Virus: basta con i virologi e con le chiusure

Qualcuno, sui giornaloni, è arrivato a sostenere addirittura che se la variante Delta del Coronavirus sarà lasciata circolare, alla fine il virus troverà il modo di far male anche ai vaccinati. E questo è soltanto l’esempio più clamoroso di come ci sia ancora chi continua a battersi affinché si torni a chiudere tutti in casa e ad abbassare di nuovo le saracinesche di negozi, ristoranti e attività commerciali in genere.

Comprendiamo bene che ci siano molti “orfani” dei periodi bui, quelli delle terapie intensive piene e degli oltre cento morti al giorno: non solo “gufi” di vario tipo, ma anche e soprattutto quei virologi che, sconosciuti fino al febbraio 2020, erano diventati vere e proprie stelle della tv ed erano intervistati quotidianamente dai giornali. Il “marchettificio” per eccellenza, vale a dire il programma di Fabio Fazio, aveva anche previsto la presenza fissa di uno di questi ‘scienziati’, il professor Burioni, che definì il Coronavirus, prima dell’esplosione della pandemia, “poco più di un’influenza”. Per poi scrivere un libro sul virus, ovviamente pubblicizzato a reti unificate dalla Rai.
Questi “orfani”, però, non devono commuoverci. Abbiamo il dovere di pensare, piuttosto, all’economia italiana, messa in ginocchio da un anno e mezzo di chiusure scellerate, respingendo, senza se e senza ma, tutti i tentativi di questi signori, oggi in disgrazia, che cercano di riprendersi la scena, prefigurando catastrofi varie, se non correremo immediatamente ai ripari. Peraltro, i vari Burioni, Bassetti, Crisanti, Galli, Pregliasco e via discorrendo sono gli stessi che, appena tre mesi fa, ci spiegavano l’importanza del vaccino: “I vaccini sono efficaci e questa è l’unica strada da percorrere, per poter riaprire in sicurezza”.

Oggi che oltre il 60 per cento degli italiani è vaccinato, ecco la sorpresa: “Attenti, perché il virus è furbo e, se lasceremo circolare la variante Delta, riuscirà a far danni anche ai vaccinati”. Quindi, ecco l’ipotesi di altre dosi da somministrare e, per non farsi mancare niente, di nuove chiusure.
Bene, a fronte delle dichiarazioni di questi ‘cervelloni’, ci sentiamo di dire soltanto una cosa: basta, basta e basta. Basta con questi inetti, che un giorno dicono una cosa e il giorno dopo l’esatto contrario. Basta con le chiusure, che hanno creato disoccupazione e povertà mettendo a rischio decine di migliaia di imprese. Basta anche con le bugie: la Gran Bretagna dimostra che la variante Delta colpisce tutti. In Inghilterra, i contagi si moltiplicano, ma le terapie intensive restano vuote.
È vero che quello guidato da Mario Draghi è il Governo dei migliori (??) e, dunque, probabilmente non ha bisogno dei nostri umilissimi consigli. Ma una cosa ci sentiamo di suggerirla. Se vogliamo davvero voltare pagina, se vogliamo dimenticarci della pandemia, abbiamo una sola strada: far tornare a lavorare nei loro ospedali di provenienza quei fenomenali virologi che, da un anno e mezzo, si sono impossessati di tv e giornali, riempiendo la nostra testa di stupidaggini e le loro tasche di ricchi compensi. Uno stipendio ce l’hanno già e glielo paghiamo noi cittadini: si rimettano il camice e tornino in corsia. Certamente faranno meno danni.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

L'antifascismo in assenza di Fascismo

di Adriano Tilgher

Davanti al nulla assoluto della loro presenza e capacità politica ed al loro squallido servilismo nei confronti dell’emissario dei potentati anti italiani, Draghi, tutti i partiti ed i sindacati hanno ritrovato ossigeno e una ragione per esserci nell’antifascismo. L’antifascismo è un rito antico, impostoci con il diktat di pace del 1947 da inglesi, americani, marocchini che ci hanno sconfitti ed occupati il 25 aprile 1945 e non se ne sono più andati. Un rito recepito dalla nostra costituzione nelle norme transitorie e finali che non transitano mai.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Sindacalismo Rivoluzionario

Settembre 1904 con il primo sciopero nazionale prende ufficialmente vita in Italia il "Sindacalismo Rivoluzionario", tra i principali ideologi il francese Georges Sorel e gli italiani Arturo Labriola e Enrico Leone. Il principio fondamentale del sindacalismo rivoluzionario era l'indipendenza sindacale nei confronti sia dei partiti politici che dello Stato. Inizialmente nasce come corrente di sinistra in seno al Partito Socialista per poi distaccarsene nel congresso di Ferrara del 1907, per avviare un lavoro sindacale autonomo, dapprima nelle campagne emiliane, poi nei centri industriali del Nord, e nelle miniere di Puglia e Toscana. I suoi organizzatori più attivi furono Alceste De Ambris e Filippo Corridoni. Nel 1907 a Parma nasce la CGdL, su una idea di Alceste de Ambris. Nel 1912 Filippo Corridoni ed altri, spaccano il movimento creando l'(USI), l'Unione Sindacale Italiana, che aumentò il proprio peso politico diffondendosi specialmente a Milano.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.