Mario Draghi: sempre, ovunque e comunque Mario Draghi

Ormai è una specie di coro: grazie SuperMario, per i soldi del Recovery Fund; grazie SuperMario, per il Piano nazionale di ripresa e resilienza, che l’Unione Europea ci ha fatto passare liscio, soltanto grazie a Te; grazie SuperMario, per averci tolto la museruola, restituendoci la libertà di passeggiare respirando. Nel nostro Paese, da qualche mese a questa parte, è esplosa la “Draghimania”, che ha colpito non solo tutto il mondo politico, ma anche tv, radio e carta stampata, con l’eccezione di Travaglio e dei suoi accoliti, in lutto per la prematura scomparsa del Governo Conte bis, quello che aveva ridotto sul lastrico intere categorie produttive. Del resto, proprio grazie a tal predecessore, per Draghi è stato facile apparire come un gigante.

Diciamo subito, a scanso di equivoci, che Draghi non è Conte: l’ex governatore della Banca d’Italia ed ex presidente della Banca Centrale Europea è persona competente e preparata e di economia sa come pochi. Di qui a dire che, senza di lui, il Paese andrebbe a rotoli c’è, però, una grande differenza. Eppure i giornaloni, insieme a radio e tv di regime, ci spiegano ogni giorno quanto sia importante avere un uomo come Mario Draghi alla guida del Governo. Con lui, il futuro è roseo, la ripresa, dopo la drammatica pandemia e la crisi economica che ne è conseguita, è certa e, perché no, anche il Covid la smetterà di rompere le scatole, una volta per tutte.

Purtroppo, le cose non stanno così. Draghi, infatti, al di là delle sue indiscutibili capacità professionali, ha già fatto vedere che abiti veste in qualità di presidente del Consiglio: oggi, come ieri, è e resta uomo delle banche e dei potentati economico-finanziari internazionali. E’ forte con i deboli e debole con i forti, come testimoniano i suoi provvedimenti. E’ vero, la parte del cattivo non la recita lui, ma il “suo” ministro dell’Economia, Franco. La sostanza, però, non cambia: dopo la pausa Covid, infatti, a breve riprenderà ad agire la macchina infernale di Agenzia Entrate Riscossione (la ex Equitalia) e lo farà con una durezza senza precedenti, mentre i pignoramenti sono già esecutivi, senza alcun riguardo per i tantissimi italiani, che sono stati letteralmente massacrati dal blocco delle attività.

Dobbiamo prepararci, insomma, a un autunno, stavolta sì, caldissimo, soprattutto per chi già versa in difficoltà. Ma non ci sono i soldi del Recovery, obietterà qualcuno? Certo, ma, statene certi, gran parte di quei fondi andrà agli amici, agli amici degli amici e alle “solite” imprese. Saranno loro a ricostruire l’Italia del dopo Covid. O, almeno, questo ci racconteranno giornali e tv di regime. Mentre, tanto per cambiare, l’unica vera ripresa, se mai c’era stato uno stop, sarà quella dei conti correnti dei “padroni del vapore”, ossia i mandanti di SuperMario. I poveri saranno sempre più poveri e più tartassati; loro, grazie al miracoloso Draghi, sempre più ricchi e potenti.


Editoriale

 

L'urlo

di Adriano Tilgher

E’ qualcosa di profondo che esce in modo irrefrenabile e brucia in un attimo un’enorme quantità di energia. Può essere una manifestazione di grande gioia per il raggiungimento di un obiettivo a lungo desiderato o di profondo dolore per la perdita in modo irrecuperabile di qualcosa, di rinata speranza per l’improvvisa apparizione di una luce splendente in fondo ad un tunnel estremamente buio o di disperazione per l’atrocità dello spettacolo della realtà che si manifesta intorno a te, di travolgente passione per l’inebriante coinvolgimento in un difficile percorso di lotta e vittoria o di lancinante depressione perché non si vede nessuna via di sbocco o di fuga, di terrore per il timore di ciò che può accaderti o di coraggio per aiutarti a superare le tue paure.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Equinozio d'autunno

La parola “equinozio” deriva dal latino e significa “notte uguale” al giorno. Gli equinozi di marzo e settembre sono i due giorni dell’anno nei quali hanno inizio primavera e autunno. In questo giorno, il 22 Settembre, il Sole passa allo zenit all’equatore, sorge al polo sud, tramonta al polo nord e fa si che i raggi arrivino perpendicolari all’asse di rotazione della Terra. Porta d'ingresso dell'autunno, l'equinozio porta con sé una serie di profondi significati esoterici; il precipitare del sole, e con esso della luce, provocarono nell'uomo arcaico una sensazione di ansia per ciò che non poteva controllare né prevedere, ma anche il senso di forze cosmiche e occulte che dirigevano i fenomeni e le conseguenze ad essi associati. Non è un caso che l'equinozio abbia infatti una stretta connessione con tutto ciò che riguarda l'occulto, il sacrificio, la morte.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.