L’Altissimo e i lacchè di regime

All’indomani dell’intervento del premier Mario Draghi alla Camera, per spiegare il Piano di Ripresa e di Resilienza Nazionale (ma un nome più semplice proprio no?), i lacchè di regime, travestiti da giornalisti, si sono letteralmente scatenati, in una sfida senza esclusione di colpi, per dimostrare tutto il loro entusiasmo per il padrone di turno. E, poiché stavolta il padrone è un potente vero, hanno fatto tutto il possibile, proprio tutto, per compiacerlo.

Così, sui giornali di martedì 27 sono stati sprecati fiumi di inchiostro, citando il presidente del Consiglio e i suoi richiami all’importanza del Piano, alla necessità di non sprecare l’occasione rappresentata dagli oltre 200 miliardi che arriveranno (arriveranno?) dall’Europa. Cose ovvie: dopo oltre un anno di economia bloccata da assurde chiusure, chi può pensare che ci si possano permettere ritardi o errori o, peggio, che qualcuno voglia buttar via quattrini? Piuttosto, se chi si firma con nome e cognome sui giornali non lo facesse per mostrare la lingua, ma nell’interesse del lettore, dovrebbe chiedere a Draghi e al Governo perché continuano con tante chiusure e con queste ridicole mezze aperture.

Abbiamo letto, infatti, nelle scorse settimane, che dal 26 aprile saremmo tornati alla normalità, grazie all’Italia quasi tutta in zona gialla. In realtà, di normale c’è ancora molto poco, se addirittura non possiamo consumare un caffè al bar o mangiare un piatto di pasta in un ristorante che non abbia i tavoli all’aperto. Cose assurde, delle quali bravi giornalisti dovrebbero chiedere conto al premier durante le conferenze stampa a Palazzo Chigi.

Invece, niente. Draghi è l’Altissimo, colui che ha il Verbo, guai a metterlo in discussione, guai a fargli domande irreverenti. Giù botte, quello sì, a Salvini, che appoggia l’esecutivo e si permette di definire assurda la chiusura dei ristoranti (all’aperto) alle 22, chiedendo una proroga alle 23. Ma, insomma, Draghi ha già concesso le riaperture, che altro vuole quel barbaro di leghista?

Tutto questo, ovviamente, trova una sponda in Enrico Letta, l’uomo tornato da Parigi, per fare in Italia gli interessi francesi, d’intesa con Draghi. Di questo dovrebbero occuparsi editorialisti e cronisti. Ma loro preferiscono vivisezionare il discorso di Draghi sul Recovery Plan, per esaltarlo. Come ha fatto di prima mattina l’inviata di una “libera” tv commerciale, che ha definito molto “alto” l’intervento del premier a Montecitorio.

Del resto, Draghi ci ha parlato di tutto e di più, a partire dalla Giustizia che va riformata. Non ci ha detto come intende farlo, ma questo è un dettaglio. E ha sottolineato che nessuno deve perseguire interessi di parte, soltanto quelli del Paese. Omettendo di dire che qualcuno se ne frega dell’Italia, a partire dal suo amico Enrico Letta, chiaramente al servizio dell’Eliseo.

Il panorama, insomma, è chiaro. Da qui al 2022, Mario Draghi avrà tutto il tempo per preparare, senza ostacoli, la sua corsa al Quirinale. E, se invece sarà confermato Mattarella, Draghi potrà puntare, con l’appoggio di tutti i potentati (economici, finanziari, mediatici), a essere confermato a Palazzo Chigi, anche dopo le elezioni del 2023.

Voci fuori dal coro ce ne sono davvero poche, pochissime. E non sono quelle di tenori di livello. Per il migliore, anzi per l’Altissimo, la strada è tutta in discesa. E ai lati ci sono tanti lacchè, che lo accompagneranno fino al traguardo.


Editoriale

 

L'urlo

di Adriano Tilgher

E’ qualcosa di profondo che esce in modo irrefrenabile e brucia in un attimo un’enorme quantità di energia. Può essere una manifestazione di grande gioia per il raggiungimento di un obiettivo a lungo desiderato o di profondo dolore per la perdita in modo irrecuperabile di qualcosa, di rinata speranza per l’improvvisa apparizione di una luce splendente in fondo ad un tunnel estremamente buio o di disperazione per l’atrocità dello spettacolo della realtà che si manifesta intorno a te, di travolgente passione per l’inebriante coinvolgimento in un difficile percorso di lotta e vittoria o di lancinante depressione perché non si vede nessuna via di sbocco o di fuga, di terrore per il timore di ciò che può accaderti o di coraggio per aiutarti a superare le tue paure.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Equinozio d'autunno

La parola “equinozio” deriva dal latino e significa “notte uguale” al giorno. Gli equinozi di marzo e settembre sono i due giorni dell’anno nei quali hanno inizio primavera e autunno. In questo giorno, il 22 Settembre, il Sole passa allo zenit all’equatore, sorge al polo sud, tramonta al polo nord e fa si che i raggi arrivino perpendicolari all’asse di rotazione della Terra. Porta d'ingresso dell'autunno, l'equinozio porta con sé una serie di profondi significati esoterici; il precipitare del sole, e con esso della luce, provocarono nell'uomo arcaico una sensazione di ansia per ciò che non poteva controllare né prevedere, ma anche il senso di forze cosmiche e occulte che dirigevano i fenomeni e le conseguenze ad essi associati. Non è un caso che l'equinozio abbia infatti una stretta connessione con tutto ciò che riguarda l'occulto, il sacrificio, la morte.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.