Rendere obbligatorio un vaccino poco efficace?

I dati che arrivano da tutto il mondo indicano, in modo inequivocabile, che l’efficacia dei vaccini anti Covid è tutt’altro che dimostrata. Le certezze sono davvero poche e le domande senza risposta si moltiplicano. Viene naturale chiedersi, ad esempio, perché in Italia, questa estate, si registrino più morti del 2020, malgrado vi siano molti milioni di vaccinati in più.  E, soprattutto, non si capisce perché in Israele, dove la popolazione è quasi tutta vaccinata, il Covid torni a far paura.

 Le ultime statistiche del ministero della Salute israeliano dicono, infatti che, in media, il vaccino Pfizer - somministrato a quasi tutta la popolazione del Paese - è ora efficace solo per il 41% nel prevenire il Covid sintomatico. La percentuale si ferma al 39% se si valuta, invece, la prevenzione del contagio. E Il ministero sottolinea anche come vi sia stata una sensibile diminuzione della copertura vaccinale: “Il vaccino Pfizer-Biontech in precedenza era efficace contro le infezioni per oltre il 90%”.

Ovviamente, sulla scorta di questi dati, in Israele sta prendendo il via la campagna per somministrare la terza dose di vaccino. E, altrettanto ovviamente, continuiamo a parlare di vaccini che, piaccia o no, sono sperimentali. Quindi, la domanda è: se, col passare dei mesi, le prime due dosi di vaccino hanno affievolito la loro efficacia nel contrasto al Covid, perché mai i cittadini israeliani dovrebbero sottoporsi alla terza iniezione? Mistero. 

A pensarci bene, però, il mistero è tutt’altro che tale. Israele, infatti, sta semplicemente facendo da apripista per Paesi come l’Italia, dove da tempo si parla apertamente di terza dose del vaccino. Così come non si nasconde più la volontà di rendere obbligatorio il vaccino stesso.

Si sta preparando, insomma, l’ennesimo regalo miliardario alle case farmaceutiche, senza che vi sia alcun presupposto scientifico che lo giustifichi. Di contro, dai “giornaloni” di tutto il mondo sono uscite di scena le cure alternative, quelle che garantiscono la guarigione dal Covid, senza necessità di vaccinarsi. In Italia, ad esempio, chi promuove le cure a casa - che pure hanno salvato decine di migliaia di vite - è additato come un pericoloso no vax.

Tanti medici, in quest’anno e mezzo di pandemia, hanno dimostrato che il Covid si può contrastare con una terapia basata su un mix di farmaci comuni: il problema è che, tranne rarissimi casi, radio, tv e carta stampata hanno “silenziato” questi ottimi professionisti, per “pompare” quotidianamente i vaccini. Che oggi rischiano di rivelarsi drammaticamente inadeguati, non solo a fermare il contagio, ma anche a tutelare la vita di chi ha assunto prima e seconda dose.

Insomma, solo i prossimi mesi ci diranno se la sperimentazione di questi vaccini (sulla popolazione mondiale, non su cavie da laboratorio) avrà avuto successo. I dati, per ora, dicono di no. Per questo, obbligare gli italiani, per legge, a vaccinarsi - una, due o addirittura tre volte - sarebbe una vera follia. Ma nessuno si stupirà, se verrà assunta questa decisione scellerata da un governo che ha, tra i suoi principali attori, uomini al servizio dei potentati economico-finanziari mondiali. In poche parole: il vaccino obbligatorio sarebbe un’imposizione senza senso per i cittadini-sudditi, ma una manna miliardaria per Big Pharma e i politici prezzolati.

 

Immagine: https://www.ilfattoquotidiano.it/

                                                                        


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

L'antifascismo in assenza di Fascismo

di Adriano Tilgher

Davanti al nulla assoluto della loro presenza e capacità politica ed al loro squallido servilismo nei confronti dell’emissario dei potentati anti italiani, Draghi, tutti i partiti ed i sindacati hanno ritrovato ossigeno e una ragione per esserci nell’antifascismo. L’antifascismo è un rito antico, impostoci con il diktat di pace del 1947 da inglesi, americani, marocchini che ci hanno sconfitti ed occupati il 25 aprile 1945 e non se ne sono più andati. Un rito recepito dalla nostra costituzione nelle norme transitorie e finali che non transitano mai.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Sindacalismo Rivoluzionario

Settembre 1904 con il primo sciopero nazionale prende ufficialmente vita in Italia il "Sindacalismo Rivoluzionario", tra i principali ideologi il francese Georges Sorel e gli italiani Arturo Labriola e Enrico Leone. Il principio fondamentale del sindacalismo rivoluzionario era l'indipendenza sindacale nei confronti sia dei partiti politici che dello Stato. Inizialmente nasce come corrente di sinistra in seno al Partito Socialista per poi distaccarsene nel congresso di Ferrara del 1907, per avviare un lavoro sindacale autonomo, dapprima nelle campagne emiliane, poi nei centri industriali del Nord, e nelle miniere di Puglia e Toscana. I suoi organizzatori più attivi furono Alceste De Ambris e Filippo Corridoni. Nel 1907 a Parma nasce la CGdL, su una idea di Alceste de Ambris. Nel 1912 Filippo Corridoni ed altri, spaccano il movimento creando l'(USI), l'Unione Sindacale Italiana, che aumentò il proprio peso politico diffondendosi specialmente a Milano.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.