Draghi come Conte

Lo avevamo scritto un anno fa, di questi tempi: o il Governo dimostra di comprendere che le chiusure delle attività commerciali, dovute all’emergenza sanitaria, non possono essere sopportate a lungo, senza indennizzi veri, o, presto o tardi, esploderà una bomba sociale, con conseguenze imprevedibili. Quel che è avvenuto a Roma nei giorni scorsi, con le proteste, anche violente, di alcune categorie, ristoratori in primis, conferma che a palazzo Chigi e dintorni, oggi come dodici mesi addietro, malgrado l’esecutivo, almeno apparentemente, sia cambiato, premier e ministri sono totalmente disinteressati alle sorti di imprese e famiglie, accada quel che accada.

La differenza è che il quadro, oggi, è tristemente chiaro: il Governo non vuole comprendere la gravità della situazione, perché ha altre priorità, altri obiettivi. Inconfessabili e non coincidenti con le aspettative di chi, da oltre un anno, non guadagna un euro. Non si spiega altrimenti la politica folle dell’esecutivo Draghi, che ricalca quella fallimentare della compagine giallorossa, guidata da Giuseppe Conte: si continuano a tenere chiusi negozi, bar, ristoranti e tutte le attività legate al turismo, ma non partono i cosiddetti “ristori”. E, se arrivano, sono elemosine, con le quali gli imprenditori non riescono a pagare nemmeno le bollette.

Una vergogna, insomma, che dura dal marzo 2020. In nessun altro Paese, infatti, si sono decise chiusure senza indennizzi: negli Stati Uniti, in Germania, in Francia, nel Regno Unito e ovunque, nel momento stesso in cui sono stati stabiliti gli “stop”, lo Stato ha disposto i bonifici per salvaguardare aziende e famiglie, per garantire loro la sopravvivenza. Soltanto in Italia, si sono imposti blocchi alle attività commerciali, promettendo aiuti che non sono praticamente mai arrivati.

Quando c’era Conte al Governo, tutti noi abbiamo pensato che la causa di questo scandalo fosse la totale inadeguatezza, sua e dei ministri. Oggi, però, a Palazzo Chigi siede un uomo che non è secondo a nessuno quanto a esperienza e capacità in campo economico e finanziario e alcuni suoi ministri non sono da meno. Eppure lo scenario non cambia: chiusure, promesse, zero euro sui conti correnti. E, allora, quello che era un dubbio inizia diventare una certezza: questi personaggi hanno in mente un disegno ben preciso e cercano di portarlo a termine. Un disegno che fa paura e che prevede la svendita di tutto il meglio del Belpaese, a partire dalle sue eccellenze in settori che, da sempre, sono il fulcro della nostra economia, a partire proprio da turismo, ristorazione ed enogastronomia.

La crisi determinata dalle chiusure delle attività e dal crollo delle presenze di visitatori sta portando al fallimento di moltissime piccole e piccolissime aziende, la spina dorsale del nostro sistema economico. Non è difficile prevedere che, quando tutto sarà terminato, al posto di queste imprese, molto spesso familiari, cercheranno di subentrare colossi stranieri e multinazionali.

Ecco, lo spettacolo al quale stiamo assistendo è questo. Il problema è che vi sta assistendo passivamente anche l’esecutivo Draghi, quello invocato a gran voce da economisti e politici, per salvare l’Italia. Finora, però, Draghi e molti suoi ministri appaiono complici della strategia dei potentati economici e finanziari, per accaparrarsi i tesori del nostro Paese. Chi ha voce, anche all’interno dello stesso esecutivo, la tiri fuori e chieda interventi immediati per aiutare imprese e famiglie: adesso o mai più, perché domani sarà troppo tardi.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

L'Italia e i diktat

di Adriano Tilgher

Sono oltre 70 anni che l’Italia subisce i diktat altrui senza reagire, ma neanche mediare. Da quando il 25 aprile 1945 il nostro territorio è stato completamente occupato dalle truppe anglo-americane e la resa senza condizioni firmata di nascosto il 3 settembre del 1943 e resa pubblica l’8 settembre successivo è diventata un diktat imperativo con il trattato di Parigi del 1947, l’Italia è diventata una nazione a sovranità limitata con 20.000 soldati americani - forniti di ordigni nucleari, missili e armi sofisticatissime, in basi autonome ed indipendenti da qualsiasi controllo anche giudiziario - che occupano il nostro territorio, ancora oggi.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Attacca, Boia!

1952, Pinuccia, Diana, Lisetta e Tonini (Antonietta), le sorelle Nava, Soubrettes, attrici e cantanti, portano in palcoscenico una satira bonaria del fascismo e del suo Duce con uno spettacolo che mutuava il titolo da un verso dell'opera lirica Tosca: Dinanzi a lui... Tre Nava tutta Roma. Le 4 sorelle figlie di Brugnoletto, (nome d'arte attribuito da Trilussa a Giuseppe Ciocca) e della circense Giorgina Nava, durante il Regime facevano parte della compagnia Teatrale di Nino Taranto Nel 1945 sono al fianco di Carlo Campanini e Alberto Rabagliati in Pirulì Pirulì, spettacolo firmato dal duo Garinei e Giovannini. Sino agli anni 70 le sorelle Nava saranno impegnate oltre che sui palcoscenici di tutta Europa anche in radio, cinema e tv calcando il palcoscenico al fianco di artisti come Totò, Macario, Carlo Dapporto e Nino Manfredi. Pinuccia leader del gruppo e capocomico, iniziava ogni spettacolo dando il via all'orchestra al grido di Attacca, Boia!

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.