Nel Paese che condanna Morisi

Nel Paese in cui non basta rubare o rapinare per finire dritti in galera; nel Paese in cui si tollera lo spaccio a cielo aperto, dalla mattina alla sera, in città grandi e piccole; nel Paese in cui ci si lamenta per gli omicidi di fidanzati o mariti gelosi, dimenticando che gli assassini molto spesso erano stati denunciati, ma nessuno li aveva rinchiusi, per evitare che portassero a termine i loro piani omicidi; nel Paese in cui si può tenere un concerto di cinque giorni, in un terreno privato, all’insaputa del proprietario, facendo confluire 15mila persone, senza che nessuno finisca dietro le sbarre. In un Paese così, alla vigilia delle elezioni comunali, il pericolo pubblico numero uno è diventato un uomo apparentemente mite, tal Luca Morisi, “colpevole” di essere stato a capo della cosiddetta “Bestia”, la macchina comunicativa della Lega di Salvini.

Luca Morisi, infatti, è stato sbattuto in prima pagina su tutti i giornali e si è conquistato le copertine di molti telegiornali, con un banale pretesto, anche se la sua vera colpa, come abbiamo già scritto, è semplicemente quella di aver guidato la potentissima macchina della comunicazione della Lega salviniana. Il pretesto è il fatto che gli siano stati trovati due grammi di cocaina in casa e che due ragazzi sostengano che da lui abbiano ricevuto la cosiddetta droga dello stupro. Fatti gravi, senz’altro, ma fatti privati, che in questa società malata sono, purtroppo, all’ordine del giorno.

La cocaina è il vero male del secolo, certamente più del Covid, e gli assuntori di questo schifo sono ormai milioni, molti più di quel che si pensi. Lo stesso Morisi ha ammesso che quei due grammi erano per uso personale. Per la cessione di droga, poi, ha negato tutto, ma in questo caso saranno gli inquirenti a stabilire la verità. 

Ecco, per questi episodi, peraltro avvenuti intorno a Ferragosto e “casualmente” emersi una settimana prima delle elezioni amministrative, giornaloni e tv di regime hanno scatenato un vero e proprio inferno. L’inchiesta è su tutte le prime pagine di questi mezzi di disinformazione, gli stessi, ad esempio, che si scordano delle persone scomparse (poi puntualmente ritrovate morte assassinate); si dimenticano delle colpe di un ministro dell’Interno, che consente a 15mila persone un rave party illegale su un terreno privato; omettono di fare uno straccio d’inchiesta sullo spaccio diffuso, davanti agli occhi di tutti, da parte della mafia, della camorra, dei nigeriani, degli albanesi e chi più ne ha più ne metta. No, questi non sono problemi da portare all’attenzione dei lettori o dei telespettatori: il cattivone è Luca Morisi, amico e collaboratore di Salvini. 

Non c’è molto da aggiungere: è il solito schifo. Si parte dalle accuse a Morisi, per colpire Salvini, peraltro già in evidente difficoltà, per aver sbagliato, sul piano politico, tutto quello che c’era da sbagliare. Tanto che, ormai, la sfida con Giorgetti, per la guida della Lega, è praticamente ufficiale. Ma la politica è un conto, il killeraggio a mezzo stampa, da parte di personaggi che si autodefiniscono giornalisti, è un’altra cosa. Perciò, per quanto condividiamo davvero poco delle recenti scelte politiche di Salvini, non possiamo non associarci ai tanti che gli hanno espresso vicinanza, sul piano strettamente umano. Anche perché, nella tempesta, non ha scaricato l’amico Morisi: “Ha sbagliato - ha detto il Capitano leghista - ma io per lui ci sarò sempre”. Questo testimonia, se non altro, che Salvini ben conosce uno dei valori fondamentali della nostra esistenza: quello dell’amicizia. Fatto che, da solo, basta a rendercelo più simpatico dei tanti “professori” che, in questi giorni, sproloquiano contro Morisi e, nelle segrete stanze, s’imbiancano il naso.

 

Immagine: https://www.open.online/


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

L'antifascismo in assenza di Fascismo

di Adriano Tilgher

Davanti al nulla assoluto della loro presenza e capacità politica ed al loro squallido servilismo nei confronti dell’emissario dei potentati anti italiani, Draghi, tutti i partiti ed i sindacati hanno ritrovato ossigeno e una ragione per esserci nell’antifascismo. L’antifascismo è un rito antico, impostoci con il diktat di pace del 1947 da inglesi, americani, marocchini che ci hanno sconfitti ed occupati il 25 aprile 1945 e non se ne sono più andati. Un rito recepito dalla nostra costituzione nelle norme transitorie e finali che non transitano mai.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Sindacalismo Rivoluzionario

Settembre 1904 con il primo sciopero nazionale prende ufficialmente vita in Italia il "Sindacalismo Rivoluzionario", tra i principali ideologi il francese Georges Sorel e gli italiani Arturo Labriola e Enrico Leone. Il principio fondamentale del sindacalismo rivoluzionario era l'indipendenza sindacale nei confronti sia dei partiti politici che dello Stato. Inizialmente nasce come corrente di sinistra in seno al Partito Socialista per poi distaccarsene nel congresso di Ferrara del 1907, per avviare un lavoro sindacale autonomo, dapprima nelle campagne emiliane, poi nei centri industriali del Nord, e nelle miniere di Puglia e Toscana. I suoi organizzatori più attivi furono Alceste De Ambris e Filippo Corridoni. Nel 1907 a Parma nasce la CGdL, su una idea di Alceste de Ambris. Nel 1912 Filippo Corridoni ed altri, spaccano il movimento creando l'(USI), l'Unione Sindacale Italiana, che aumentò il proprio peso politico diffondendosi specialmente a Milano.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.