Report, scandalo infinito

Lo chiamano servizio pubblico: i denari, in effetti, sono pubblici, ma di servizio non c'è proprio nulla. Report, una delle trasmissioni di punta Rai Tre, è la degna erede di programmi che, qualche lustro fa, vedevano come protagonista quel gentiluomo di Michele Santoro, sempre pronto a usare la TV di Stato, per attaccare il nemico numero uno di allora, Silvio Berlusconi. Oggi il "campione" della brigata di compagni che domina in Rai si chiama Sigfrido Ranucci, che di Report è non solo il conduttore, ma la vera e propria anima, addirittura il "padrone", secondo quanto ha denunciato, con un dossier, qualche gola profonda interna, secondo la quale il buon Sigfrido dalla "r" moscia assumerebbe spesso atteggiamenti sessisti in redazione.

Ovviamente, il dossier è stato non solo insabbiato, ma letteralmente sepolto in Rai, mentre in Commissione di Vigilanza Rai è stato esaminato e rapidamente accantonato. Così, dopo un breve stop, Report è tornato in onda, con un Ranucci più livoroso che mai, nei confronti del suo nemico di sempre, Matteo Salvini.

Dopo l'immancabile servizio sulla guerra in Ucraina, con una condanna senza se e senza ma della Russia e del "dittatore Vladimir Putin", la trasmissione di Rai Tre ha sferrato il suo attacco a Salvini, reo di aver detto, negli anni passati, che le sanzioni economiche contro la Russia erano una follia per il nostro Paese. E lo sgusciante Sigfrido, che non risponde alle accuse mosse a lui, ma che, con i nostri soldi, mette sul banco degli imputati i suoi nemici, è tornato a parlare del contratto stipulato dalla Lega col partito di Putin, mentre il solito "giornalista" (in realtà un molestatore seriale) si è scatenato nelle vie di Roma, per disturbare, anche al bar, deputati e senatori della Lega, chiedendo conto di quel contratto, siglato cinque anni fa, quando dell'invasione russa in Ucraina sapevano solo cartomanti e indovini di buon livello.

Ma Sigfrido, si sa, è uno che non si ferma e, così, ha portato avanti il suo attacco scomposto, in nome del servizio pubblico. E, allora, ci domandiamo: l'amministratore delegato della Rai, Fuortes, e il CdA tutto sanno o no che il servizio pubblico è tutt'altra cosa? Si sono accorti che Report non dà al cittadino pagante alcun servizio? Probabilmente no e, comunque, Ranucci è un intoccabile, malgrado più che telespettatori raccolga querele e brutte figure.

Insomma, siamo alle solite: Rai Tre sperpera i soldi del contribuente, per allestire trasmissioni condotte da imbarazzanti e rancorosi tribuni televisivi, quali Santoro (ieri) e Ranucci (oggi), che hanno come missione quella di attaccare i nemici politici della sinistra, che da sempre la fa da padrona in Rai. E lo fa, nel silenzio generale del mondo politico e nell'indifferenza della Commissione Parlamentare di Vigilanza Rai, che dovrebbe controllare la correttezza del servizio radiotelevisivo di Stato.

Saremo degli inguaribili ottimisti, ma davvero non vogliamo arrenderci e ci auguriamo che, presto o tardi, le cose a viale Mazzini cambino davvero. E che un personaggio come Ranucci, che lievita di trasmissione in trasmissione, non in termini di pubblico, ma per quel che riguarda il suo peso, possa finalmente appartenere al passato. Per essere, poi, citato come esempio di come non si deve fare il servizio pubblico.

 

Immagine: https://www.ilfattoquotidiano.it/


Editoriale

 

USA: un mondo malato da evitare

di Adriano Tilgher

Texas: una visione orrenda. 19 bambini uccisi a colpi di arma da fuoco, con loro muoiono anche le due insegnanti. Ucciso anche l’assassino, un ragazzo anche lui, poco più che adolescente. Che succede? Che sta accadendo? Perché così tante manifestazioni di follia? Ora inizieranno il dibattito sulle armi, sul loro libero commercio ed altre futilità del genere, senza affrontare a fondo il vero problema. Le armi non sparano da sole, ci vogliono la mente e la mano degli uomini e allora viene naturale chiedersi perché tanta follia? Chi può concepire a quell’età un progetto così mostruoso? e vedendo cadere creature indifese come fa a non fermarsi? Come può non essere assalito dall’angoscia della tremenda visione che si stava concretizzando per mano sua al punto che per fermarlo hanno dovuto ucciderlo?

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Beppe Niccolai

In un momento storico in cui i rimasugli del nostro mondo di riferimento si scontrano su analisi geopolitiche, con la maggioranza ormai appiattita su posizioni atlantiste e filo Ucraine, una piccola minoranza, rivendica un diverso percorso politico, ispirato a figure chiave del nostro panteon ideologico. La breve nota di questa settimana vuole presentare ai lettori più giovani e meno politicizzati una figura chiave del nostro pensare.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.