Il Governo Draghi e la sfida migratoria

Il Presidente del Consiglio dei Ministri pro tempore, prof. Mario Draghi, durante il suo intervento programmatico al Senato della Repubblica in occasione dell'approvazione della mozione di fiducia, ha toccato, tra i vari temi, quello del fenomeno migratorio. In particolare, Draghi ha affermato che l'Italia, insieme ad altri Paesi del Mediterraneo, proporrá in sede comunitaria un meccanismo di redistribuzione obbligatoria dei migranti/clandestini.

Due osservazioni: 1) Draghi (volutamente?) come l'intera Unione Europea paiono dimenticare la causa principale del fenomeno la quale, quando non viene declinata in termini ideologici, è collegata alla mancanza di una seria politica di sviluppo economico nei Paesi di partenza. Non è tollerabile, lo ha rilevato anche la Corte del Conti europea, versare milioni di euro a Stati africani retti da Governi deboli e corrotti. A titolo esemplificativo, basti solo ricordare come, tra il 2014 ed il 2020, il Kenya abbia ricevuto 435 milioni di euro, ossia lo 0,6% del gettito fiscale del Paese; 2) siamo così sicuri che Stati membri quali Polonia, Slovacchia, Ungheria, Francia, Germania siano disposti a voler modificare (se ne parla fin dal 2014) il regolamento UE n. 604/2013 del Parlamento e del Consiglio (c.d. Dublino III)?

Draghi pare aver imparato poco dal Governo precedente, avendo confermato Ministro dell'Interno la dott.ssa Luciana Lamorgese, già nota per il fallimentare accordo di Malta del settembre 2019 sulla distribuzione volontaria dei migranti e non all'altezza del compito dato che gli sbarchi sono triplicati rispetto al Conte I. All’Africa mancano scuole, ospedali, centrali elettriche, strade, acquedotti, fabbriche: possiamo costruirle con aziende di Stato e private italiane attraverso specifici accordi con i rispettivi Esecutivi e come manodopera potremmo utilizzare tutti i clandestini arrivati in Italia per motivi economici, rimpatriandoli, dato che a casa loro si andrebbero a porre le premesse per Nazioni degne di questo nome.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

L'Italia e i diktat

di Adriano Tilgher

Sono oltre 70 anni che l’Italia subisce i diktat altrui senza reagire, ma neanche mediare. Da quando il 25 aprile 1945 il nostro territorio è stato completamente occupato dalle truppe anglo-americane e la resa senza condizioni firmata di nascosto il 3 settembre del 1943 e resa pubblica l’8 settembre successivo è diventata un diktat imperativo con il trattato di Parigi del 1947, l’Italia è diventata una nazione a sovranità limitata con 20.000 soldati americani - forniti di ordigni nucleari, missili e armi sofisticatissime, in basi autonome ed indipendenti da qualsiasi controllo anche giudiziario - che occupano il nostro territorio, ancora oggi.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Attacca, Boia!

1952, Pinuccia, Diana, Lisetta e Tonini (Antonietta), le sorelle Nava, Soubrettes, attrici e cantanti, portano in palcoscenico una satira bonaria del fascismo e del suo Duce con uno spettacolo che mutuava il titolo da un verso dell'opera lirica Tosca: Dinanzi a lui... Tre Nava tutta Roma. Le 4 sorelle figlie di Brugnoletto, (nome d'arte attribuito da Trilussa a Giuseppe Ciocca) e della circense Giorgina Nava, durante il Regime facevano parte della compagnia Teatrale di Nino Taranto Nel 1945 sono al fianco di Carlo Campanini e Alberto Rabagliati in Pirulì Pirulì, spettacolo firmato dal duo Garinei e Giovannini. Sino agli anni 70 le sorelle Nava saranno impegnate oltre che sui palcoscenici di tutta Europa anche in radio, cinema e tv calcando il palcoscenico al fianco di artisti come Totò, Macario, Carlo Dapporto e Nino Manfredi. Pinuccia leader del gruppo e capocomico, iniziava ogni spettacolo dando il via all'orchestra al grido di Attacca, Boia!

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.