Quirinale, nessuna alternativa al Mattarella bis

Ormai è quasi certo: a Sergio Mattarella succederà Sergio Mattarella. Almeno fino al 2023, quando i cittadini italiani saranno chiamati nuovamente al voto. Mario Draghi non si candiderà e non avrà l’investitura popolare, per restare a Palazzo Chigi: a quel punto, per lui si schiuderanno le porte della Presidenza della Repubblica.

Questo, al momento, è lo scenario più plausibile: a febbraio del 2022, tra poco più di cinque mesi, si svolgeranno, infatti, le votazioni per eleggere il nuovo Capo dello Stato. Salvini e Meloni sarebbero molto felici di indirizzare il voto verso Mario Draghi, ma in quel caso bisognerebbe andare subito a nuove elezioni politiche, che vedrebbero, quasi certamente, la vittoria del centrodestra. Un’ipotesi che fa venire i brividi allo stesso Mattarella, oltre che ai vari Enrico Letta, Giuseppe Conte e compagnia, e che, dunque, tutti vogliono scongiurare. Così, i giornaloni sprecano paginate per spiegarci che, in questa fase, Mario Draghi non può lasciare la guida del Governo, che solo lui è in grado di gestire bene i soldi del Recovery Fund e via con le solite panzane.

La realtà è molto più banale: nessuno vuole, negli apparati dello Stato e nei potentati economici finanziari europei e mondiali, che il centrodestra di Salvini e Meloni vada a governare. Riteniamo i due leader del centrodestra tutt’altro che due geni, è noto, ma certamente sono molto più liberi e più vicini al popolo di personaggi come Draghi, Franco, Colao, Speranza e via discorrendo. Dunque, non possono essere loro a guidare il Paese: serve qualcuno che risponda ai vari centri di potere e si assoggetti, senza se e senza ma, ai diktat di Washington, Parigi e Berlino.

In poche parole, per il 2022, ormai alle porte, non ci sono alternative al bis di Sergio Mattarella. Nel 2023, si vedrà. Perché due anni sono tanti e allora il centrodestra potrebbe anche non essere più maggioranza tra gli italiani. Magari si potrebbe ripresentare una situazione  simile a quella del 2018, con un Parlamento frammentato e incapace di esprimere una chiara maggioranza. In quel caso, proprio il ruolo del presidente della Repubblica tornerebbe a essere fondamentale. Ed è inutile dire che, in una situazione di quel tipo, per Mattarella sarebbe fin troppo facile tirare fuori dal cilindro l’ennesimo premier “tecnico”, che, manco a dirlo, sarebbe quasi certamente “il migliore”, Mario Draghi.
Comunque vada, insomma, molto difficilmente ci libereremo di Mattarella e Draghi. Il primo ce lo sorbiremo quasi certamente fino al 2023, mentre l’altro almeno fino al 2023 sarà alla guida del Governo e, poi, al Quirinale. Se, poi, il voto degli italiani alle elezioni produrrà l’ennesimo pareggio In Parlamento, rischiamo di tenerceli tutti e due fino al 2028. Peggio di così…


Editoriale

 

L'urlo

di Adriano Tilgher

E’ qualcosa di profondo che esce in modo irrefrenabile e brucia in un attimo un’enorme quantità di energia. Può essere una manifestazione di grande gioia per il raggiungimento di un obiettivo a lungo desiderato o di profondo dolore per la perdita in modo irrecuperabile di qualcosa, di rinata speranza per l’improvvisa apparizione di una luce splendente in fondo ad un tunnel estremamente buio o di disperazione per l’atrocità dello spettacolo della realtà che si manifesta intorno a te, di travolgente passione per l’inebriante coinvolgimento in un difficile percorso di lotta e vittoria o di lancinante depressione perché non si vede nessuna via di sbocco o di fuga, di terrore per il timore di ciò che può accaderti o di coraggio per aiutarti a superare le tue paure.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Equinozio d'autunno

La parola “equinozio” deriva dal latino e significa “notte uguale” al giorno. Gli equinozi di marzo e settembre sono i due giorni dell’anno nei quali hanno inizio primavera e autunno. In questo giorno, il 22 Settembre, il Sole passa allo zenit all’equatore, sorge al polo sud, tramonta al polo nord e fa si che i raggi arrivino perpendicolari all’asse di rotazione della Terra. Porta d'ingresso dell'autunno, l'equinozio porta con sé una serie di profondi significati esoterici; il precipitare del sole, e con esso della luce, provocarono nell'uomo arcaico una sensazione di ansia per ciò che non poteva controllare né prevedere, ma anche il senso di forze cosmiche e occulte che dirigevano i fenomeni e le conseguenze ad essi associati. Non è un caso che l'equinozio abbia infatti una stretta connessione con tutto ciò che riguarda l'occulto, il sacrificio, la morte.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.