Italia stremata

La foto di una ristoratrice toscana, che piange in ginocchio, davanti ai poliziotti, schierati per evitare l’ingresso in piazza Montecitorio,  può essere presa a simbolo di quel che sta cercando di fare il Governo Draghi, proseguendo l’opera dell’esecutivo Conte: distruggere il tessuto produttivo del Paese e perseguitare cittadini, imprenditori e lavoratori, senza rispettare i dettami della nostra Costituzione, perché al Quirinale, anziché il custode della Carta fondamentale, c’è un complice di questa strategia.

A questo punto, infatti, non si può più parlare di casualità, non si possono più invocare la sorpresa, l’emergenza sanitaria e la necessità di tenere tutto chiuso. No, oggi, tredici mesi dopo la dichiarazione dello stato pandemico, non ci sono più alibi: chi sta uccidendo le aziende, portandole al fallimento, lo fa in modo scientifico, avendo il preciso obiettivo di consegnare il nostro Paese ai potentati economici e finanziari mondiali.

In un anno e mezzo, il Governo Conte bis aveva piegato le gambe a settori fondamentali dell’economia italiana, quali la ristorazione, l’ospitalità e il turismo, con il loro indotto. Milioni di posti di lavoro messi a repentaglio per chiusure prolungate molto più del necessario. “C’è l’emergenza sanitaria, non possiamo fare diversamente”, si giustificavano il premier e i suoi ministri. E a chi faceva notare che, di quel passo, gli italiani sarebbero morti di fame, oltre che di Covid, gli “scienziati” di Palazzo Chigi e dintorni ribattevano che “il nemico è il virus, dobbiamo mettercelo in testa”. Risultato: in Italia si continua a morire più che nel resto del mondo, malgrado si resti chiusi.

Non solo. Nel nostro Paese il piano vaccinale è un fallimento totale, mentre quei medici che curano i pazienti tenendoli a casa – con risultati straordinari – vengono trattati come nemici della salute pubblica. Così, resta in vigore la raccomandazione ministeriale di “tachipirina e vigile attesa” per i primi giorni di Covid, cosa che ha portato decine di migliaia di cittadini ad aggravarsi, finendo poi in ospedale e, in molti casi, a morire.

Viene da chiedersi, perciò, se anche questa negligenza nel campo delle cure faccia parte della strategia complessiva: più malati, più morti, più chiusure, più fallimenti. Ed è lecito domandarselo, perché alla guida del Ministero della Salute, anche nell’era Draghi, resta il postcomunista Roberto Speranza, che non ne ha azzeccata una: non il piano vaccinale, non le cure antiCovid, non il sistema per riaprire il Paese. In qualsiasi altra nazione, un incapace di questa fatta sarebbe stato cacciato a calci nel sedere, in Italia, invece, il nuovo premier, che certo non è uno stupido, lo difende pubblicamente: “Ha tutta la mia stima”.

Come si dice, tre indizi non fanno una prova, ma adesso ce n’è abbastanza per poter dire che – se Speranza resta al suo posto, se le attività commerciali non possono aprire, se gli aiuti non arrivano mai, se i vaccini sono ancora una chimera per larga parte della popolazione – tutto questo non può essere frutto del destino cinico e baro.

C’è un disegno, è evidente, e non rappresenta nulla di bello. Quante altre ristoratrici dovremo vedere ancora, in ginocchio e con le lacrime agli occhi? L’Italia non merita questo, non merita le restrizioni alle libertà personali, che vengono imposte in barba alla Costituzione, non merita di essere governata da una banda di cialtroni, mascherati da “migliori”.

Non ne possiamo più, non ne possono più milioni di cittadini, senza lavoro e senza futuro. Cerchino di capirlo, gli inquilini dei Palazzi romani: questa è la strada per uno scontro sociale senza precedenti. La abbandonino e riaprano il Paese, prima che la rabbia e la fame travolgano tutto e tutti.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

L'Italia e i diktat

di Adriano Tilgher

Sono oltre 70 anni che l’Italia subisce i diktat altrui senza reagire, ma neanche mediare. Da quando il 25 aprile 1945 il nostro territorio è stato completamente occupato dalle truppe anglo-americane e la resa senza condizioni firmata di nascosto il 3 settembre del 1943 e resa pubblica l’8 settembre successivo è diventata un diktat imperativo con il trattato di Parigi del 1947, l’Italia è diventata una nazione a sovranità limitata con 20.000 soldati americani - forniti di ordigni nucleari, missili e armi sofisticatissime, in basi autonome ed indipendenti da qualsiasi controllo anche giudiziario - che occupano il nostro territorio, ancora oggi.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Attacca, Boia!

1952, Pinuccia, Diana, Lisetta e Tonini (Antonietta), le sorelle Nava, Soubrettes, attrici e cantanti, portano in palcoscenico una satira bonaria del fascismo e del suo Duce con uno spettacolo che mutuava il titolo da un verso dell'opera lirica Tosca: Dinanzi a lui... Tre Nava tutta Roma. Le 4 sorelle figlie di Brugnoletto, (nome d'arte attribuito da Trilussa a Giuseppe Ciocca) e della circense Giorgina Nava, durante il Regime facevano parte della compagnia Teatrale di Nino Taranto Nel 1945 sono al fianco di Carlo Campanini e Alberto Rabagliati in Pirulì Pirulì, spettacolo firmato dal duo Garinei e Giovannini. Sino agli anni 70 le sorelle Nava saranno impegnate oltre che sui palcoscenici di tutta Europa anche in radio, cinema e tv calcando il palcoscenico al fianco di artisti come Totò, Macario, Carlo Dapporto e Nino Manfredi. Pinuccia leader del gruppo e capocomico, iniziava ogni spettacolo dando il via all'orchestra al grido di Attacca, Boia!

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.