Il Governo dei vaccini

Ormai è chiaro che Mario Draghi, il ministro Speranza e tutto il Governo procedono per sentito dire, vanno avanti a tentativi nella lotta alla pandemia. Del resto, il Covid 19 ha lasciato tutti spiazzati, quasi nessuno ha capito come fronteggiarlo e, alla fine, si è arrivati alla conclusione più semplice e, soprattutto, più remunerativa per le case farmaceutiche, da sempre molto generose con i politici compiacenti: vacciniamo tutti e buonanotte, peggio di com’è andata finora non potrà andare.

I morti, sì, sono diminuiti, ma lo stesso era accaduto nel 2020, durante la stagione estiva. Quest’anno, però, si è palesata la cosiddetta variante Delta e allora si è deciso di essere ancora più duri con chi non si vuol vaccinare e l’esecutivo si è inventato la “certificazione verde” o “green pass”, tanto per non essere esterofili: in buona sostanza, chi non si è vaccinato, non è guarito dal Covid o non ha fatto un tampone non avrà questa certificazione, senza la quale non si potrà più andare, ad esempio, in palestra, nelle sale interne dei ristoranti, al cinema o a teatro. Insomma, senza il vaccino non si balla. Anche se, a dire il vero, per un’altra scellerata decisione governativa, non balla proprio nessuno, perché le discoteche restano chiuse sine die e chi ha un’attività di questo tipo meglio che cambi mestiere.

In poche parole, la libertà di ognuno di noi è ridotta ai minimi termini, senza la certificazione verde. E sono previste multe salatissime, per chi non rispetta le regole. Non solo: come se non bastasse il danno, il ministro Speranza ha pensato anche alla beffa, apostrofando chi non si vuole vaccinare, con una frase totalmente senza senso, come “il vaccino è la più clamorosa arma di libertà che abbiamo, lo dice la scienza”. Un’idiozia, buttata là, per dire che le manifestazioni contro la certificazione verde non gli erano piaciute.

Il fatto che migliaia di cittadini siano scesi spontaneamente in piazza contro la scelta del governo è, invece, a nostro modo di vedere, l’unica nota positiva di questa vicenda, che sta prendendo una pericolosa piega liberticida. Si continuano a proporre i vaccini come unica strada per uscire dalla pandemia, ma si chiede a chi si vaccina di firmare una liberatoria, con la quale si assume tutte le responsabilità, nel caso qualcosa dovesse andar male a causa del vaccino stesso.

Un controsenso e, soprattutto, la negazione dei diritti dei cittadini: se lo Stato ci impone il vaccino – e di fatto ce lo impone – qualcuno (Stato o case farmaceutiche produttrici del vaccino) dovrà, poi, risarcirci se dal vaccino subiamo danni. E, invece, no. Di questo Draghi e Speranza nemmeno parlano.

Allora, inutile nasconderlo, c’è qualcosa che non va. C’è un’aria che non ci piace, anche perché è stata totalmente abbandonata la via delle cure alternative, plasma iperimmune in primis. E il suo artefice, il dottor Giuseppe De Donno, dopo essere stato irriso e accantonato dalle istituzioni, è stato addirittura trovato morto. Suicida, dicono. Ma in molti avanzano, più o meno apertamente, la drammatica ipotesi che sia stato “suicidato”. Ci auguriamo davvero che non sia così. Ma è certo che chi lotta contro i giganti rischia di uscirne con le ossa rotte. E, spesso, anche peggio.

 

Immagine: https://www.ilfattoquotidiano.it


Editoriale

 

Il ruolo dell'Italia - 4

di Adriano Tilgher

Patrimonio culturale immateriale, patrimonio culturale materiale, faro di cultura e di civiltà, posizione geopolitica e strategica fondamentale per l’equilibrio nel Mediterraneo in una nuova identità che nasca dal superamento di tutte le contraddizioni interne sono il presupposto per definire il ruolo finale dell’Italia. Non si tratta di egemonia mondiale di cui stiamo parlando perché questa sul piano culturale ci appartiene di diritto e ci è riconosciuta da tutti ed è la ragione principale per cui l’Italia è sotto attacco soprattutto nel campo della formazione. Non si tratta nemmeno di becero imperialismo imperniato sulla forza delle armi sotto l’egida e il ricatto della grande industria militare, stiamo parlando di qualcosa di molto più concreto, legato ai valori profondi dell’essere umano e delle comunità che riesce a costruire.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Più buio che a mezzanotte non viene

22 giugno 1946 entra in vigore il: “Decreto presidenziale di amnistia e indulto per reati (..), politici e militari”, avvenuti durante il periodo dell'"occupazione nazifascista". Legge proposta e varata da Palmiro Togliatti, segretario del PCI, e allora ministro di Grazia e Giustizia del primo governo De Gasperi. L'amnistia, che prenderà il nome dal suo promulgatore, aveva come scopo primario, quello di giungere quanto prima a una pacificazione nazionale, per evitare che l'"epurazione", degli ex fascisti rallentasse la ricostruzione materiale del paese. Con l'amnistia vennero scarcerati migliaia di detenuti che furono reinseriti senza troppo clamore nella cosiddetta "Società Civile". Stranamente (o forse no) alcuni degli ex prigionieri, arriveranno perfino a iscriversi al Partito Comunista, chi per convenienza, chi per continuare l’ideale battaglia de: "Il sangue contro l'oro",  in quanto (almeno a parole) vedevano nel PCI un argine ad una visione liberista del mondo, identificando più che nell'unione Sovietica il nemico in quegli Stati Uniti artefici di massacri e distruzione delle nostre città.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.