L’Altissimo e i lacchè di regime

All’indomani dell’intervento del premier Mario Draghi alla Camera, per spiegare il Piano di Ripresa e di Resilienza Nazionale (ma un nome più semplice proprio no?), i lacchè di regime, travestiti da giornalisti, si sono letteralmente scatenati, in una sfida senza esclusione di colpi, per dimostrare tutto il loro entusiasmo per il padrone di turno. E, poiché stavolta il padrone è un potente vero, hanno fatto tutto il possibile, proprio tutto, per compiacerlo.

Così, sui giornali di martedì 27 sono stati sprecati fiumi di inchiostro, citando il presidente del Consiglio e i suoi richiami all’importanza del Piano, alla necessità di non sprecare l’occasione rappresentata dagli oltre 200 miliardi che arriveranno (arriveranno?) dall’Europa. Cose ovvie: dopo oltre un anno di economia bloccata da assurde chiusure, chi può pensare che ci si possano permettere ritardi o errori o, peggio, che qualcuno voglia buttar via quattrini? Piuttosto, se chi si firma con nome e cognome sui giornali non lo facesse per mostrare la lingua, ma nell’interesse del lettore, dovrebbe chiedere a Draghi e al Governo perché continuano con tante chiusure e con queste ridicole mezze aperture.

Abbiamo letto, infatti, nelle scorse settimane, che dal 26 aprile saremmo tornati alla normalità, grazie all’Italia quasi tutta in zona gialla. In realtà, di normale c’è ancora molto poco, se addirittura non possiamo consumare un caffè al bar o mangiare un piatto di pasta in un ristorante che non abbia i tavoli all’aperto. Cose assurde, delle quali bravi giornalisti dovrebbero chiedere conto al premier durante le conferenze stampa a Palazzo Chigi.

Invece, niente. Draghi è l’Altissimo, colui che ha il Verbo, guai a metterlo in discussione, guai a fargli domande irreverenti. Giù botte, quello sì, a Salvini, che appoggia l’esecutivo e si permette di definire assurda la chiusura dei ristoranti (all’aperto) alle 22, chiedendo una proroga alle 23. Ma, insomma, Draghi ha già concesso le riaperture, che altro vuole quel barbaro di leghista?

Tutto questo, ovviamente, trova una sponda in Enrico Letta, l’uomo tornato da Parigi, per fare in Italia gli interessi francesi, d’intesa con Draghi. Di questo dovrebbero occuparsi editorialisti e cronisti. Ma loro preferiscono vivisezionare il discorso di Draghi sul Recovery Plan, per esaltarlo. Come ha fatto di prima mattina l’inviata di una “libera” tv commerciale, che ha definito molto “alto” l’intervento del premier a Montecitorio.

Del resto, Draghi ci ha parlato di tutto e di più, a partire dalla Giustizia che va riformata. Non ci ha detto come intende farlo, ma questo è un dettaglio. E ha sottolineato che nessuno deve perseguire interessi di parte, soltanto quelli del Paese. Omettendo di dire che qualcuno se ne frega dell’Italia, a partire dal suo amico Enrico Letta, chiaramente al servizio dell’Eliseo.

Il panorama, insomma, è chiaro. Da qui al 2022, Mario Draghi avrà tutto il tempo per preparare, senza ostacoli, la sua corsa al Quirinale. E, se invece sarà confermato Mattarella, Draghi potrà puntare, con l’appoggio di tutti i potentati (economici, finanziari, mediatici), a essere confermato a Palazzo Chigi, anche dopo le elezioni del 2023.

Voci fuori dal coro ce ne sono davvero poche, pochissime. E non sono quelle di tenori di livello. Per il migliore, anzi per l’Altissimo, la strada è tutta in discesa. E ai lati ci sono tanti lacchè, che lo accompagneranno fino al traguardo.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

L'Italia e i diktat

di Adriano Tilgher

Sono oltre 70 anni che l’Italia subisce i diktat altrui senza reagire, ma neanche mediare. Da quando il 25 aprile 1945 il nostro territorio è stato completamente occupato dalle truppe anglo-americane e la resa senza condizioni firmata di nascosto il 3 settembre del 1943 e resa pubblica l’8 settembre successivo è diventata un diktat imperativo con il trattato di Parigi del 1947, l’Italia è diventata una nazione a sovranità limitata con 20.000 soldati americani - forniti di ordigni nucleari, missili e armi sofisticatissime, in basi autonome ed indipendenti da qualsiasi controllo anche giudiziario - che occupano il nostro territorio, ancora oggi.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Attacca, Boia!

1952, Pinuccia, Diana, Lisetta e Tonini (Antonietta), le sorelle Nava, Soubrettes, attrici e cantanti, portano in palcoscenico una satira bonaria del fascismo e del suo Duce con uno spettacolo che mutuava il titolo da un verso dell'opera lirica Tosca: Dinanzi a lui... Tre Nava tutta Roma. Le 4 sorelle figlie di Brugnoletto, (nome d'arte attribuito da Trilussa a Giuseppe Ciocca) e della circense Giorgina Nava, durante il Regime facevano parte della compagnia Teatrale di Nino Taranto Nel 1945 sono al fianco di Carlo Campanini e Alberto Rabagliati in Pirulì Pirulì, spettacolo firmato dal duo Garinei e Giovannini. Sino agli anni 70 le sorelle Nava saranno impegnate oltre che sui palcoscenici di tutta Europa anche in radio, cinema e tv calcando il palcoscenico al fianco di artisti come Totò, Macario, Carlo Dapporto e Nino Manfredi. Pinuccia leader del gruppo e capocomico, iniziava ogni spettacolo dando il via all'orchestra al grido di Attacca, Boia!

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.