Menomale che Draghi c'è... per lobby e faccendieri

Un governo autorevole, rispettato in Europa e nel mondo, un governo che decide, senza se e senza ma, e non guarda in faccia nessuno, nell’interesse supremo del cittadino: l’esecutivo Draghi è questo. O, almeno, questo è ciò che vogliono farci credere gli strilloni di regime, dai telegiornali dell’alba fino a quelli della notte, passando per i giornaloni, ormai a tiratura zero, ma con pubblicità di Stato a cinque zeri.

Il Governo dei Migliori, com’è stato impropriamente ribattezzato al suo debutto, dimostra, in realtà, ogni giorno di essere totalmente inadeguato a fare gli interessi del popolo. Lo testimonia, in primis, la vicenda del Green Pass, una specie di barzelletta, di cui si parla effettivamente in tutto il mondo, ma non per elogiare Draghi e compagnia. A cosa serve, infatti, il Green Pass, sotto il profilo sanitario? A nulla. Ce lo hanno spiegato chiaramente fior di medici, che ogni giorno combattono il Covid: il lasciapassare certifica che siamo vaccinati, ma non è scritto da nessuna parte, ad esempio, che, in un luogo di lavoro dove ci sono venti persone col Green Pass, non possa diffondersi il contagio. E, allora, perché costringere tutti i lavoratori ad avere questa “certificazione verde”? Mistero. Nessuno lo spiega.

Non solo. Visto che il Green Pass, se non si è vaccinati, si ottiene con un tampone negativo, i sindacati hanno chiesto che, quantomeno per chi deve recarsi al lavoro, i tamponi siano gratuiti. Nessuna risposta da parte del Governo dei Migliori.

Come se non bastasse, in attesa che il Green Pass nei luoghi di lavoro sia obbligatorio, nelle scuole serve da subito, per andare ad accompagnare o a prendere i bambini. Follia pura, anche perché le informazioni, in questo caso, sono poche e frammentarie, affidate a qualche cartello esposto dalle stesse scuole. Qualcuno ha provato a chiedere chiarimenti al Governo dei Migliori: come al solito, nessuna risposta. Quindi, i genitori o i nonni o le baby sitter non vaccinati devono fare il tampone, a proprie spese, per entrare a scuola.

L’esecutivo Draghi, insomma, nel campo dei diritti e della Sanità non va granché meglio, rispetto al disastroso Conte due. Certamente, però, nelle materie economiche ha carte importanti da giocare, a partire dal premier. Il problema è che gli interessi di Draghi non coincidono con quelli dei cittadini. Gli applausi che gli arrivano dall’Europa e dal mondo non sono quelli di folle scese in piazza, ma delle élite finanziarie e degli ambienti politici a loro asservite. Così, quando c’è da prendere provvedimenti a favore dei cittadini, Draghi e il suo braccio destro, il ministro Franco, nicchiano. Il 9 settembre, ad esempio, il Parlamento ha votato, quasi all’unanimità, un ordine del giorno, che impegna l’esecutivo Draghi a rinviare nuovamente i pagamenti e a procrastinare ancora l’invio di cartelle di Agenzia Entrate Riscossione. Un atto dovuto, nei confronti di una comunità piegata dalle chiusure, imposte dall’emergenza sanitaria.

Anche in questo caso, però, il Governo dei Migliori tace e non fa sapere nulla al cittadino: la scadenza del 30 settembre, entro la quale andavano saldate le rate bloccate per il Covid, è quasi arrivata e Agenzia delle Entrate Riscossione non dà alcuna indicazione.

Una vergogna, l’ennesima, che, tanto per cambiare, penalizza il popolo. Eppure, se accendete la tv o aprite un giornale, il ritornello è sempre quello: meno male che Draghi c’è. Bisogna capire, però, per chi: certamente, per lobby varie e faccendieri; meno, molto meno, per chi ha a cuore le sorti dell’Italia.

 

Immagine: https://www.attac-italia.org/


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

L'antifascismo in assenza di Fascismo

di Adriano Tilgher

Davanti al nulla assoluto della loro presenza e capacità politica ed al loro squallido servilismo nei confronti dell’emissario dei potentati anti italiani, Draghi, tutti i partiti ed i sindacati hanno ritrovato ossigeno e una ragione per esserci nell’antifascismo. L’antifascismo è un rito antico, impostoci con il diktat di pace del 1947 da inglesi, americani, marocchini che ci hanno sconfitti ed occupati il 25 aprile 1945 e non se ne sono più andati. Un rito recepito dalla nostra costituzione nelle norme transitorie e finali che non transitano mai.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Sindacalismo Rivoluzionario

Settembre 1904 con il primo sciopero nazionale prende ufficialmente vita in Italia il "Sindacalismo Rivoluzionario", tra i principali ideologi il francese Georges Sorel e gli italiani Arturo Labriola e Enrico Leone. Il principio fondamentale del sindacalismo rivoluzionario era l'indipendenza sindacale nei confronti sia dei partiti politici che dello Stato. Inizialmente nasce come corrente di sinistra in seno al Partito Socialista per poi distaccarsene nel congresso di Ferrara del 1907, per avviare un lavoro sindacale autonomo, dapprima nelle campagne emiliane, poi nei centri industriali del Nord, e nelle miniere di Puglia e Toscana. I suoi organizzatori più attivi furono Alceste De Ambris e Filippo Corridoni. Nel 1907 a Parma nasce la CGdL, su una idea di Alceste de Ambris. Nel 1912 Filippo Corridoni ed altri, spaccano il movimento creando l'(USI), l'Unione Sindacale Italiana, che aumentò il proprio peso politico diffondendosi specialmente a Milano.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.