Mattarella-Draghi, niente di buono all’orizzonte

Archiviato Giuseppe Conte e arrivato Mario Draghi alla guida del Paese, adesso gli occhi della politica sono puntati sulla data del 3 febbraio 2022, quando scadrà il mandato del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Lui ha detto in modo chiaro di non puntare alla conferma, ma si sa bene quanto i “no” degli inquilini dei Palazzi del potere siano pronunciati per essere rapidamente smentiti.

Gli “spifferi” che arrivano dal Parlamento, infatti, dicono qualcosa di ben diverso. Mattarella starebbe lavorando proprio alla conferma: i bene informati sostengono che lui resterebbe al Colle fino al 2024, per poi lasciare il posto a Mario Draghi, che, a quel punto, avrebbe rimesso in sesto il Paese.

Al di là del fatto che, già nel primo mese scarso di lavoro, Draghi ha dimostrato di avere grossi problemi a raddrizzare il timone dell’Italia (peraltro: vuole davvero rialzare il Paese o i suoi obiettivi sono altri?), è inutile sottolineare che gli accordi che prevedono “staffette” in ruoli così importanti sono difficilmente programmabili e non esistono, in effetti, precedenti di questo tipo. Ergo, se Mattarella riuscirà a essere confermato al Quirinale, possiamo star certi che ce lo sorbiremo per altri sette anni, se la salute lo assisterà.

Del resto, i segnali ci sono tutti. Alla guida del Pd, infatti, è arrivato un uomo, Enrico Letta, che ha uno dei suoi più fedeli amici a capo della Segreteria, vale a dire quel Simone Guerrini, pisano come Letta e quasi coetaneo, che ha mosso i primi passi nella Dc dorotea, che faceva riferimento a Flaminio Piccoli. Un asse – quello Guerrini-Letta – che recentemente è valso al viareggino Franco Gabrielli l’ambitissima nomina a sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, con Delega ai Servizi. Letta, quindi, avrebbe tutto l’interesse di avere al Quirinale non solo Mattarella, ma anche un suo carissimo amico in un ruolo-chiave.

Qualcuno potrebbe obiettare che Enrico Letta è anche molto amico di Draghi, ma il punto è proprio questo: Letta sponsorizzerà Draghi anche per tutta la prossima legislatura, insieme a Renzi, al Movimento 5Stelle targato Conte e a buona parte di Forza Italia. E, dunque, gli italiani corrono seriamente il rischio di avere davanti almeno altri sette anni (2021-2028) di Mattarella-Draghi. Un incubo o giù di lì.

Del resto, i giornaloni e le tv di regime stanno facendo apparire Draghi come l’uomo della Provvidenza e basta parlare con chiunque per comprendere che ci stanno riuscendo benissimo. “Draghi? Non lo conosco, ma mi sa che è l’unico che ci può salvare” è una frase che sentiamo ripetere spesso, soprattutto da persone che di politica ed economia sanno poco o nulla. Quindi, quando si andrà a votare, nel 2023, peserà molto l’elemento Draghi, che certo non avrà la forza per ottenere un’investitura popolare, ma nessuno si lamenterà se, dopo il solito “pareggio” elettorale, si tornerà su Draghi, “per il bene dell’Italia”.

In definitiva, all’orizzonte non c’è nulla di buono. Mattarella e Draghi, infatti, altro non sono che l’espressione dei potentati economico-finanziari europei e mondiali, il cui unico interesse è il profitto per pochi, a scapito dei popoli. Se oggi piove, domani potrebbe diluviare. Auguri, Italia.


Editoriale

 

Il ruolo dell'Italia - 4

di Adriano Tilgher

Patrimonio culturale immateriale, patrimonio culturale materiale, faro di cultura e di civiltà, posizione geopolitica e strategica fondamentale per l’equilibrio nel Mediterraneo in una nuova identità che nasca dal superamento di tutte le contraddizioni interne sono il presupposto per definire il ruolo finale dell’Italia. Non si tratta di egemonia mondiale di cui stiamo parlando perché questa sul piano culturale ci appartiene di diritto e ci è riconosciuta da tutti ed è la ragione principale per cui l’Italia è sotto attacco soprattutto nel campo della formazione. Non si tratta nemmeno di becero imperialismo imperniato sulla forza delle armi sotto l’egida e il ricatto della grande industria militare, stiamo parlando di qualcosa di molto più concreto, legato ai valori profondi dell’essere umano e delle comunità che riesce a costruire.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Più buio che a mezzanotte non viene

22 giugno 1946 entra in vigore il: “Decreto presidenziale di amnistia e indulto per reati (..), politici e militari”, avvenuti durante il periodo dell'"occupazione nazifascista". Legge proposta e varata da Palmiro Togliatti, segretario del PCI, e allora ministro di Grazia e Giustizia del primo governo De Gasperi. L'amnistia, che prenderà il nome dal suo promulgatore, aveva come scopo primario, quello di giungere quanto prima a una pacificazione nazionale, per evitare che l'"epurazione", degli ex fascisti rallentasse la ricostruzione materiale del paese. Con l'amnistia vennero scarcerati migliaia di detenuti che furono reinseriti senza troppo clamore nella cosiddetta "Società Civile". Stranamente (o forse no) alcuni degli ex prigionieri, arriveranno perfino a iscriversi al Partito Comunista, chi per convenienza, chi per continuare l’ideale battaglia de: "Il sangue contro l'oro",  in quanto (almeno a parole) vedevano nel PCI un argine ad una visione liberista del mondo, identificando più che nell'unione Sovietica il nemico in quegli Stati Uniti artefici di massacri e distruzione delle nostre città.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.