Guerra, stampa e la "verità" a stelle e strisce

La guerra è guerra. E in guerra, si sa, tutto è lecito. A partire dalla diffusione di notizie false o, quantomeno, "aggiustate" ad uso e consumo di una delle due parti che si fronteggiano nel conflitto. Tanto più in un mondo come quello attuale, dominato dai social e dalle notizie virtuali. Così la guerra in Ucraina è stata, da subito, combattuta su due piani: uno militare e l'altro mediatico.

Ovviamente, nel nostro Paese, da sempre prono al "padrone" statunitense, radio, giornali e tv ci hanno subito spiegato che le notizie false sono quelle che provengono da Mosca, mentre quel che dicono Washington, Kiev, Parigi, Berlino, Londra e Roma è la verità assoluta.

Viene da domandarsi, allora, perché dai Paesi occidentali, quelli che hanno la verità, siano partite carovane di giornalisti, per raccontarci la guerra in Ucraina, se già sappiamo chi ha ragione e chi ha torto. In realtà, questi valenti cronisti di guerra sono sul posto per documentare, in modo acritico, i massacri perpetrati dai russi. E guai a sollevare dubbi e domande: la verità è quella, i russi sono criminali, punto e basta.

Siamo rimasti stupiti, perciò, quando una trasmissione come "Quarto Grado", che si è sempre occupata di cronaca nera e che sta raccontando anche la guerra in Ucraina (francamente non ce n'era alcun bisogno, visto che i tg e gli approfondimenti non parlano d'altro), ha invitato una giornalista russa, Nadana Fridrikhson, in collegamento dal suo Paese, per parlare del conflitto. L'intervento è stato preceduto da un servizio della stessa cronista, nei luoghi di guerra, mandato in onda dalla TV russa: la Fridrikhson ha raccontato cose opposte a quelle che narrano i nostri tg, accusando i soldati ucraini di sparare spesso ai civili ucraini, e altri episodi, che ribaltano la narrazione occidentale.

Bene, prima ancora che la giornalista russa potesse spiegare, nel dettaglio, il suo pensiero, Carmelo Abbate, ospite fisso di Quarto Grado e bravissimo cronista e scrittore di nera, si è alzato urlando che non avrebbe ascoltato la propaganda del regime russo. Abbate è persona intelligente e molto preparata sui casi di cronaca nera, ma è evidentemente convinto di conoscere anche la verità assoluta sulla guerra in Ucraina, pur non avendo frequentato i luoghi di battaglia, come ha fatto, invece, la giornalista russa. Così, l'indignato Abbate è uscito urlando dallo studio, mentre la Fridrikhson lo guardava sbigottita, mentre cercava di parlare.

Il conduttore, un altro valido giornalista, come Gianluigi Nuzzi, ha invitato la cronista russa a proseguire, ma, quando lei ha dato la sua opinione, Nuzzi l'ha interrotta, dicendo che la Russia è un regime, che là non c'è democrazia e che quindi lei non può venirci a raccontare, in buona sostanza, che i cittadini in Russia hanno libertà di espressione, visto che a Mosca non si può nemmeno pronunciare la parola guerra, altrimenti si viene arrestati.

L'intervento della giornalista si è praticamente concluso lì, senza che potesse entrare nei dettagli di ciò che aveva visto, con i suoi occhi, in Ucraina: bloccata prima che potesse dire cose sgradite. Già, perché anche Nuzzi e la truppa di Quarto Grado hanno issato, da tempo, la bandiera ucraina, denunciando i crimini russi, senza mai ascoltare l'altra campana. E, quando fingono di farlo, fanno sì che il bastian contrario di turno venga bastonato e azzittito.

Questi signori, che si definiscono pomposamente giornalisti, ci raccontano la guerra a modo loro, ci spiegano che la Russia è un regime e non si rendono conto di essere ingranaggi di un meccanismo addirittura peggiore, vale a dire l'imperialismo statunitense, che si avvale, appunto, di camerieri spacciati per cronisti e di attori catapultati a fare i capi di Stato, come l'improbabile presidente ucraino Volodymyr Zelensky, una marionetta nelle mani di Biden e Johnson.

Ecco, da trasmissioni e giornalisti indipendenti ci aspetteremmo resoconti dai territori di guerra, con più voci, non solo quelle che fanno comodo al "padrone" americano. E che chi è in disaccordo con la narrazione occidentale potesse parlare, senza essere aggredito. Ma questo è e resterà un sogno. Perché se la Russia di Putin è un regime, come ci sottolineano tutti i giorni giornali e tg, l'Europa e la Gran Bretagna sono suddite degli Stati Uniti e hanno messo in piedi regimi forse meno rozzi, ma certamente molto più efficaci, perché travestiti da democrazie, ma implacabili con chi non condivide il pensiero unico. Gli americani diffondono il "verbo" e i sudditi lo rilanciano: chi dissente non solo non ha diritto di parola, ma è un pericoloso eversore. Piaccia o no, questa è la "verità" di Nuzzi e compagnia.

 

Immagine: https://www.ilprimatonazionale.it/


Editoriale

 

Il ruolo dell'Italia - 4

di Adriano Tilgher

Patrimonio culturale immateriale, patrimonio culturale materiale, faro di cultura e di civiltà, posizione geopolitica e strategica fondamentale per l’equilibrio nel Mediterraneo in una nuova identità che nasca dal superamento di tutte le contraddizioni interne sono il presupposto per definire il ruolo finale dell’Italia. Non si tratta di egemonia mondiale di cui stiamo parlando perché questa sul piano culturale ci appartiene di diritto e ci è riconosciuta da tutti ed è la ragione principale per cui l’Italia è sotto attacco soprattutto nel campo della formazione. Non si tratta nemmeno di becero imperialismo imperniato sulla forza delle armi sotto l’egida e il ricatto della grande industria militare, stiamo parlando di qualcosa di molto più concreto, legato ai valori profondi dell’essere umano e delle comunità che riesce a costruire.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Più buio che a mezzanotte non viene

22 giugno 1946 entra in vigore il: “Decreto presidenziale di amnistia e indulto per reati (..), politici e militari”, avvenuti durante il periodo dell'"occupazione nazifascista". Legge proposta e varata da Palmiro Togliatti, segretario del PCI, e allora ministro di Grazia e Giustizia del primo governo De Gasperi. L'amnistia, che prenderà il nome dal suo promulgatore, aveva come scopo primario, quello di giungere quanto prima a una pacificazione nazionale, per evitare che l'"epurazione", degli ex fascisti rallentasse la ricostruzione materiale del paese. Con l'amnistia vennero scarcerati migliaia di detenuti che furono reinseriti senza troppo clamore nella cosiddetta "Società Civile". Stranamente (o forse no) alcuni degli ex prigionieri, arriveranno perfino a iscriversi al Partito Comunista, chi per convenienza, chi per continuare l’ideale battaglia de: "Il sangue contro l'oro",  in quanto (almeno a parole) vedevano nel PCI un argine ad una visione liberista del mondo, identificando più che nell'unione Sovietica il nemico in quegli Stati Uniti artefici di massacri e distruzione delle nostre città.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.