Mario Draghi: sempre, ovunque e comunque Mario Draghi

Ormai è una specie di coro: grazie SuperMario, per i soldi del Recovery Fund; grazie SuperMario, per il Piano nazionale di ripresa e resilienza, che l’Unione Europea ci ha fatto passare liscio, soltanto grazie a Te; grazie SuperMario, per averci tolto la museruola, restituendoci la libertà di passeggiare respirando. Nel nostro Paese, da qualche mese a questa parte, è esplosa la “Draghimania”, che ha colpito non solo tutto il mondo politico, ma anche tv, radio e carta stampata, con l’eccezione di Travaglio e dei suoi accoliti, in lutto per la prematura scomparsa del Governo Conte bis, quello che aveva ridotto sul lastrico intere categorie produttive. Del resto, proprio grazie a tal predecessore, per Draghi è stato facile apparire come un gigante.

Diciamo subito, a scanso di equivoci, che Draghi non è Conte: l’ex governatore della Banca d’Italia ed ex presidente della Banca Centrale Europea è persona competente e preparata e di economia sa come pochi. Di qui a dire che, senza di lui, il Paese andrebbe a rotoli c’è, però, una grande differenza. Eppure i giornaloni, insieme a radio e tv di regime, ci spiegano ogni giorno quanto sia importante avere un uomo come Mario Draghi alla guida del Governo. Con lui, il futuro è roseo, la ripresa, dopo la drammatica pandemia e la crisi economica che ne è conseguita, è certa e, perché no, anche il Covid la smetterà di rompere le scatole, una volta per tutte.

Purtroppo, le cose non stanno così. Draghi, infatti, al di là delle sue indiscutibili capacità professionali, ha già fatto vedere che abiti veste in qualità di presidente del Consiglio: oggi, come ieri, è e resta uomo delle banche e dei potentati economico-finanziari internazionali. E’ forte con i deboli e debole con i forti, come testimoniano i suoi provvedimenti. E’ vero, la parte del cattivo non la recita lui, ma il “suo” ministro dell’Economia, Franco. La sostanza, però, non cambia: dopo la pausa Covid, infatti, a breve riprenderà ad agire la macchina infernale di Agenzia Entrate Riscossione (la ex Equitalia) e lo farà con una durezza senza precedenti, mentre i pignoramenti sono già esecutivi, senza alcun riguardo per i tantissimi italiani, che sono stati letteralmente massacrati dal blocco delle attività.

Dobbiamo prepararci, insomma, a un autunno, stavolta sì, caldissimo, soprattutto per chi già versa in difficoltà. Ma non ci sono i soldi del Recovery, obietterà qualcuno? Certo, ma, statene certi, gran parte di quei fondi andrà agli amici, agli amici degli amici e alle “solite” imprese. Saranno loro a ricostruire l’Italia del dopo Covid. O, almeno, questo ci racconteranno giornali e tv di regime. Mentre, tanto per cambiare, l’unica vera ripresa, se mai c’era stato uno stop, sarà quella dei conti correnti dei “padroni del vapore”, ossia i mandanti di SuperMario. I poveri saranno sempre più poveri e più tartassati; loro, grazie al miracoloso Draghi, sempre più ricchi e potenti.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

Vuoi lavorare? "Green Pass"

di Adriano Tilgher

E’ l’ultima trovata anglofona di Mario Draghi e del suo “magnifico” governo di impenitenti “leccapile” dei potenti del mondo. Ma quanto sono bravi! Quanto sono intelligenti! Come tutti sappiamo, nella schifosissima società liberista il dogma supremo sono gli “affari” e i principi base, come in tutte le società di diritto mafioso, sono “gli affari sono affari” e “nulla di personale sono solo affari”; in nome di questi principi si legittimano tutti i crimini del mondo dagli omicidi alle stragi, dai sequestri di cose e di persone alle rapine, dalle truffe alle estorsioni, ricatti furti e chi più ne ha, ne metta.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

La morte ha fatto l'uovo

1968 uno dei registi più sperimentali del cinema Italiano Giulio Questi, realizza un film Horror Thriller con venature erotiche, La morte ha fatto l'uovo, la trama del film veramente agghiacciante si dipana intorno a Marco, un dirigente d'azienda dal fare intellettuale dipendente economicamente dalla moglie, una ricca imprenditrice di pollame, finirà cibo per le galline dopo essere finito in un tritacarne. Nel pezzo di 2 settimane fa, scritto nelle ore precedenti alle manifestazioni del popolo "No Green Pass", avevo ipotizzato una carriera da mago, oracolo o similare, nel caso avessi indovinato un'eventuale recrudescenza, di stato di polizia, e di equiparazione, “No Vax-Terrorismo”. Puntuale come la morte, arrivano i primi arresti, e la fabbrica di fango necessaria per dare il via ad una nuova strategia della tensione.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.