La misura è colma: "Report" va fermato

Ora basta. Basta davvero. “Report”, la trasmissione di RaiTre, continua ad attaccare una parte politica (la destra), a infangare tutti coloro che non possono più difendersi (perché defunti) e a riscrivere la storia d’Italia a modo suo (e, ovviamente, a favore di compagni e compagnucci). Sigfrido Ranucci, conduttore e “padrone” del programma, sfoggia verso i suoi avversari, che lui evidentemente considera nemici, una cattiveria che nemmeno il peggior Santoro aveva mai mostrato.

Sarà stata la denuncia anonima di qualche mese fa, nella quale Ranucci era accusato di mobbing e di molestie sessuali nei confronti di lavoratori e lavoratrici di “Report”; sarà stato l’atteggiamento di qualche membro della Commissione parlamentare di Vigilanza sulla Rai, che Sigfrido riteneva suo amico e che, invece, ha chiesto di visionare con attenzione il dossier anonimo; sarà stato lo stop imposto alla trasmissione, seguito non casualmente a queste accuse; saranno le elezioni prossime venture, che la sinistra rischia di perdere in modo rovinoso. Qualunque sia il motivo, una cosa è certa: il Ranucci tornato in video è una specie di belva, assetata del sangue nemico, e i suoi inviati sono più improbabili e più velenosi del solito. E i vertici Rai, a nostro avviso, hanno il dovere di fermarlo, perché è inaccettabile che il servizio pubblico si presti a operazioni smaccatamente faziose, come quelle di “Report”.

L’ultima panzana propinata agli italiani – e spacciata come vera da personaggi inquietanti, adeguatamente imbeccati dai “giornalisti” di Sigfrido – è che uno degli artefici della strage di Capaci sia stato Stefano Delle Chiaie. Mandati in onda i servizi che attesterebbero questo “scoop”, Ranucci entra in scena e tira le somme, distribuendo a destra e a manca patenti di criminale o di servitore dello Stato.

Il metodo, insomma, è sempre lo stesso: gli inviati preparano il terreno con interviste tagliate ad arte, poi Sigfrido “spiega” il contenuto delle interviste, picchiando duro i suoi nemici. Appena tornato in video, lo ha fatto contro la Lega e contro Salvini, che lui spaccia ormai per il male assoluto: ci manca solo che ci faccia vedere Salvini dentro un tank russo e siamo a posto. Poi ha ripreso la sua antica campagna di denigrazione nei confronti di Avanguardia Nazionale, addirittura tirandola in ballo per la strage di Capaci. E possiamo star certi che non finirà qui.

Questo pseudo-giornalista, sempre più gonfio, non solo fisicamente, ma anche di livore, sta evidentemente preparando il terreno di una campagna elettorale molto dura, che ci porterà alle elezioni politiche del 2023.

Il problema è che il signor Ranucci è pagato da tutti i cittadini – di destra e di sinistra – e non può permettersi di calpestare una parte politica, soltanto perché ha chiesto chiarezza sulle accuse – pesanti, molto pesanti – che sono state rivolte a questo conduttore, fazioso e arrogante. E se la Rai non interverrà, come temiamo succeda, lo faccia la Commissione parlamentare di Vigilanza: “Report”, in un modo o nell’altro, va fermato. Il popolo italiano, tutto, merita rispetto. Quello che Ranucci non ha.

 

Immagine: https://www.rai.it/

                                                                     


Editoriale

 

Il ruolo dell'Italia - 4

di Adriano Tilgher

Patrimonio culturale immateriale, patrimonio culturale materiale, faro di cultura e di civiltà, posizione geopolitica e strategica fondamentale per l’equilibrio nel Mediterraneo in una nuova identità che nasca dal superamento di tutte le contraddizioni interne sono il presupposto per definire il ruolo finale dell’Italia. Non si tratta di egemonia mondiale di cui stiamo parlando perché questa sul piano culturale ci appartiene di diritto e ci è riconosciuta da tutti ed è la ragione principale per cui l’Italia è sotto attacco soprattutto nel campo della formazione. Non si tratta nemmeno di becero imperialismo imperniato sulla forza delle armi sotto l’egida e il ricatto della grande industria militare, stiamo parlando di qualcosa di molto più concreto, legato ai valori profondi dell’essere umano e delle comunità che riesce a costruire.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Più buio che a mezzanotte non viene

22 giugno 1946 entra in vigore il: “Decreto presidenziale di amnistia e indulto per reati (..), politici e militari”, avvenuti durante il periodo dell'"occupazione nazifascista". Legge proposta e varata da Palmiro Togliatti, segretario del PCI, e allora ministro di Grazia e Giustizia del primo governo De Gasperi. L'amnistia, che prenderà il nome dal suo promulgatore, aveva come scopo primario, quello di giungere quanto prima a una pacificazione nazionale, per evitare che l'"epurazione", degli ex fascisti rallentasse la ricostruzione materiale del paese. Con l'amnistia vennero scarcerati migliaia di detenuti che furono reinseriti senza troppo clamore nella cosiddetta "Società Civile". Stranamente (o forse no) alcuni degli ex prigionieri, arriveranno perfino a iscriversi al Partito Comunista, chi per convenienza, chi per continuare l’ideale battaglia de: "Il sangue contro l'oro",  in quanto (almeno a parole) vedevano nel PCI un argine ad una visione liberista del mondo, identificando più che nell'unione Sovietica il nemico in quegli Stati Uniti artefici di massacri e distruzione delle nostre città.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.