Quirinale, nessuna alternativa al Mattarella bis

Ormai è quasi certo: a Sergio Mattarella succederà Sergio Mattarella. Almeno fino al 2023, quando i cittadini italiani saranno chiamati nuovamente al voto. Mario Draghi non si candiderà e non avrà l’investitura popolare, per restare a Palazzo Chigi: a quel punto, per lui si schiuderanno le porte della Presidenza della Repubblica.

Questo, al momento, è lo scenario più plausibile: a febbraio del 2022, tra poco più di cinque mesi, si svolgeranno, infatti, le votazioni per eleggere il nuovo Capo dello Stato. Salvini e Meloni sarebbero molto felici di indirizzare il voto verso Mario Draghi, ma in quel caso bisognerebbe andare subito a nuove elezioni politiche, che vedrebbero, quasi certamente, la vittoria del centrodestra. Un’ipotesi che fa venire i brividi allo stesso Mattarella, oltre che ai vari Enrico Letta, Giuseppe Conte e compagnia, e che, dunque, tutti vogliono scongiurare. Così, i giornaloni sprecano paginate per spiegarci che, in questa fase, Mario Draghi non può lasciare la guida del Governo, che solo lui è in grado di gestire bene i soldi del Recovery Fund e via con le solite panzane.

La realtà è molto più banale: nessuno vuole, negli apparati dello Stato e nei potentati economici finanziari europei e mondiali, che il centrodestra di Salvini e Meloni vada a governare. Riteniamo i due leader del centrodestra tutt’altro che due geni, è noto, ma certamente sono molto più liberi e più vicini al popolo di personaggi come Draghi, Franco, Colao, Speranza e via discorrendo. Dunque, non possono essere loro a guidare il Paese: serve qualcuno che risponda ai vari centri di potere e si assoggetti, senza se e senza ma, ai diktat di Washington, Parigi e Berlino.

In poche parole, per il 2022, ormai alle porte, non ci sono alternative al bis di Sergio Mattarella. Nel 2023, si vedrà. Perché due anni sono tanti e allora il centrodestra potrebbe anche non essere più maggioranza tra gli italiani. Magari si potrebbe ripresentare una situazione  simile a quella del 2018, con un Parlamento frammentato e incapace di esprimere una chiara maggioranza. In quel caso, proprio il ruolo del presidente della Repubblica tornerebbe a essere fondamentale. Ed è inutile dire che, in una situazione di quel tipo, per Mattarella sarebbe fin troppo facile tirare fuori dal cilindro l’ennesimo premier “tecnico”, che, manco a dirlo, sarebbe quasi certamente “il migliore”, Mario Draghi.
Comunque vada, insomma, molto difficilmente ci libereremo di Mattarella e Draghi. Il primo ce lo sorbiremo quasi certamente fino al 2023, mentre l’altro almeno fino al 2023 sarà alla guida del Governo e, poi, al Quirinale. Se, poi, il voto degli italiani alle elezioni produrrà l’ennesimo pareggio In Parlamento, rischiamo di tenerceli tutti e due fino al 2028. Peggio di così…


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

L'antifascismo in assenza di Fascismo

di Adriano Tilgher

Davanti al nulla assoluto della loro presenza e capacità politica ed al loro squallido servilismo nei confronti dell’emissario dei potentati anti italiani, Draghi, tutti i partiti ed i sindacati hanno ritrovato ossigeno e una ragione per esserci nell’antifascismo. L’antifascismo è un rito antico, impostoci con il diktat di pace del 1947 da inglesi, americani, marocchini che ci hanno sconfitti ed occupati il 25 aprile 1945 e non se ne sono più andati. Un rito recepito dalla nostra costituzione nelle norme transitorie e finali che non transitano mai.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Sindacalismo Rivoluzionario

Settembre 1904 con il primo sciopero nazionale prende ufficialmente vita in Italia il "Sindacalismo Rivoluzionario", tra i principali ideologi il francese Georges Sorel e gli italiani Arturo Labriola e Enrico Leone. Il principio fondamentale del sindacalismo rivoluzionario era l'indipendenza sindacale nei confronti sia dei partiti politici che dello Stato. Inizialmente nasce come corrente di sinistra in seno al Partito Socialista per poi distaccarsene nel congresso di Ferrara del 1907, per avviare un lavoro sindacale autonomo, dapprima nelle campagne emiliane, poi nei centri industriali del Nord, e nelle miniere di Puglia e Toscana. I suoi organizzatori più attivi furono Alceste De Ambris e Filippo Corridoni. Nel 1907 a Parma nasce la CGdL, su una idea di Alceste de Ambris. Nel 1912 Filippo Corridoni ed altri, spaccano il movimento creando l'(USI), l'Unione Sindacale Italiana, che aumentò il proprio peso politico diffondendosi specialmente a Milano.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.