia, della grande cultura classica ed umanistica, base e fondamento sia del nostro percorso unitario che della nostra profonda identità.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

L'ethos del cameratismo

1944 il poeta, soldato, (e bisessuale) Robert Graves, (24 July 1895 – 7 December 1985) dà alle stampe il suo romanzo più famoso, "Il vello d'oro”, che parla fra altre cose, della guerra dei sessi nella mitologia Greca (successivamente ereditata dai Romani). Graves dipinge il "litigio" fra Zeus ed Era, più che come una satira sui problemi domestici delle famiglie greche, come un conflitto fra sistemi sociali inconciliabili. Nel descrivere il panteon greco l'autore narra dello scontro fra le divinità femminili dei popoli mediterranei guidate da Madre Gea e gli dei del pantheon maschile, guidati da Zeus arrivati dal nord con gli invasori achei, che si sono fatti largo a spallate nella Grecia arcaica e matriarcale. Ad Olimpia cittadina del Peloponneso occidentale, che ha dato nome alle "Olimpiadi" dove sorgeva il tempio di Gea, più venerato di tutta la Grecia, un paio di millenni prima dell’era dell’Uomo, pare si sia tenuta una sorta di sacro G20, un super vertice religioso con lo scopo di raggiungere una pacificazione. Da un lato, le diverse manifestazioni della triplice Dea, con i loro riti della fertilità, e un certo gusto per i sacrifici umani, dall’altro gli dei guerrieri venuti dal nord, che erano usi tenere le donne alla catena, in cielo come in terra. Ma sarà una pace fittizia, la guerra metafisica, non finirà mai, e giunge fino a noi alimentata dal tentativo del nuovo ordine mondiale di uniformare, e quindi annullare ogni diversità di genere.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.