Draghi alla NATO? Magari, ma non succederà

La fonte è attendibile, molto attendibile (un generale dell’Esercito, che vediamo spesso in tv a “spiegarci” la guerra tra Russia ed Ucraina): “Draghi lascerà presto il Governo, per un ruolo di primissimo piano alla Nato”. Ipotesi possibile, vista anche la frenetica attività del nostro premier, a servizio degli Stati Uniti, con l’invio di armi a Zelensky, appunto secondo la volontà di Washington. Ma, se davvero questa possibilità prendesse forma e il Migliore lasciasse Palazzo Chigi, Letta nipote, Conte, Renzi, Salvini e compagnia entrerebbero nel panico, perché loro, per Draghi, hanno già disegnato un percorso che arriva almeno fino al 2025 ed è quello che lo vede ancora alla guida dell’esecutivo.

Nel 2023, è vero, ci sono le elezioni e Draghi certamente non si vuole candidare, ma, con l’attuale sistema elettorale, quel che resta dei partiti avrà gioco facile – in un Parlamento a ranghi ridotti, ma comunque prevedibilmente ancora simile a una sorta di Vietnam, senza maggioranze chiare – a sponsorizzare il Migliore e un Governo da lui presieduto.

Del resto, tutto quello che leggiamo e ascoltiamo in queste settimane porta esattamente in questa direzione, con buona pace dell’ipotesi del generale. Il quale argomenta la sua tesi con convinzione: “Draghi non ne può più dei partiti che sostengono il suo esecutivo e la Nato sarebbe un’ottima via di fuga”. Vero, ma un personaggio come Draghi, se davvero volesse “scappare”, coglierebbe al balzo una delle tante liti nella sua maggioranza e rimetterebbe il mandato. Invece, niente: resta ancorato saldamente alla poltrona di Palazzo Chigi, forte del “patto di ferro” con Mattarella e della nullità di quelli che tutti noi ci ostiniamo, colpevolmente, a definire “leader” dei partiti.

Enrico Letta è un leader? Conte è un leader? Salvini è un leader? Speranza è un leader? Tajani è un leader? Questi signori sono i capi dei loro partiti, che a loro volta sono un’accozzaglia di uomini e donne, “battezzati” deputati o senatori, in virtù della loro capacità di essere proni ai voleri del “padrone” di turno. Insomma, una schifezza totale, dalla quale effettivamente Draghi farebbe bene a fuggire, se davvero fosse il Migliore.

Anche Draghi, però, nella sua lunga e gloriosa carriera – e, in particolare, in questo periodo a capo del Governo italiano – ha dimostrato di servire tanti padroni: i potentati bancari e finanziari europei e mondiali e gli Stati Uniti d’America in primis. E, dunque, è l’uomo adatto per continuare a svendere la nostra amata Italia a investitori senza scrupoli, che però fanno comodo agli amici di Biden e Macron, che a loro volta, oltre allo stesso Draghi, hanno in Renzi ed Enrico Letta ottime spalle all’interno della maggioranza di Governo.

Draghi alla Nato, dunque, sarebbe un’ottima ipotesi, per non rivederlo a Palazzo Chigi anche nel 2023. Ma temiamo che resteremo tutti delusi: i presunti “leader” di cui sopra, quasi certamente, lo riproporranno come presidente del Consiglio anche nel 2023, per almeno un altro paio di anni. Ci diranno che una risorsa del genere deve restare alla guida del Governo, per salvare il Paese, in crisi per le conseguenze della guerra tra Russia e Ucraina. E i poveri saranno sempre più poveri e i ricchi sempre più ricchi. Con la benedizione del Migliore.

 

Immagine: https://www.notizie.it/


Editoriale

 

Il ruolo dell'Italia - 4

di Adriano Tilgher

Patrimonio culturale immateriale, patrimonio culturale materiale, faro di cultura e di civiltà, posizione geopolitica e strategica fondamentale per l’equilibrio nel Mediterraneo in una nuova identità che nasca dal superamento di tutte le contraddizioni interne sono il presupposto per definire il ruolo finale dell’Italia. Non si tratta di egemonia mondiale di cui stiamo parlando perché questa sul piano culturale ci appartiene di diritto e ci è riconosciuta da tutti ed è la ragione principale per cui l’Italia è sotto attacco soprattutto nel campo della formazione. Non si tratta nemmeno di becero imperialismo imperniato sulla forza delle armi sotto l’egida e il ricatto della grande industria militare, stiamo parlando di qualcosa di molto più concreto, legato ai valori profondi dell’essere umano e delle comunità che riesce a costruire.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Più buio che a mezzanotte non viene

22 giugno 1946 entra in vigore il: “Decreto presidenziale di amnistia e indulto per reati (..), politici e militari”, avvenuti durante il periodo dell'"occupazione nazifascista". Legge proposta e varata da Palmiro Togliatti, segretario del PCI, e allora ministro di Grazia e Giustizia del primo governo De Gasperi. L'amnistia, che prenderà il nome dal suo promulgatore, aveva come scopo primario, quello di giungere quanto prima a una pacificazione nazionale, per evitare che l'"epurazione", degli ex fascisti rallentasse la ricostruzione materiale del paese. Con l'amnistia vennero scarcerati migliaia di detenuti che furono reinseriti senza troppo clamore nella cosiddetta "Società Civile". Stranamente (o forse no) alcuni degli ex prigionieri, arriveranno perfino a iscriversi al Partito Comunista, chi per convenienza, chi per continuare l’ideale battaglia de: "Il sangue contro l'oro",  in quanto (almeno a parole) vedevano nel PCI un argine ad una visione liberista del mondo, identificando più che nell'unione Sovietica il nemico in quegli Stati Uniti artefici di massacri e distruzione delle nostre città.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.