Fascismo, allarme a tempo

Nell’Italia del 2021 c’è un pericolo grave e concreto: quello del ritorno del fascismo. Lo hanno decretato, a reti unificate, radio e tv, seguite a ruota da giornaloni, giornalini e foglietti vari. La dimostrazione sta nella manifestazione di sabato 9 ottobre: un agguato in piena regola alle istituzioni, proprio come quelli dei fascisti di un secolo fa. Così, dal 9 ottobre, non si sente parlare di altro che dell’onda nera che ritorna e che rischia di travolgere la nostra democrazia.

Ora, al di là dei giudizi sulla “fantastica” democrazia italiana, soltanto chi è in malafede può propinare una notizia come quella del pericolo nero, peraltro pensando, evidentemente, che il nostro sia un popolo di stupidi creduloni. Come accendiamo la tv o apriamo un giornale, ci compare la faccia di Letta (Enrico, il nipote di Gianni), che ci spiega come l’allarme sia reale. E che, se non si scioglierà subito Forza Nuova, partito con numeri da 0,001 per cento, rischieremo grosso.

Così, il premier del Governo dei migliori, l’infallibile Mario Draghi, ci fa sapere che i giuristi di Palazzo Chigi sono al lavoro, per cercare di capire se e come sciogliere immediatamente Forza Nuova. Già, perché tra gli arrestati del sabato nero ci sono i leader di questa formazione.

Nessuno, però, spiega che sono stati arrestati anche quindici anarchici e che in piazza c’erano decine di migliaia di manifestanti pacifici, che chiedevano una cosa semplice: come veder garantito il loro diritto al lavoro (previsto dalla “Costituzione più bella del mondo”), senza il Green Pass. Una domanda a cui il Governo non vuole dare una risposta: senza Green Pass non si lavora, dicono Draghi e compagnia. Punto e basta. Nessuna spiegazione, anche perché la validità scientifica del Green Pass, come hanno detto autorevoli medici, è nulla. E, allora, si impone un obbligo, senza spiegarlo, e si viola un diritto costituzionale, con l’appoggio di tutti gli organi di (dis)informazione.

Così, le manifestazioni contro il lasciapassare verde vengono derubricate a episodi di violenza fascisti e la dittatura sanitaria va avanti per la sua strada, senza ostacoli. Nel panorama politico, soltanto Salvini e Meloni alzano la voce contro questa vergogna: ovviamente, vengono additati come pericolosi fascisti. “Come fanno – si chiedono Letta, Conte e altri falliti di vario genere, risorti grazie a Draghi – a non vedere la matrice fascista degli scontri di Roma? Come fanno a non vedere il pericolo di questi rigurgiti, che ci riportano agli albori del Ventennio mussoliniano?”.

Già, come fanno? Come fanno, piuttosto, lo stesso Letta, Floris, Formigli, Bianca Berlinguer e compagnia a non arrossire, quando ci ammorbano con le loro idiozie? Politici sinistri e pseudogiornalisti hanno un obiettivo chiaro: assassinare i resti della democrazia italiana, agitando lo spettro del fascismo. Soprattutto alla vigilia dei ballottaggi di città importantissime, come Roma, dove, a sentir loro, un candidato moderato come Michetti – espressione del centrodestra – strizzerebbe l’occhio addirittura al nazismo.

Ecco, questa è la sinistra italiana, con tutta la fanfara al seguito: un’accozzaglia di personaggi improbabili, che predica odio nei confronti dell’avversario politico. Ti additano, ti accusano e ti emarginano. Ecco, dunque, che il pericolo fascista è utilissimo anche in vista dei ballottaggi. Ma da martedì 19, statene certi, l’allarme scemerà, fino a svanire. Per ripresentarsi quando servirà. Magari alla vigilia del voto per il Quirinale.

 

Immagine: https://www.ilgiornale.it/


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

L'antifascismo in assenza di Fascismo

di Adriano Tilgher

Davanti al nulla assoluto della loro presenza e capacità politica ed al loro squallido servilismo nei confronti dell’emissario dei potentati anti italiani, Draghi, tutti i partiti ed i sindacati hanno ritrovato ossigeno e una ragione per esserci nell’antifascismo. L’antifascismo è un rito antico, impostoci con il diktat di pace del 1947 da inglesi, americani, marocchini che ci hanno sconfitti ed occupati il 25 aprile 1945 e non se ne sono più andati. Un rito recepito dalla nostra costituzione nelle norme transitorie e finali che non transitano mai.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Sindacalismo Rivoluzionario

Settembre 1904 con il primo sciopero nazionale prende ufficialmente vita in Italia il "Sindacalismo Rivoluzionario", tra i principali ideologi il francese Georges Sorel e gli italiani Arturo Labriola e Enrico Leone. Il principio fondamentale del sindacalismo rivoluzionario era l'indipendenza sindacale nei confronti sia dei partiti politici che dello Stato. Inizialmente nasce come corrente di sinistra in seno al Partito Socialista per poi distaccarsene nel congresso di Ferrara del 1907, per avviare un lavoro sindacale autonomo, dapprima nelle campagne emiliane, poi nei centri industriali del Nord, e nelle miniere di Puglia e Toscana. I suoi organizzatori più attivi furono Alceste De Ambris e Filippo Corridoni. Nel 1907 a Parma nasce la CGdL, su una idea di Alceste de Ambris. Nel 1912 Filippo Corridoni ed altri, spaccano il movimento creando l'(USI), l'Unione Sindacale Italiana, che aumentò il proprio peso politico diffondendosi specialmente a Milano.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.