Un decreto-legge per imporre un obbligo vaccinale? Brevi riflessioni a margine di una scelta discutibile

Il decreto-legge 01 aprile 2021, n. 44, nell'art. 4, introduce l'obbligo della vaccinazione contro l'agente virale Sars-Cov2 per coloro che esercitano una professione sanitaria e per gli operatori di interesse sanitario. La Corte costituzionale ha sempre ritenuto che l'obbligatorietá di un determinato trattamento sanitario rientri nella valutazione discrezionale del legislatore statale e che il riferimento "alle disposizioni di legge", di cui all'art. 32, comma 2, della Costituzione repubblicana vigente, indichi una riserva relativa (cosí la sentenza n. 258/1994): non solo la legge ordinaria dello Stato, ma anche un decreto-legge o un decreto legislativo delegato, con la possibilitá di intervento da parte di fonti secondarie (regolamenti etc..) per attuare e integrare quanto previsto a livello primario, hanno "titolo" per introdurre l'obbligo.

Davvero é cosí convincente questa linea interpretativa? Salvo i casi di accertamenti non invasivi, i trattamenti sanitari, e le vaccinazioni in primis, hanno ordinariamente conseguenze irreversibili. Qualora, nel termine perentorio di 60 giorni, il decreto-legge non fosse convertito dal Parlamento (non ha alcun obbligo in merito), eventuali danni conseguenti all'inoculazione potrebbero non essere tutti reversibili. Ed anche in ipotesi di conversione in legge, questa non sarebbe in grado, in presenza di effetti infausti, di ripristinare "l'ordine normale delle competenze" (cfr. F. SORRENTINO). Pertanto, l'utilizzo del decreto-legge per imporre un trattamento sanitario ha come conseguenza il fatto che il Governo della Repubblica non anticipa in via d'urgenza un potere spettante alle due Camere, ma esercita un suo potere esclusivo poiché il successivo intervento del Parlamento, in materia, costituirebbe un avvallo o una disapprovazione di un vaccino il quale, comunque, ha giá prodotto le sue conseguenze.

In conclusione, dunque, solo la legge formale é in grado di garantire un procedimento decisionale in cui l’adeguata rappresentazione e ponderazione degli interessi coinvolti viene garantita dalla quantità e dalla qualità degli attori politici decidenti e dall’articolazione delle sedi di costruzione della decisione. Un aspetto che il Governo Draghi pare non aver preso minimamente in considerazione ovviamente con l'avvallo delle forze politiche che lo sostengono.

 


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

L'Italia e i diktat

di Adriano Tilgher

Sono oltre 70 anni che l’Italia subisce i diktat altrui senza reagire, ma neanche mediare. Da quando il 25 aprile 1945 il nostro territorio è stato completamente occupato dalle truppe anglo-americane e la resa senza condizioni firmata di nascosto il 3 settembre del 1943 e resa pubblica l’8 settembre successivo è diventata un diktat imperativo con il trattato di Parigi del 1947, l’Italia è diventata una nazione a sovranità limitata con 20.000 soldati americani - forniti di ordigni nucleari, missili e armi sofisticatissime, in basi autonome ed indipendenti da qualsiasi controllo anche giudiziario - che occupano il nostro territorio, ancora oggi.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Attacca, Boia!

1952, Pinuccia, Diana, Lisetta e Tonini (Antonietta), le sorelle Nava, Soubrettes, attrici e cantanti, portano in palcoscenico una satira bonaria del fascismo e del suo Duce con uno spettacolo che mutuava il titolo da un verso dell'opera lirica Tosca: Dinanzi a lui... Tre Nava tutta Roma. Le 4 sorelle figlie di Brugnoletto, (nome d'arte attribuito da Trilussa a Giuseppe Ciocca) e della circense Giorgina Nava, durante il Regime facevano parte della compagnia Teatrale di Nino Taranto Nel 1945 sono al fianco di Carlo Campanini e Alberto Rabagliati in Pirulì Pirulì, spettacolo firmato dal duo Garinei e Giovannini. Sino agli anni 70 le sorelle Nava saranno impegnate oltre che sui palcoscenici di tutta Europa anche in radio, cinema e tv calcando il palcoscenico al fianco di artisti come Totò, Macario, Carlo Dapporto e Nino Manfredi. Pinuccia leader del gruppo e capocomico, iniziava ogni spettacolo dando il via all'orchestra al grido di Attacca, Boia!

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.