Elezioni a Roma, Michetti flop targato Meloni

Disperati. Giorgia Meloni e il suo cerchio tragico – la sorella Arianna, il capogruppo alla Camera, Francesco Lollobrigida (marito di Arianna), il deputato viterbese Mauro Rotelli e pochi altri intimi – non sanno più a che santo votarsi: il candidato a sindaco di Roma, Enrico Michetti, scelto grazie al “genio” di Arianna e della stessa Giorgia, si sta dimostrando totalmente inadeguato.

Michetti è avvocato e professore universitario, stimatissimo da molti sindaci, anche di sinistra, perché la sua creazione, la Gazzetta Amministrativa, è uno strumento prezioso, che li aiuta nel quotidiano. E molti Comuni si avvalgono della consulenza di Michetti, straordinario esperto di Pubblica amministrazione, quando si stratta di scrivere bandi o avvisi.

Il fatto è che, per diventare sindaco di Roma, non basta conoscere leggi e regolamenti: è necessario spiegare ai cittadini quel che si vuole fare, nel dettaglio, per migliorare una città al disastro; è necessario confrontarsi, anche con toni aspri, con gli altri candidati, cercando di dimostrare che il proprio programma elettorale è il migliore; ed è necessario, soprattutto, parlare di cose concrete, quelle che toccano quotidianamente la comunità. Non è più sopportabile sentir parlare solo della grandezza dell’antica Roma, senza delineare soluzioni per il futuro dell’attuale Roma Capitale, come sta facendo da settimane Ernico Michetti.

Così, nei sondaggi il candidato di Giorgia Meloni resta in testa, per quel che riguarda il primo turno, attestandosi intorno al 30 per cento. Il problema è che il ballottaggio è praticamente certo e, in quell’occasione, nessuno dal centrosinistra o dai grillini sposterà un solo voto su Michetti. Il panorama, al momento, è dunque chiaro: ballottaggio tra Michetti e uno tra Calenda, Raggi e Gualtieri. E sarà proprio uno di questi tre a essere il prossimo sindaco di Roma, con conseguenze drammatiche per la città, facilmente immaginabili.

Abbiamo già visto di cosa (non) è capace Virginia Raggi. E con Calenda o Gualtieri tornerebbero in auge le vecchie clientele Pd, protagoniste dell’inchiesta mafia Capitale. Insomma, per Roma non c’è speranza. E la colpa è di un centrodestra miope. In particolare, di una supposta leader, Giorgia Meloni, che sarà anche brava, ma che non sa guardare oltre il suo naso e la sua tribù.

La scelta di Michetti si è rivelata una tragedia. Chi lavora con lui lo definisce presuntuoso e arrogante, incapace di ascoltare i consigli degli esperti di comunicazione. “Abbiamo agosto – spiega uno dei suoi più stretti collaboratori, imposti da Fratelli d’Italia – per ‘educarlo’. Non c’è più tempo per cambiare il candidato, quindi o lui cambia o andiamo a sbattere, anche in modo pesante”.

Sullo sfondo, gongola l’altro leader dei Fratelli d’Italia, Fabio Rampelli, che da tempo non condivide una sola scelta di Giorgia Meloni. Il flop di Michetti è, indirettamente, una sua vittoria: lui aveva detto da subito che non era il candidato giusto. Ma Meloni e famiglia allargata hanno deciso il contrario. E a pagare saranno ancora una volta i romani: Michetti, quasi certamente, perderà e in Campidoglio si ritroveranno Raggi, Calenda o Gualtieri. Comunque vada, sarà un’altra consiliatura persa. 

 

Immagine: https://www.vaticannews.va


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

L'antifascismo in assenza di Fascismo

di Adriano Tilgher

Davanti al nulla assoluto della loro presenza e capacità politica ed al loro squallido servilismo nei confronti dell’emissario dei potentati anti italiani, Draghi, tutti i partiti ed i sindacati hanno ritrovato ossigeno e una ragione per esserci nell’antifascismo. L’antifascismo è un rito antico, impostoci con il diktat di pace del 1947 da inglesi, americani, marocchini che ci hanno sconfitti ed occupati il 25 aprile 1945 e non se ne sono più andati. Un rito recepito dalla nostra costituzione nelle norme transitorie e finali che non transitano mai.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Sindacalismo Rivoluzionario

Settembre 1904 con il primo sciopero nazionale prende ufficialmente vita in Italia il "Sindacalismo Rivoluzionario", tra i principali ideologi il francese Georges Sorel e gli italiani Arturo Labriola e Enrico Leone. Il principio fondamentale del sindacalismo rivoluzionario era l'indipendenza sindacale nei confronti sia dei partiti politici che dello Stato. Inizialmente nasce come corrente di sinistra in seno al Partito Socialista per poi distaccarsene nel congresso di Ferrara del 1907, per avviare un lavoro sindacale autonomo, dapprima nelle campagne emiliane, poi nei centri industriali del Nord, e nelle miniere di Puglia e Toscana. I suoi organizzatori più attivi furono Alceste De Ambris e Filippo Corridoni. Nel 1907 a Parma nasce la CGdL, su una idea di Alceste de Ambris. Nel 1912 Filippo Corridoni ed altri, spaccano il movimento creando l'(USI), l'Unione Sindacale Italiana, che aumentò il proprio peso politico diffondendosi specialmente a Milano.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.