Lega, resa dei conti dopo il voto nei Comuni

Le previsioni di un paio di mesi fa, quando cominciavano i primi malumori interni nei confronti di Matteo Salvini, si stanno avverando: nella Lega è iniziata una guerra fratricida, che potrebbe portare, a breve, alla rimozione dell’attuale Capitano.

A far emergere con chiarezza la situazione è stata un’intervista al Presidente del Veneto, Luca Zaia, il quale ha detto, senza se e senza ma, che la linea vincente, all’interno del Carroccio, è quella dei Governatori. Nessuna presa di posizione ufficiale contro Salvini, ma un’aperta sconfessione della sua linea polemica sul Green Pass, che il Governo sta rendendo obbligatorio praticamente ovunque.

Ovviamente, le parole di Zaia hanno scatenato una ridda di voci, ipotesi e illazioni e hanno indotto i retroscenisti dei giornaloni di regime a disegnare un futuro catastrofico per la Lega e per Salvini, tanto che lo stesso Zaia si è dovuto affrettare a precisare che la sua era una semplice intervista, senza doppi fini e che tutte le interpretazioni che ne sono seguite sono soltanto “una montagna di fantasie”. Una presa di distanza, che non cambia, però, la sostanza delle cose dette (ad esempio: “Come Lega siamo entrati maldestramente nel confronto sui vaccini”), da cui emerge un forte disagio per le “uscite” di Salvini.

Così, l’appuntamento elettorale del 3 ottobre, quando si voterà in tutta Italia, per rinnovare i sindaci di città importantissime (a partire da Roma, Milano e Napoli), diventa decisivo e può rappresentare l’inizio della fine per Salvini, come leader della Lega.

I sondaggi, infatti, dicono che per i candidati del centrodestra andrà male un po’ ovunque e che al Sud la Lega sarà bastonata in modo pesante. Non è difficile immaginare che, se le cose andranno davvero così, una parte consistente del Carroccio, che fa riferimento non solo ai Governatori, ma anche al ministro Giancarlo Giorgetti, vorrà un Congresso in tempi rapidissimi, con l’obiettivo di sostituire l’attuale Capo.

Certo, nessuno disconosce il gran lavoro svolto da Matteo Salvini in questi anni. Come quel sottosegretario del Governo Draghi, che, a microfoni spenti, dice che “Matteo ha fatto un miracolo a portare la Lega sopra il 30 per cento”. Peccato, però, aggiunge lo stesso sottosegretario, “che poi abbia perso la bussola, a partire dalla tragica estate del Papeete… Da allora in poi non ne ha più azzeccata una e, se fosse stato per lui, non sarebbe entrato nemmeno nel Governo Draghi… Lo ha costretto Giorgetti, spiegandogli che, in caso contrario, gli industriali del Nord si sarebbero rivoltati”. 

Il destino di Salvini, insomma, è legato, almeno nel futuro prossimo, al voto amministrativo. Ma in pochi scommettono su di lui e sono in molti, ormai, a vedere presto lo stesso Giorgetti al suo posto: la resa dei conti, in casa del Carroccio, è alle porte.

 

Immagine: www.ilfattoquotidiano.it


Editoriale

 

L'urlo

di Adriano Tilgher

E’ qualcosa di profondo che esce in modo irrefrenabile e brucia in un attimo un’enorme quantità di energia. Può essere una manifestazione di grande gioia per il raggiungimento di un obiettivo a lungo desiderato o di profondo dolore per la perdita in modo irrecuperabile di qualcosa, di rinata speranza per l’improvvisa apparizione di una luce splendente in fondo ad un tunnel estremamente buio o di disperazione per l’atrocità dello spettacolo della realtà che si manifesta intorno a te, di travolgente passione per l’inebriante coinvolgimento in un difficile percorso di lotta e vittoria o di lancinante depressione perché non si vede nessuna via di sbocco o di fuga, di terrore per il timore di ciò che può accaderti o di coraggio per aiutarti a superare le tue paure.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Equinozio d'autunno

La parola “equinozio” deriva dal latino e significa “notte uguale” al giorno. Gli equinozi di marzo e settembre sono i due giorni dell’anno nei quali hanno inizio primavera e autunno. In questo giorno, il 22 Settembre, il Sole passa allo zenit all’equatore, sorge al polo sud, tramonta al polo nord e fa si che i raggi arrivino perpendicolari all’asse di rotazione della Terra. Porta d'ingresso dell'autunno, l'equinozio porta con sé una serie di profondi significati esoterici; il precipitare del sole, e con esso della luce, provocarono nell'uomo arcaico una sensazione di ansia per ciò che non poteva controllare né prevedere, ma anche il senso di forze cosmiche e occulte che dirigevano i fenomeni e le conseguenze ad essi associati. Non è un caso che l'equinozio abbia infatti una stretta connessione con tutto ciò che riguarda l'occulto, il sacrificio, la morte.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.