L'Italia brucia ma il problema del Paese è Durigon

Premessa: non conosciamo Claudio Durigon e, per quel che ha dimostrato finora come sottosegretario all’Economia, non possiamo dire averne grande stima. Ma la sua crocifissione, per una mezza frase detta in conclusione di un intervento a un comizio agostano a Latina, è qualcosa di aberrante e testimonia, una volta di più, la pochezza di larga parte della stampa italiana, che fa riferimento, su un versante, alla sinistra salottiera e, sull’altro, ai grillini giustizialisti. Insomma, non c’è niente di meglio di un leghista di governo che dice una mezza stupidaggine, per innescare la miccia, chiedendone in coro le dimissioni, che altro non sarebbero che uno schiaffo al suo capo, il “diavolo” Matteo Salvini.
Ecco, alla vigilia di Ferragosto - mentre Draghi ci impone il vergognoso Green Pass, mentre intere Regioni bruciano per gli incendi, mentre le morti sul lavoro si ripetono quotidianamente e mentre le carceri italiane sono sovraffollate ogni giorno di più- il vero problema del Paese è rappresentato dal robusto (eufemismo) sottosegretario leghista, che, concludendo il suo intervento agostano, ha detto che a Latina il parco intitolato a Falcone e Borsellino deve tornare a essere il Parco Mussolini (Arnaldo). Da qui, si è scatenato l’inferno, con la solita Associazione Nazionale Partigiani a farla da protagonista, insieme, ovviamente, a tutti i professionisti dell’Antimafia, a partire da quel campione di arroganza, che risponde al nome di Nicola Morra, presidente della relativa Commissione parlamentare.

In poche parole, uno schifo. Il solito schifo. Con il solito Travaglio, orfano del premier Conte, che, in una botta sola, può bastonare il Governo Draghi, di cui Durigon fa parte, e Matteo Salvini, che di Durigon è il leader politico. Così, invece di regalare ai suoi lettori due belle paginate di parole crociate, per passare il tempo sotto l’ombrellone, il triste giornalista “manettaro” offre spazio per firmare la richiesta di dimissioni di Durigon. E, in questa crociata estiva, gli sfigati d’Italia sono tutti insieme: da Travaglio a Letta (Enrico), passando per le centinaia di altri pennivendoli a libro paga di lobby e potentati economico-finanziari.

Si obietterà che Durigon l’ha detta grossa e avrebbe potuto pensare, prima di parlare. Ma forse, con lui, dovremmo essere arrabbiati non tanto per quella frase estemporanea, quanto per ciò che aveva promesso e, finora, non ha mantenuto, come la nuova rottamazione delle cartelle esattoriali, che a settembre ripartiranno, come un Tir impazzito. E si schianteranno, guarda caso, sui poveri cittadini-sudditi. Ma di questo non importa niente a nessuno dei vari “professori”, che si agitano contro il sottosegretario: per loro i veri problemi sono, appunto, Durigon e Mussolini (Arnaldo). Gli italiani paghino e tacciano: se lo ha deciso Draghi, va bene così.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

L'antifascismo in assenza di Fascismo

di Adriano Tilgher

Davanti al nulla assoluto della loro presenza e capacità politica ed al loro squallido servilismo nei confronti dell’emissario dei potentati anti italiani, Draghi, tutti i partiti ed i sindacati hanno ritrovato ossigeno e una ragione per esserci nell’antifascismo. L’antifascismo è un rito antico, impostoci con il diktat di pace del 1947 da inglesi, americani, marocchini che ci hanno sconfitti ed occupati il 25 aprile 1945 e non se ne sono più andati. Un rito recepito dalla nostra costituzione nelle norme transitorie e finali che non transitano mai.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Sindacalismo Rivoluzionario

Settembre 1904 con il primo sciopero nazionale prende ufficialmente vita in Italia il "Sindacalismo Rivoluzionario", tra i principali ideologi il francese Georges Sorel e gli italiani Arturo Labriola e Enrico Leone. Il principio fondamentale del sindacalismo rivoluzionario era l'indipendenza sindacale nei confronti sia dei partiti politici che dello Stato. Inizialmente nasce come corrente di sinistra in seno al Partito Socialista per poi distaccarsene nel congresso di Ferrara del 1907, per avviare un lavoro sindacale autonomo, dapprima nelle campagne emiliane, poi nei centri industriali del Nord, e nelle miniere di Puglia e Toscana. I suoi organizzatori più attivi furono Alceste De Ambris e Filippo Corridoni. Nel 1907 a Parma nasce la CGdL, su una idea di Alceste de Ambris. Nel 1912 Filippo Corridoni ed altri, spaccano il movimento creando l'(USI), l'Unione Sindacale Italiana, che aumentò il proprio peso politico diffondendosi specialmente a Milano.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.