Mattarella-Draghi, niente di buono all’orizzonte

Archiviato Giuseppe Conte e arrivato Mario Draghi alla guida del Paese, adesso gli occhi della politica sono puntati sulla data del 3 febbraio 2022, quando scadrà il mandato del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Lui ha detto in modo chiaro di non puntare alla conferma, ma si sa bene quanto i “no” degli inquilini dei Palazzi del potere siano pronunciati per essere rapidamente smentiti.

Gli “spifferi” che arrivano dal Parlamento, infatti, dicono qualcosa di ben diverso. Mattarella starebbe lavorando proprio alla conferma: i bene informati sostengono che lui resterebbe al Colle fino al 2024, per poi lasciare il posto a Mario Draghi, che, a quel punto, avrebbe rimesso in sesto il Paese.

Al di là del fatto che, già nel primo mese scarso di lavoro, Draghi ha dimostrato di avere grossi problemi a raddrizzare il timone dell’Italia (peraltro: vuole davvero rialzare il Paese o i suoi obiettivi sono altri?), è inutile sottolineare che gli accordi che prevedono “staffette” in ruoli così importanti sono difficilmente programmabili e non esistono, in effetti, precedenti di questo tipo. Ergo, se Mattarella riuscirà a essere confermato al Quirinale, possiamo star certi che ce lo sorbiremo per altri sette anni, se la salute lo assisterà.

Del resto, i segnali ci sono tutti. Alla guida del Pd, infatti, è arrivato un uomo, Enrico Letta, che ha uno dei suoi più fedeli amici a capo della Segreteria, vale a dire quel Simone Guerrini, pisano come Letta e quasi coetaneo, che ha mosso i primi passi nella Dc dorotea, che faceva riferimento a Flaminio Piccoli. Un asse – quello Guerrini-Letta – che recentemente è valso al viareggino Franco Gabrielli l’ambitissima nomina a sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, con Delega ai Servizi. Letta, quindi, avrebbe tutto l’interesse di avere al Quirinale non solo Mattarella, ma anche un suo carissimo amico in un ruolo-chiave.

Qualcuno potrebbe obiettare che Enrico Letta è anche molto amico di Draghi, ma il punto è proprio questo: Letta sponsorizzerà Draghi anche per tutta la prossima legislatura, insieme a Renzi, al Movimento 5Stelle targato Conte e a buona parte di Forza Italia. E, dunque, gli italiani corrono seriamente il rischio di avere davanti almeno altri sette anni (2021-2028) di Mattarella-Draghi. Un incubo o giù di lì.

Del resto, i giornaloni e le tv di regime stanno facendo apparire Draghi come l’uomo della Provvidenza e basta parlare con chiunque per comprendere che ci stanno riuscendo benissimo. “Draghi? Non lo conosco, ma mi sa che è l’unico che ci può salvare” è una frase che sentiamo ripetere spesso, soprattutto da persone che di politica ed economia sanno poco o nulla. Quindi, quando si andrà a votare, nel 2023, peserà molto l’elemento Draghi, che certo non avrà la forza per ottenere un’investitura popolare, ma nessuno si lamenterà se, dopo il solito “pareggio” elettorale, si tornerà su Draghi, “per il bene dell’Italia”.

In definitiva, all’orizzonte non c’è nulla di buono. Mattarella e Draghi, infatti, altro non sono che l’espressione dei potentati economico-finanziari europei e mondiali, il cui unico interesse è il profitto per pochi, a scapito dei popoli. Se oggi piove, domani potrebbe diluviare. Auguri, Italia.


Editoriale

 

L'urlo

di Adriano Tilgher

E’ qualcosa di profondo che esce in modo irrefrenabile e brucia in un attimo un’enorme quantità di energia. Può essere una manifestazione di grande gioia per il raggiungimento di un obiettivo a lungo desiderato o di profondo dolore per la perdita in modo irrecuperabile di qualcosa, di rinata speranza per l’improvvisa apparizione di una luce splendente in fondo ad un tunnel estremamente buio o di disperazione per l’atrocità dello spettacolo della realtà che si manifesta intorno a te, di travolgente passione per l’inebriante coinvolgimento in un difficile percorso di lotta e vittoria o di lancinante depressione perché non si vede nessuna via di sbocco o di fuga, di terrore per il timore di ciò che può accaderti o di coraggio per aiutarti a superare le tue paure.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Equinozio d'autunno

La parola “equinozio” deriva dal latino e significa “notte uguale” al giorno. Gli equinozi di marzo e settembre sono i due giorni dell’anno nei quali hanno inizio primavera e autunno. In questo giorno, il 22 Settembre, il Sole passa allo zenit all’equatore, sorge al polo sud, tramonta al polo nord e fa si che i raggi arrivino perpendicolari all’asse di rotazione della Terra. Porta d'ingresso dell'autunno, l'equinozio porta con sé una serie di profondi significati esoterici; il precipitare del sole, e con esso della luce, provocarono nell'uomo arcaico una sensazione di ansia per ciò che non poteva controllare né prevedere, ma anche il senso di forze cosmiche e occulte che dirigevano i fenomeni e le conseguenze ad essi associati. Non è un caso che l'equinozio abbia infatti una stretta connessione con tutto ciò che riguarda l'occulto, il sacrificio, la morte.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.