La finanza e le assicurazioni contro il sistema INPS

Negli ultimi mesi sembra che i pensionati, e in genere il sistema previdenziale italiano, siano il principale problema dell’Italia, risolto il quale tutto si sistema: vengono infatti diffuse in continuazione notizie allarmistiche sulla sua stabilità, con dati omnicomprensivi che creano confusione perché non articolati e interpretati nelle loro componenti. E il principale diffusore di queste notizie è l’attuale presidente dell’INPS, Tito Boeri, tipico esempio del borghese pauperista (per gli altri), con esperienze di militanza nel “Movimento studentesco” di Mario Capanna, direttore della “Fondazione De Benedetti”.

Il segnale che viene dato è che le pensioni costano troppo allo Stato aumentando il debito pubblico e quindi, essendo troppo generose, vanno ridotte. Da questa presunzione derivano tutte le recenti normative penalizzanti per i pensionati in essere e quelli futuri: allungamento dell’età pensionabile, aumento degli anni di contribuzione, eliminazione degli adeguamenti al costo della vita. Si è arrivati all’assurdo che per andare in pensione anticipatamente rispetto alla data fissata occorre fare un mutuo in banca e l’assicurazione sull’eventuale premorienza!

Tutta questa propaganda si basa su dati inesatti: infatti, il saldo della spesa previdenziale nel 2016 ha registrato un deficit di 57 miliardi di euro, però solo 22 di essi sono attribuibili alla previdenza vera e propria, il resto riguarda l’assistenza, spese che comunque lo Stato deve accollarsi per motivi sociali e in base all’art. 38 della Costituzione. Da rilevare che il deficit della previdenza deriva dai mancati contributi dello Stato e degli Enti Locali per i propri dipendenti, per un ammontare di ben 29 miliardi di euro, mentre il fondo dei lavoratori dipendenti da imprese private (che riguarda il 90% dei lavoratori), insieme a quello dei lavoratori “parasubordinati”, è in attivo per oltre 8 miliardi.

Inoltre lo Stato recupera dai pensionati ben 54 miliardi d’imposte, tra IRPEF e addizionali regionali e comunali.

La sintesi di tutto ciò è che la spesa per prestazioni sociali incide solo per il 40% sul bilancio statale, il resto è attribuibile alla previdenza. Un altro dato importante è la percentuale dei lavoratori attivi rispetto ai pensionati: esso è pari a 1,40 e potrebbe raggiungere il prossimo anno, con l’avvio della ripresa economica, anche l’indice dell’1,50% che è un indice di stabilità.

Si è anche detto che l’abolizione della “legge Fornero” comporterebbe un maggior deficit di circa 15 miliardi di euro: ma così si calcola solo il costo delle pensioni erogate, ignorando le entrate dei contributi versati dai giovani che presumibilmente prenderanno il posto dei pensionati con il cosiddetto “turn-over”.

Ad aggiungere allarmismo, vi è stata la recente sentenza della Corte Costituzionale secondo cui il governo può annullare un diritto stabilito dalla legge (l’adeguamento annuale delle pensioni) a causa della situazione del bilancio statale: ma in tal modo nulla sarà più certo per i cittadini!

Tutto ciò mira a uno scopo: quello di far credere che la pensione non è sicura e che quindi bisogna pensarci da soli, ricorrendo alle assicurazioni e ai piani finanziari, come avviene negli USA. Però in tal modo, oltre a distruggere lo “Stato sociale” e un Istituto come l’INPS che non ha eguali in Europa e che è stato fondato nel 1933, s’incentiva indirettamente il lavoro “in nero” perché nessuno avrà più interesse a pagare i contributi per una pensione che non avrà.

Aver messo Boeri alla guida dell’INPS è stato per Renzi un altro favore fatto alla finanza e alle banche!


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

Il cappio al collo

Di Adriano Tilgher

Un vero cappio quello che il “salvatore dell’Italia”, Mario Draghi, ci sta mettendo al collo con le linee guida per l’utilizzo degli oltre 200 miliardi che stanno arrivando dalla UE. Questi soldi, non solo indebiteranno le nostre future generazioni, ma sono vincolati sia nell’utilizzo, che alle riforme da attuare. Utilizzo e riforme potentemente condizionati dalla volontà dei tecnocrati di Bruxelles. Su queste basi si muovono sia la riforma Cartabia della giustizia, in parte inutile perché non tocca temi fondamentali, quali la separazione delle carriere ed altro, in parte dannosa, perché restringe i margini del giusto processo, sia la legge Zan, una legge che discrimina, penalizza, diventa fonte di odio.

 

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Carlo Vichi - imprenditore, genio e galantuomo

“Il futuro non è più quello di una volta” (Paul Valery)

21 ottobre 1422 con la morte di Carlo VI di Francia detto "Il folle" viene pronunciata per la prima volta una locuzione universalmente riconosciuta, utilizzata per annunciare la morte di un sovrano e contemporaneamente annunciarne un successore. «Le Roi est mort, vive le Roi!», (Il Re è morto, lunga vita al Re!). Il 2 giugno 1992, nel porto di Civitavecchia il panfilo personale della Regina Elisabetta, Il Royal Yacht “Britannia”, era in attesa di imbarcare importanti ospiti per una minicrociera verso l’isola del Giglio. Su quel panfilo, fu decisa la privatizzazione dell’Italia e la progressiva distruzione dell'imprenditoria Nazionale. A bordo, oltre a finanzieri banchieri e dirigenti di multinazionali, un noto comico italiano, che pochi anni dopo fonderà un partito Politico con l'intento di intercettare un’eventuale dissenso a questa strategia. Ad introdurre il consesso, l'allora direttore generale del Tesoro Mario Draghi. Fu lui ad aprire i lavori, con una relazione introduttiva sui costi e i vantaggi delle privatizzazioni. La piccola e media impresa Nazionale deve essere aiutata nelle pratiche di fallimento, e svenduta sul mercato internazionale. Il nostro paese ha dato natali ad imprenditori visionari e spesso controcorrente, fra i tanti pensiamo ad Adriano Olivetti o Gaetano Marzotto, uomini semplici, "Self-made man", come canonizzato dalla cultura Statunitense. Uno degli ultimi eroi dell'imprenditoria Italiana, un bastian contrario, come piace a noi, si è spento nella sua città adottiva Milano circa un mese fa, il 20 settembre 2021, all’età di 98 anni, Carlo Vichi, leader indiscusso delle Tv a tubo catodico, che con la sua M.I.V.A.R. negli anni 80 e 90, entrò praticamente in tutte le case degli italiani, offrendo un prodotto economico ed allo stesso tempo tecnologicamente all'avanguardia.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.