Poletti, l'inesistente ministro del lavoro

In queste elezioni politiche, vi era un assente di un certo rilievo nella competizione, quella dell’attuale (fino al nuovo governo) ministro del lavoro Giuliano Poletti. Infatti, egli non è stato candidato dal suo partito “PD” e crediamo che nessuno si sia lamentato di questo fatto.

Poletti, già Presidente della Lega delle Cooperative (la “holding” che controlla tutto il vasto mondo economico e commerciale delle cooperative di orientamento social comunista, a cominciare dalla famosa “COOP” per finire al complesso bancario assicurativo dell’UNIPOL) era stato nominato ministro da Renzi nel 2014 con lo scopo di assicurarsi il consenso di quel mondo, molto influente economicamente ed anche elettoralmente.

Tuttavia, da ministro del lavoro Poletti è stato del tutto assente. Non sono mai partite da lui proposte di legge articolate sui rapporti di lavoro: il tanto discusso “job act” è stato elaborato dai consiglieri “bocconiani” di Renzi. Le vertenze collettive di lavoro, che hanno interessato circa 200 aziende con i relativi dipendenti, sono state trattate presso il Ministero dello Sviluppo Economico e non, com’è sempre avvenuto nella storia della Repubblica, presso il suo ministero. Anche per quanto riguarda il sistema previdenziale, le modalità relative all’anticipo pensionistico sono state trattate con Stefano Nannicini, consulente economico di Renzi e non con Poletti. Egli, inoltre, è sempre stato piuttosto passivo dinanzi alle dichiarazioni – spesso esagerate e terroristiche – del presidente Boeri sulla situazione economica dell’INPS e sull’ipotetico futuro incerto delle pensioni; non solo, ma non ha mai espresso una sua proposta in merito alla modifica della governance monocratica dell’Ente su cui le Commissioni del lavoro della Camera dei Deputati hanno a lungo dibattuto in base a delle precise proposte di legge.

Per quanto riguarda poi i rapporti con i sindacati – anche questa competenza primaria del ministero del lavoro – vi è stata l’assenza più completa, tanto che trattative per la rappresentatività e il cosiddetto “welfare aziendale” sono intervenute direttamente con la Confindustria.

In realtà, Poletti si è preoccupato solo di dare la massima assistenza (e protezione) alle cooperative che peraltro, secondo quanto scrive oggi “La Verità”, sono in condizioni economiche preoccupanti: da tener presente che istituzionalmente il ministero dovrebbe svolgere anche opera di controllo e verifica del sistema cooperativo (ha un’apposita direzione generale preposta a questo) nell’interesse dei soci, dei dipendenti e dei creditori. Poletti era quindi in una condizione di palese conflitto d’interessi, proveniente da quel mondo che aveva tutto l’interesse di tutelare senza far emergere situazioni di crisi latenti. Ricordiamo che nel mese di novembre “L’Espresso” (ed è tutto dire!) aveva intitolato una sua inchiesta “L’era delle coop sta per finire”.

Quindi, diciamo senza rimpianti addio a Poletti, sperando che al suo posto ci sia chi possa veramente agire nell’interesse del lavoro, della previdenza pubblica e vigilare sui mal comportamenti.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

Il cappio al collo

Di Adriano Tilgher

Un vero cappio quello che il “salvatore dell’Italia”, Mario Draghi, ci sta mettendo al collo con le linee guida per l’utilizzo degli oltre 200 miliardi che stanno arrivando dalla UE. Questi soldi, non solo indebiteranno le nostre future generazioni, ma sono vincolati sia nell’utilizzo, che alle riforme da attuare. Utilizzo e riforme potentemente condizionati dalla volontà dei tecnocrati di Bruxelles. Su queste basi si muovono sia la riforma Cartabia della giustizia, in parte inutile perché non tocca temi fondamentali, quali la separazione delle carriere ed altro, in parte dannosa, perché restringe i margini del giusto processo, sia la legge Zan, una legge che discrimina, penalizza, diventa fonte di odio.

 

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Carlo Vichi - imprenditore, genio e galantuomo

“Il futuro non è più quello di una volta” (Paul Valery)

21 ottobre 1422 con la morte di Carlo VI di Francia detto "Il folle" viene pronunciata per la prima volta una locuzione universalmente riconosciuta, utilizzata per annunciare la morte di un sovrano e contemporaneamente annunciarne un successore. «Le Roi est mort, vive le Roi!», (Il Re è morto, lunga vita al Re!). Il 2 giugno 1992, nel porto di Civitavecchia il panfilo personale della Regina Elisabetta, Il Royal Yacht “Britannia”, era in attesa di imbarcare importanti ospiti per una minicrociera verso l’isola del Giglio. Su quel panfilo, fu decisa la privatizzazione dell’Italia e la progressiva distruzione dell'imprenditoria Nazionale. A bordo, oltre a finanzieri banchieri e dirigenti di multinazionali, un noto comico italiano, che pochi anni dopo fonderà un partito Politico con l'intento di intercettare un’eventuale dissenso a questa strategia. Ad introdurre il consesso, l'allora direttore generale del Tesoro Mario Draghi. Fu lui ad aprire i lavori, con una relazione introduttiva sui costi e i vantaggi delle privatizzazioni. La piccola e media impresa Nazionale deve essere aiutata nelle pratiche di fallimento, e svenduta sul mercato internazionale. Il nostro paese ha dato natali ad imprenditori visionari e spesso controcorrente, fra i tanti pensiamo ad Adriano Olivetti o Gaetano Marzotto, uomini semplici, "Self-made man", come canonizzato dalla cultura Statunitense. Uno degli ultimi eroi dell'imprenditoria Italiana, un bastian contrario, come piace a noi, si è spento nella sua città adottiva Milano circa un mese fa, il 20 settembre 2021, all’età di 98 anni, Carlo Vichi, leader indiscusso delle Tv a tubo catodico, che con la sua M.I.V.A.R. negli anni 80 e 90, entrò praticamente in tutte le case degli italiani, offrendo un prodotto economico ed allo stesso tempo tecnologicamente all'avanguardia.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.