Vaccini, film già visto: chi protesta è un criminale

Sembra di assistere a un film già visto: le proteste contro i vaccini e contro il demenziale Green Pass, che stanno andando in scena in tutto il Paese, vengono dipinte dalla stampa di regime (giornaloni, radio e tv) come veri e propri attacchi al cuore dello Stato. Non solo: chi manifesta è brutto e cattivo e, soprattutto, è un violento, che minaccia e picchia i giornalisti. Poi, di fronte all’evidenza e cioè al fatto che i cittadini arrabbiati sono davvero tanti, si passa alla fase della negazione, con titoloni che spiegano il flop delle manifestazioni no vax (fermo restando che a protestare non sono solo no vax, ma chiunque abbia la capacità di ragionare col suo cervello e non con quello, peraltro poco invidiabile, del ministro Speranza o dei Migliori, suoi colleghi di Governo), senza citare numeri e mostrare foto esemplificative.
Il quadro, insomma, è chiaro:  ci dobbiamo vaccinare tutti o sarà una strage. Lo dice la radio, lo conferma la tv, lo strillano i giornaloni. E, per entrare nei negozi, al cinema o al ristorante, dobbiamo avere in mano il Green Pass, che attesta la vaccinazione o un tampone negativo, altrimenti saremo trattati come appestati e resteremo fuori. Un governatore di Regione - il toscano Giani - è andato addirittura oltre le assurde regole del Governo e ha minacciato che in Toscana, chi non si vaccina, tra poco non potrà fare più nemmeno la spesa.

Una situazione assurda, insomma, paragonabile a quella degli anni Settanta, quando chi protestava contro il regime era additato come un criminale e, molto spesso, a dipingerlo così c’era l’aiutino: qualche infiltrato, che, nel bel mezzo di una manifestazione, tirava fuori la pistola e iniziava a sparare. Per non parlare delle bombe di Stato e di cose analoghe.

Bisogna fare i debiti paragoni, è ovvio, ma le similitudini ci sono. E preoccupano, perché la nostra libertà, ormai, è fortemente limitata, in nome del dio vaccino, e guai a chi protesta.
Il fatto è che, come avviene ormai dal febbraio 2020, si procede al buio, senza sapere bene come combattere il Covid. E chi lo sconfigge in modo semplice, come quei medici che curano la malattia con farmaci banali, è osteggiato da chi, invece, vuole lucrare sulla pandemia: politici e funzionari di Stato senza scrupoli, case farmaceutiche, medici sconosciuti in cerca di gloria.
Così, chi manifesta è un pericoloso picchiatore (su decine di migliaia di persone scese in piazza, soltanto una si è scagliata contro i giornalisti di regime, ma tanto è bastato per additare tutto il movimento di protesta come violento) e chi non si vaccina è un eversore.

Il fatto è che l’estate sta finendo e l’autunno, purtroppo, ci dirà che le cose non stanno come si vogliono dipingere: probabilmente questi vaccini, in realtà mai testati davvero, non basteranno a fermare la recrudescenza del Covid. E non servirà neanche la terza dose. O, meglio, non servirà a fermare definitivamente la pandemia. Servirà, piuttosto, a far guadagnare altri miliardi di dollari alle case farmaceutiche e ai loro complici negli apparati dei vari Stati. A spese, come sempre, dei cittadini.

 

Immagine: https://www.repubblica.it/


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

L'antifascismo in assenza di Fascismo

di Adriano Tilgher

Davanti al nulla assoluto della loro presenza e capacità politica ed al loro squallido servilismo nei confronti dell’emissario dei potentati anti italiani, Draghi, tutti i partiti ed i sindacati hanno ritrovato ossigeno e una ragione per esserci nell’antifascismo. L’antifascismo è un rito antico, impostoci con il diktat di pace del 1947 da inglesi, americani, marocchini che ci hanno sconfitti ed occupati il 25 aprile 1945 e non se ne sono più andati. Un rito recepito dalla nostra costituzione nelle norme transitorie e finali che non transitano mai.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Sindacalismo Rivoluzionario

Settembre 1904 con il primo sciopero nazionale prende ufficialmente vita in Italia il "Sindacalismo Rivoluzionario", tra i principali ideologi il francese Georges Sorel e gli italiani Arturo Labriola e Enrico Leone. Il principio fondamentale del sindacalismo rivoluzionario era l'indipendenza sindacale nei confronti sia dei partiti politici che dello Stato. Inizialmente nasce come corrente di sinistra in seno al Partito Socialista per poi distaccarsene nel congresso di Ferrara del 1907, per avviare un lavoro sindacale autonomo, dapprima nelle campagne emiliane, poi nei centri industriali del Nord, e nelle miniere di Puglia e Toscana. I suoi organizzatori più attivi furono Alceste De Ambris e Filippo Corridoni. Nel 1907 a Parma nasce la CGdL, su una idea di Alceste de Ambris. Nel 1912 Filippo Corridoni ed altri, spaccano il movimento creando l'(USI), l'Unione Sindacale Italiana, che aumentò il proprio peso politico diffondendosi specialmente a Milano.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.