La Meloni, i sondaggi e le scelte sbagliate

Lo avevamo scritto in tempi non sospetti: Giorgia Meloni, inebriata dai sondaggi, si sta montando la testa. A distanza di un paio di mesi, è arrivata la conferma: la leader di Fratelli d’Italia, ormai, vive su un altro pianeta e ritiene che il consenso di oggi si trasformerà automaticamente in un trionfo elettorale, nel 2023, quando finalmente si dovrebbe tornare a votare. Così, respinge sdegnata ogni proposta di candidatura per ruoli diversi da quello di presidente del Consiglio.
Chi meglio di Giorgia Meloni potrebbe rappresentare il centrodestra nella corsa per il Campidoglio? O, in alternativa, per la successione di Zingaretti alla Regione Lazio? Certamente nessuno, soprattutto in un momento storico in cui tutto congiura a favore del partito targato Meloni-Rampelli, “volato” in doppia cifra e, attualmente, addirittura accreditato di maggiori consensi del Pd.

Proprio queste “lievitazioni” veloci, però, dovrebbero mantenere con i piedi per terra la leader venuta dalla Garbatella, perché, come insegnano esempi recentissimi (leggi Renzi o Movimento Cinque Stelle), si fa presto a passare da numeri in doppia cifra allo zero del prefisso telefonico o giù di lì. Chi lievita così rapidamente, infatti, spesso si sgonfia in modo ancor più veloce, ora che la politica non ha nulla di solido (nessun ideale, nessun leader di grande caratura) e tutto è liquido. Basta una piccola falla e il serbatoio di voti resta a secco, in men che non si dica.

Eppure lei, la verace Giorgia, un tempo con lo sguardo truce e oggi sempre sorridente, a favore di telecamere, non vuole sentire ragioni: “Potrei fare il premier. Mi candido a governare la Nazione”, ha detto di recente. E a chi le suggerisce di cominciare dalla sfida romana, lei replica secca: “Chi mi propone la corsa per il Campidoglio, mi si vuole togliere dai piedi”.

È chiaro, insomma, che Giorgia ritiene più che possibile la scalata dalla Garbatella a Palazzo Chigi, forte anche dei tanti lacchè che la circondano. A cominciare dall’imbarazzante capogruppo alla Camera, il cognato Lollobrigida, o dall’inquietante figlia di Rauti, nonché ex moglie di Alemanno: tutti i giorni ce li dobbiamo sorbire “dichiaranti” nei tg nazionali, mascherati col tricolore, sempre pronti a esaltare la patria e la famiglia. Difficile, del resto, dargli torto: senza la famiglia, non solo non avrebbero trovato posto in Parlamento, ma probabilmente nemmeno un posto di lavoro.
Ecco, la signora Meloni dovrebbe comprendere che, con questi compagni di viaggio, andrà poco lontano. Soprattutto se non partirà da una base molto forte, quale sarebbe una vittoria alle elezioni per il nuovo sindaco di Roma. Seguita, magari, da anni di buongoverno, che “resuscitino” una Capitale agonizzante. Questo, sì, sarebbe il viatico per candidarsi, poi, alla Presidenza del Consiglio dei Ministri. Pretendere, invece, di correre per Palazzo Chigi, peraltro litigando con Tajani e Salvini due anni prima del voto, non sembra una scelta intelligente.

Quasi impossibile, però, farlo comprendere a un personaggio che ha un ego smisurato e che, ormai, ragiona e sceglie soltanto con l’obiettivo di salire sempre più nei sondaggi. Esattamente lo stesso errore compiuto, qualche anno fa, da Renzi, poi precipitato vorticosamente, fino a ritrovarsi con un partitino che non raggiunge il 2 per cento. Ma anche quello compiuto dallo stesso Salvini, nella famosa estate del Papeete, quando perse la possibilità di restare al governo. Da allora, il Matteo leghista si è ripreso, ma ne ha azzeccate sempre meno.

Nelle prossime settimane, dunque, assisteremo ancora alla farsa della scelta del candidato del centrodestra per Roma, da cui potrebbe uscire il ticket Bertolaso-Colosimo. Sarebbe un’altra vittoria di Pirro della Meloni, che vuole imporre la consigliera regionale (livello infimo) come vice dell’ex capo della Protezione Civile. Il centrodestra, infatti, andrebbe dritto verso una nuova sconfitta e la Meloni si metterebbe definitivamente contro Rampelli, che ha “creato” la Colosimo, che poi lo ha poco elegantemente scaricato, per “filtrare” con la rampante Giorgia.

Peccato, però, che il serbatoio di voti dei Fratelli d’Italia, a Roma, sia quasi tutto in mano all’ala rampelliana. Insomma, proprio il “no” della Meloni a Roma e le sue scelte successive potrebbero portare alla rottura definitiva di Giorgia Meloni con Fabio Rampelli. E questo - per la regina dei sondaggi - rappresenterebbe, senza se e senza ma, l’inizio della fine.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

Riconquistare la sovranità

di Adriano Tilgher

Vedo un sistema di potere drammatico, anzi, addirittura tragico per le prospettive di vita che ci lascia intravvedere e che addirittura, in parte, annuncia. Poi mi accorgo che inizia a manifestarsi una complessa volontà di opposizione, talvolta anche radicale, ma che si agita scompostamente sia, per fortuna, con idee valide ma il più delle volte senza una prospettiva reale di lotta e di confronto che rischia di annullare tutti gli enormi sforzi che si producono.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Destra divina che è dentro di noi

Dall'archivio di "Strano ma Nero" voglio far uscire alcune perle che sono sicuro susciteranno stupore (e indignazione) in molti lettori, voglio parlare di un uomo che Pietrangelo Buttafuoco ha definito "Il più ruvido incazzoso squadrista che mai calendario abbia potuto avere”, Francesco Forgione, meglio conosciuto come San Pio da Pietrelcina. Forgione nasce a Pietrelcina, provincia di Benevento, il 25 maggio 1887.  Il 22 gennaio 1903, a sedici anni, entra in convento e da francescano cappuccino prende il nome di fra Pio. Diventa sacerdote sette anni dopo, il 10 agosto 1910. Nel 1916 i superiori pensano di trasferirlo a San Giovanni Rotondo e qui, nel convento di S. Maria delle Grazie, ha inizio per Padre Pio una straordinaria avventura di taumaturgo e apostolo del confessionale. Il 20 settembre 1918 il cappuccino riceve le stimmate della Passione che resteranno aperte, dolorose e sanguinanti per ben cinquant’anni.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.