Lega, siamo allo scontro finale

Matteo Salvini paragonato a Bud Spencer, buono per le risse, ma incapace di essere interprete di film di qualità: probabilmente, è stata questa la goccia che ha fatto traboccare il vaso. Il leader del Carroccio ha letto le note di agenzie – che  riportavano le dichiarazioni del ministro dello Sviluppo Economico, Giancarlo Giorgetti, rilasciate a Bruno Vespa, per il suo ultimo libro (il titolo è tutto un programma: “Perché Mussolini rovinò l’Italia e come Draghi la sta risanando”) – e non ce l’ha fatta: “Ora basta, così non si può andare avanti. Riuniamo il partito e vediamo chi resta in piedi”.

Siamo allo scontro finale, dunque, tra le due anime della Lega: quella europeista e filo-Draghi di Giorgetti e quella di Salvini, su posizioni meno prone a questo Governo, di cui pure la Lega fa parte, e molto più critiche verso l’Europa delle banche e della finanza.

Salvini, infuriato, senza parlare personalmente, ha anche organizzato la replica a Giorgetti, affidandola a interviste dei suoi fedelissimi, Borghi su tutti, che ha detto chiaramente: “Io sto con Bud Spencer”. Ovviamente, Giorgetti ha subito smentito qualsiasi intento provocatorio, aggiungendo che le frasi riportate, estrapolate dal contesto del libro, non hanno senso, né valore.

Eppure, la spinta di Giorgetti per Draghi al Quirinale (“Potrebbe guidare il convoglio anche dal Colle, con un semipresidenzialismo de facto”), unita alle critiche a Salvini, che secondo Giorgetti dovrebbe abbandonare le destre europee, per aderire al Partito Popolare Europeo, ha avuto un effetto devastante e le conseguenze saranno visibili nelle prossime settimane.

Certo è che, adesso, Salvini non è più disposto a subire in silenzio. Il problema, però, è che, all’interno del Carroccio, sono in molti, ormai, a ritenerlo inadeguato, per proseguire la corsa verso il voto del 2023. E così, a parte qualche pasdaran alla Borghi, in pochi sembrano disposti a sostenerlo  davvero nella lotta contro Giorgetti. Oggi, infatti, i grandi elettori della Lega (gli industriali del Nord Est) vogliono che il  Carroccio resti saldamente ancorato al Governo, senza i “se” e i “ma” di Salvini. Giorgetti, da subito, si è fatto interprete di questa volontà, sostenendo Draghi e adesso sponsorizzandolo addirittura per la Presidenza della Repubblica, ma con poteri che arrivino fino alla guida del Governo. Qualcosa che in Costituzione non c’è, ma, come abbiamo visto col Covid e col Green Pass, la Carta Costituzionale, di questi tempi, è un testo caduto nel dimenticatoio.

Gli scenari che si vanno disegnando, dunque, non appaiono i migliori per Matteo Salvini: o scenderà a più miti consigli, vale a dire si avvicinerà alle posizioni del Partito Popolare Europeo, o all’interno della Lega potrebbe avere i giorni contati. In buona sostanza, Giorgetti gli ha fatto capire che, andando avanti così, Matteo morirà sull’altare di un sovranismo alla Meloni, che non è più di moda. E che, quindi, alla fine è meglio entrare nel Ppe e morire democristiani, governando ancora a lungo con Draghi, al servizio dei potentati economici e finanziari.

Lo scontro finale tra Salvini e il “suo” ministro ci darà una risposta definitiva sulla strada che intraprenderà la Lega e su chi la guiderà nei prossimi anni.

 


Editoriale

 

Vincitori e vinti alle elezioni

di Adriano Tilgher

I dati ormai sono sul tavolo, i giornali di regime ci hanno raccontato chi ha vinto e chi ha perso, i principali interpreti si sono tutti manifestati, pure il nostro Pensiero Forte ha dato le pagelle ai contendenti, sembra una pratica da archiviare. Anche se… tutto può ancora succedere. L’aumento delle astensioni dal voto manifesta, come in tanti hanno commentato, disaffezione e malessere, ovvero l’aumento della distanza sempre più significativo tra la gente e le istituzioni. D’altra parte non poteva essere diversamente visto tutto quello che è accaduto in questi ultimi anni.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Abbiamo vinto il Festival

Lo scorso fine settimana si sono svolte elezioni politiche importantissime per il futuro del nostro paese, e perciò vi parlerò... di musica. 1992 nella kermesse della quarantaduesima edizione del Festival di Sanremo, partecipa il gruppo musicale "Statuto", fra i maggiori rappresentanti di un genere da sempre sottovalutato nel nostro paese, lo Ska. Stile musicale partito dalla Giamaica tra la fine degli anni 50 ed i primi anni 60, approdato dopo l'indipendenza della Giamaica nel 1962 nel regno unito. In quel paese lo Ska venne conosciuto anche con il termine bluebeat, perché molti dei primi singoli ska erano realizzati per l'etichetta discografica Blue Beat Records.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.