Il prossimo “vaffa” sarà tutto per i 5Stelle

Eccoli qua i signori del “Vaffa”, quelli che volevano aprire il Parlamento come una scatoletta di tonno, abolire le auto blu, abbassare gli stipendi dei deputati e chi più ne ha più ne metta. Nel corso dell’ultima legislatura, dopo aver ottenuto la maggioranza relativa alle elezioni del 2018, i 5Stelle hanno dimostrato di che pasta sono fatti davvero, di quanto fossero incrollabili i loro principi e i loro valori.

Il “mai alleati con nessuno, al governo andremo solo se avremo la maggioranza assoluta” si è presto trasformato in un opportunistico “al governo con chiunque, pur di non mollare la poltrona”: dopo aver dato vita a un esecutivo gialloverde con Salvini, infatti, i Cinque Stelle si sono alleati con Pd, Italia Viva e Leu, per far nascere il giallorosso Conte-Bis. Poi, affondato definitivamente Conte, si sono detti subito disponibili a un governo a guida Draghi, sì proprio il banchiere che, appena tre anni fa, era indicato come il male assoluto. E, pur di restare nei Palazzi che contano, i grillini hanno accettato anche di sedersi in Consiglio dei ministri con gli uomini di Berlusconi, altro nemico di una vita.

Nel frattempo, alcuni loro deputati e senatori, sono finiti sui giornali per non aver pagato al Movimento le quote previste per i parlamentari (una parte del lauto stipendio elargito da tutti noi semplici cittadini), meritandosi l’espulsione. Stessa sorte che è toccata, di recente, a chi, in disaccordo con gli ordini di Grillo e Casaleggio, non ha votato la fiducia a Draghi.

Finalmente c’è ancora chi rispetta le idee che hanno portato alla vittoria del Movimento nel 2018? Macché, anche le scelte di questi presunti duri e puri sono motivate dall’opportunismo: qualcuno ha detto “no” a Draghi, con l’obiettivo di rafforzare la linea di Di Battista, contrario al governo del banchiere; qualcun altro lo ha fatto per gettare un po’ di fumo negli occhi all’elettorato. Ma il fumo si è ben presto diradato e la verità è apparsa chiara a tutti.

Il professor Nicola Morra, ad esempio, ha votato contro la fiducia a Draghi. Un atto di grande coerenza, se Morra, una volta espulso dal Movimento, non fosse approdato al Gruppo Misto, conservando quei benefit che, quando fu eletto, diceva di voler abolire: auto blu e scorta, in qualità di presidente della Commissione bicamerale Antimafia. Ma l’incarico, si potrebbe obiettare, prevede la scorta obbligatoria. E il punto è proprio questo: Morra, una volta cacciato dai 5Stelle, si doveva dimettere immediatamente da presidente della Commissione Antimafia. Questa sarebbe stata coerenza. Ovviamente non lo ha fatto, proprio per mantenere auto blu e scorta.

Così, a un paio di mesi dagli insulti gratuiti alla defunta Jole Santelli (per i quali si è beccato la querela delle sorelle Santelli), Morra è nuovamente balzato all’onore (si fa per dire) delle cronache, per una “prodezza”, realizzata proprio insieme ai suoi guardiani e all’auto blu. Un bel sabato di marzo, infatti, il prode senatore ha pensato bene di usare il macchinone con autista, per andare a offendere e minacciare un po’ di medici dell’Azienda sanitaria provinciale di Cosenza, sua città di residenza, facendoli peraltro identificare dalle sue guardie del corpo. Un misto di arroganza e stupidità, grazie al quale ha ottenuto la condanna di buona parte del mondo politico, insieme alla nuova richiesta di dimissioni dalla presidenza dell’Antimafia. Ma lui da quell’orecchio proprio non ci sente: i suoi incrollabili principi non gli consentono di rinunciare ad auto di servizio e scorta.

L’ennesima vergogna a 5Stelle, insomma, che fa il paio con gli scandali che si registrano quotidianamente in Campidoglio, dove la sindaca Virginia Raggi è arrivata a nominare assessore una sua ex compagna di classe, la quale, a sua volta, ha cercato di assumere come capo segreteria il suo amico (o marito virtuale o non si sa bene cosa). Il tutto, mentre l’assessore al Bilancio del Comune di Roma, il livornese Lemmetti, quello che si presenta nelle sedi istituzionali con felpa, maglietta e capelli lunghi bisunti, ha provato a infilare la sua compagna in un altro assessorato, venendo respinto con perdite dalla stessa Raggi.

Insomma, il prossimo “vaffa” sarà tutto per loro, per questi sciacalli, questi pirati grillini, che, dopo aver urlato per anni contro l’intera classe politica, una volta chiamati a governare hanno letteralmente depredato, con arroganza e disinvoltura, Ministeri, Comuni e tutto ciò che hanno avuto sotto mano. Il cambiamento, insomma, è stato solo di tasca.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

L'Italia e i diktat

di Adriano Tilgher

Sono oltre 70 anni che l’Italia subisce i diktat altrui senza reagire, ma neanche mediare. Da quando il 25 aprile 1945 il nostro territorio è stato completamente occupato dalle truppe anglo-americane e la resa senza condizioni firmata di nascosto il 3 settembre del 1943 e resa pubblica l’8 settembre successivo è diventata un diktat imperativo con il trattato di Parigi del 1947, l’Italia è diventata una nazione a sovranità limitata con 20.000 soldati americani - forniti di ordigni nucleari, missili e armi sofisticatissime, in basi autonome ed indipendenti da qualsiasi controllo anche giudiziario - che occupano il nostro territorio, ancora oggi.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Attacca, Boia!

1952, Pinuccia, Diana, Lisetta e Tonini (Antonietta), le sorelle Nava, Soubrettes, attrici e cantanti, portano in palcoscenico una satira bonaria del fascismo e del suo Duce con uno spettacolo che mutuava il titolo da un verso dell'opera lirica Tosca: Dinanzi a lui... Tre Nava tutta Roma. Le 4 sorelle figlie di Brugnoletto, (nome d'arte attribuito da Trilussa a Giuseppe Ciocca) e della circense Giorgina Nava, durante il Regime facevano parte della compagnia Teatrale di Nino Taranto Nel 1945 sono al fianco di Carlo Campanini e Alberto Rabagliati in Pirulì Pirulì, spettacolo firmato dal duo Garinei e Giovannini. Sino agli anni 70 le sorelle Nava saranno impegnate oltre che sui palcoscenici di tutta Europa anche in radio, cinema e tv calcando il palcoscenico al fianco di artisti come Totò, Macario, Carlo Dapporto e Nino Manfredi. Pinuccia leader del gruppo e capocomico, iniziava ogni spettacolo dando il via all'orchestra al grido di Attacca, Boia!

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.