La Corte Costituzionale non ha "salvato" alcun DPCM

Scrivere un articolo di giornale senza possedere le minime basi giuridiche denota improvvisazione e mancanza di quella minima preparazione richiesta per il superamento dell'esame di abilitazione ad una splendida professione. Il "Fatto Quotidiano", diretto dal dott. Marco Travaglio, riporta un pezzo dal titolo "Dpcm dovuti e legittimi, ma il giudice non lo sa". L'articolista richiama la sentenza del G.I.P. di Reggio Emilia 27 gennaio 2021, n. 54 che ha disapplicato il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 08 marzo 2020, rigettando la richiesta di decreto penale di condanna, per contrasto con l'art. 13 della Costituzione in quanto un atto amministrativo non soddisfa le garanzie, riserva di legge e riserva di giurisdizione, poste dalla Costituzione repubblicana a presidio della inviolabilità della libertà personale. In particolare, l'autore critica il G.I.P dal momento che avrebbe ignorato la recentissima pronuncia della Corte costituzionale n. 37/2021 la quale, secondo lui, avrebbe ritenuto "legittimi e necessari i Dpcm".

Un tentativo mal riuscito per difendere l'indifendibile, ossia l'operato del Governo Conte II e il partito di maggioranza relativa. Vediamo di spiegare all'autore alcune cose:

1) il giudice costituzionale non può sindacare la legittimità di fonti secondarie di produzione del diritto in ragione della lettera dell'art. 134 del Testo fondamentale che limita il controllo di costituzionalità alle leggi e agli atti normativi aventi forza di legge dello Stato e delle Regioni. Semmai, può farlo in sede di conflitto di attribuzioni, ma non è questo il caso;

2) con l'ordinanza n. 4/2021 la Corte costituzionale, per la prima volta, ha accolto la richiesta di sospensiva dell'efficacia della legge regionale valdostana 09 dicembre 2020, n. 11, avanzata dal Governo della Repubblica, recante misure di contenimento meno restrittive rispetto alla normativa statale, ribadendo come queste rientrino nella potestà legislativa esclusiva dello Stato, in particolare nella materia della profilassi internazionale, ma nulla ha statuito riguardo al modo con cui l'Esecutivo ha operato. Ad analoghe conclusioni perviene la sentenza n. 37/2021 attraverso la quale il giudice delle leggi entra nel merito della questione della legge regionale della Valle d'Aosta/Vallée d'Aoste, precisando, nel punto 8.1. del considerato in diritto, che non è in discussione la questione della "legittimità dei Dpcm";

3) la Corte non tocca in alcun modo l'art. 2, comma 1, del decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19 (convertito, con modificazioni, nella legge ordinaria dello Stato n. 35/2020) il quale consente al Presidente del Consiglio dei Ministri pro tempore di dare attuazione e di modulare le misure di contenimento di cui al precedente art. 1, comma 2. Esiste, infatti, il principio di corrispondenza tra chiesto e pronunciato, concernente pure le pronunce della Corte costituzionale, che forse varrebbe la pena studiare prima di redigere articoli non rispondenti al vero.


Editoriale

 

Il ruolo dell'Italia - 4

di Adriano Tilgher

Patrimonio culturale immateriale, patrimonio culturale materiale, faro di cultura e di civiltà, posizione geopolitica e strategica fondamentale per l’equilibrio nel Mediterraneo in una nuova identità che nasca dal superamento di tutte le contraddizioni interne sono il presupposto per definire il ruolo finale dell’Italia. Non si tratta di egemonia mondiale di cui stiamo parlando perché questa sul piano culturale ci appartiene di diritto e ci è riconosciuta da tutti ed è la ragione principale per cui l’Italia è sotto attacco soprattutto nel campo della formazione. Non si tratta nemmeno di becero imperialismo imperniato sulla forza delle armi sotto l’egida e il ricatto della grande industria militare, stiamo parlando di qualcosa di molto più concreto, legato ai valori profondi dell’essere umano e delle comunità che riesce a costruire.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Più buio che a mezzanotte non viene

22 giugno 1946 entra in vigore il: “Decreto presidenziale di amnistia e indulto per reati (..), politici e militari”, avvenuti durante il periodo dell'"occupazione nazifascista". Legge proposta e varata da Palmiro Togliatti, segretario del PCI, e allora ministro di Grazia e Giustizia del primo governo De Gasperi. L'amnistia, che prenderà il nome dal suo promulgatore, aveva come scopo primario, quello di giungere quanto prima a una pacificazione nazionale, per evitare che l'"epurazione", degli ex fascisti rallentasse la ricostruzione materiale del paese. Con l'amnistia vennero scarcerati migliaia di detenuti che furono reinseriti senza troppo clamore nella cosiddetta "Società Civile". Stranamente (o forse no) alcuni degli ex prigionieri, arriveranno perfino a iscriversi al Partito Comunista, chi per convenienza, chi per continuare l’ideale battaglia de: "Il sangue contro l'oro",  in quanto (almeno a parole) vedevano nel PCI un argine ad una visione liberista del mondo, identificando più che nell'unione Sovietica il nemico in quegli Stati Uniti artefici di massacri e distruzione delle nostre città.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.