Lega, resa dei conti dopo il voto nei Comuni

Le previsioni di un paio di mesi fa, quando cominciavano i primi malumori interni nei confronti di Matteo Salvini, si stanno avverando: nella Lega è iniziata una guerra fratricida, che potrebbe portare, a breve, alla rimozione dell’attuale Capitano.

A far emergere con chiarezza la situazione è stata un’intervista al Presidente del Veneto, Luca Zaia, il quale ha detto, senza se e senza ma, che la linea vincente, all’interno del Carroccio, è quella dei Governatori. Nessuna presa di posizione ufficiale contro Salvini, ma un’aperta sconfessione della sua linea polemica sul Green Pass, che il Governo sta rendendo obbligatorio praticamente ovunque.

Ovviamente, le parole di Zaia hanno scatenato una ridda di voci, ipotesi e illazioni e hanno indotto i retroscenisti dei giornaloni di regime a disegnare un futuro catastrofico per la Lega e per Salvini, tanto che lo stesso Zaia si è dovuto affrettare a precisare che la sua era una semplice intervista, senza doppi fini e che tutte le interpretazioni che ne sono seguite sono soltanto “una montagna di fantasie”. Una presa di distanza, che non cambia, però, la sostanza delle cose dette (ad esempio: “Come Lega siamo entrati maldestramente nel confronto sui vaccini”), da cui emerge un forte disagio per le “uscite” di Salvini.

Così, l’appuntamento elettorale del 3 ottobre, quando si voterà in tutta Italia, per rinnovare i sindaci di città importantissime (a partire da Roma, Milano e Napoli), diventa decisivo e può rappresentare l’inizio della fine per Salvini, come leader della Lega.

I sondaggi, infatti, dicono che per i candidati del centrodestra andrà male un po’ ovunque e che al Sud la Lega sarà bastonata in modo pesante. Non è difficile immaginare che, se le cose andranno davvero così, una parte consistente del Carroccio, che fa riferimento non solo ai Governatori, ma anche al ministro Giancarlo Giorgetti, vorrà un Congresso in tempi rapidissimi, con l’obiettivo di sostituire l’attuale Capo.

Certo, nessuno disconosce il gran lavoro svolto da Matteo Salvini in questi anni. Come quel sottosegretario del Governo Draghi, che, a microfoni spenti, dice che “Matteo ha fatto un miracolo a portare la Lega sopra il 30 per cento”. Peccato, però, aggiunge lo stesso sottosegretario, “che poi abbia perso la bussola, a partire dalla tragica estate del Papeete… Da allora in poi non ne ha più azzeccata una e, se fosse stato per lui, non sarebbe entrato nemmeno nel Governo Draghi… Lo ha costretto Giorgetti, spiegandogli che, in caso contrario, gli industriali del Nord si sarebbero rivoltati”. 

Il destino di Salvini, insomma, è legato, almeno nel futuro prossimo, al voto amministrativo. Ma in pochi scommettono su di lui e sono in molti, ormai, a vedere presto lo stesso Giorgetti al suo posto: la resa dei conti, in casa del Carroccio, è alle porte.

 

Immagine: www.ilfattoquotidiano.it


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

L'antifascismo in assenza di Fascismo

di Adriano Tilgher

Davanti al nulla assoluto della loro presenza e capacità politica ed al loro squallido servilismo nei confronti dell’emissario dei potentati anti italiani, Draghi, tutti i partiti ed i sindacati hanno ritrovato ossigeno e una ragione per esserci nell’antifascismo. L’antifascismo è un rito antico, impostoci con il diktat di pace del 1947 da inglesi, americani, marocchini che ci hanno sconfitti ed occupati il 25 aprile 1945 e non se ne sono più andati. Un rito recepito dalla nostra costituzione nelle norme transitorie e finali che non transitano mai.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Sindacalismo Rivoluzionario

Settembre 1904 con il primo sciopero nazionale prende ufficialmente vita in Italia il "Sindacalismo Rivoluzionario", tra i principali ideologi il francese Georges Sorel e gli italiani Arturo Labriola e Enrico Leone. Il principio fondamentale del sindacalismo rivoluzionario era l'indipendenza sindacale nei confronti sia dei partiti politici che dello Stato. Inizialmente nasce come corrente di sinistra in seno al Partito Socialista per poi distaccarsene nel congresso di Ferrara del 1907, per avviare un lavoro sindacale autonomo, dapprima nelle campagne emiliane, poi nei centri industriali del Nord, e nelle miniere di Puglia e Toscana. I suoi organizzatori più attivi furono Alceste De Ambris e Filippo Corridoni. Nel 1907 a Parma nasce la CGdL, su una idea di Alceste de Ambris. Nel 1912 Filippo Corridoni ed altri, spaccano il movimento creando l'(USI), l'Unione Sindacale Italiana, che aumentò il proprio peso politico diffondendosi specialmente a Milano.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.