Centrodestra/Salvini e Meloni, adesso basta

Non capiscono. Proprio non ce la fanno. Matteo Salvini e Giorgia Meloni, impegnati in una sfida fratricida all’ultimo voto virtuale (parliamo di sondaggi), non si accorgono che, ormai, i loro elettori (quelli veri) si stanno riducendo a livelli sempre più bassi: le elezioni amministrative, con un’astensione record in quelle che una volta erano roccaforti del centrodestra, hanno dimostrato, una volta di più, l’inadeguatezza di questi due presunti leader. Si tratta, in realtà, di due politici che hanno semplicemente fruito di fortunate coincidenze, con i loro partiti arrivati a livelli mai raggiunti prima, ma che oggi brancolano nel buio e che davanti hanno il baratro.

La sconfitta di tutti i sindaci messi in campo da Salvini e Meloni nelle grandi città – a Trieste, Di Piazza, unico vincitore del centrodestra, era stato scelto da Forza Italia – la dice lunga sulla lungimiranza di questi due personaggi, che peraltro, pur in un panorama mediatico tutto di matrice sinistra, continuano a godere di ampio spazio sui giornali, alla radio e in tv. Si sbracciano, urlano, sorridono, sempre a favore di telecamera, ma, alla fine, producono soltanto disastri.

Quel che è più grave è, appunto, che non se ne rendono conto, tutti presi a cercare la strada per il successo personale, perché l’obiettivo dichiarato, per entrambi, è quello di arrivare a Palazzo Chigi. La scelta di Michetti a Roma, portata avanti con incredibile ostinazione dall’onorevole Meloni, è stata un suicidio vero e proprio, come hanno testimoniato la campagna elettorale, prima, e l’esito delle urne, poi.  Ma Giorgia, nella sua città, ha voluto mostrare i muscoli: “Siamo il primo partito e decidiamo noi”. Il risultato è sotto gli occhi di tutti.

Salvini, da parte sua, per tutta la campagna elettorale si è barcamenato tra Governo e opposizione, frastornando i moltissimi incerti. Un giorno bastonava il Governo e quello successivo elogiava Draghi, come il miglior premier possibile. Anche qui, il risultato è evidente: la Lega, che pochi mesi fa era il primo partito italiano, praticamente senza rivali, ha perso una decina di punti (minimo) e si ritrova in seconda/terza posizione.

Adesso, i bene informati ci dicono che, all’interno del centrodestra, è in atto una resa dei conti, che succederà il finimondo. Difficile comprendere quel che accadrà davvero, ma si può supporre, ad esempio, che all’interno del Carroccio qualcuno presenti ben presto il conto a Salvini, per questo tonfo elettorale. Cosa che non succederà in Fratelli d’Italia, dove le gerarchie sono rigidamente assicurate dai “padroni” del partito, Rampelli e Meloni. Ma, continuando così, anche Fratelli d’Italia perderà rapidamente consensi.

In definitiva, gli elettori hanno detto una cosa molto chiara al centrodestra: basta con Salvini e Meloni, basta con le lotte interne, basta con politiche incomprensibili. Ovviamente, Salvini e Meloni si guarderanno bene dal farsi da parte, ma, per il bene del centrodestra e del Paese, che non può essere consegnato senza combattere a Enrico Letta e Giuseppe Conte, la coalizione Lega-Forza Italia-Fratelli d’Italia deve cambiare rotta. E, soprattutto, deve cambiare leader. Piaccia o no a Matteo e Giorgia.

 

Fonte immagine: www.ilfattoquotidiano.it


Editoriale

 

Ricostruire l'unità nazionale

di Adriano Tilgher

Siamo alle solite. In Italia siamo troppo occupati ad affrontare temi marginali o impostici da altre nazioni per renderci conto della grave situazione in cui versa la nostra nazione. Purtroppo tutto questo accade perché a nessuno dei cosiddetti politici, né alle istituzioni interessa nulla dell’Italia; basti pensare alla scomparsa in tutte le scuole di ogni ordine e grado della storia, della grande cultura classica ed umanistica, base e fondamento sia del nostro percorso unitario che della nostra profonda identità.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

L'ethos del cameratismo

1944 il poeta, soldato, (e bisessuale) Robert Graves, (1895 -1985) dà alle stampe il suo romanzo più famoso, "Il vello d'oro”, che parla fra altre cose, della guerra dei sessi nella mitologia Greca (successivamente ereditata dai Romani). Graves dipinge il "litigio" fra Zeus ed Era, più che come una satira sui problemi domestici delle famiglie greche, come un conflitto fra sistemi sociali inconciliabili. Nel descrivere il panteon greco l'autore narra dello scontro fra le divinità femminili dei popoli mediterranei guidate da Madre Gea e gli dei del pantheon maschile, guidati da Zeus arrivati dal nord con gli invasori achei, che si sono fatti largo a spallate nella Grecia arcaica e matriarcale. Ad Olimpia cittadina del Peloponneso occidentale, che ha dato nome alle "Olimpiadi" dove sorgeva il tempio di Gea, più venerato di tutta la Grecia, un paio di millenni prima dell’"era dell’Uomo", pare si sia tenuta una sorta di sacro G20, un super vertice religioso con lo scopo di raggiungere una pacificazione. Da un lato, le diverse manifestazioni della triplice Dea, con i loro riti della fertilità, ed un certo gusto per i sacrifici umani, dall’altro gli dei guerrieri venuti dal nord, che erano usi tenere le donne alla catena, in cielo come in terra. Ma sarà una pace fittizia, la guerra metafisica, non finirà mai, e giunge fino a noi alimentata dal tentativo del nuovo ordine mondiale di uniformare, e quindi annullare ogni diversità di genere.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.